Prestiti cambializzati veloci, subito, in 24 – 48 ore

I prestiti cambializzati veloci rientrano nella categoria dei prestiti personali che si possono ottenere subito, in brevissimo tempo. Si distinguono quindi, per la rapidità di approvazione e erogazione. Ma sarà davvero così?

Purtroppo la risposta non può essere limitata ad un sì o un no, conseguentemente al fatto che, in realtà, sono molte variabili che influenzano la velocità con cui un prestito viene approvato e successivamente erogato.

In questo articolo cerchiamo di fare un po’ di chiarezza ed al contempo dare alcuni suggerimenti utili per chi si trova nella necessità di chiedere e possibilmente ottenere un prestito che ha come garanzia una o più cambiali.

prestiti-veloci-immediati

Prestiti cambializzati veloci: chi può richiederli

Tutti possono richiedere i prestiti cambializzati veloci. Questi infatti abbracciano un bacino di utenti molto ampio: dai lavoratori dipendenti con regolare busta paga, ai lavoratori autonomi, sino ai pensionati. Non vengono esclusi nemmeno i disoccupati o i cattivi pagatori che devono, com’è ovvio, presentare delle garanzie molto solide per ottenere un prestito cambializzato veloce.

Documenti necessari

Data la natura dei prestiti cambializzati veloci, per tutti vale la regola che per averli occorre principalmente avere beni pignorabili in grado di coprire l’intero finanziamento cambializzato. Inoltre, per facilitare l’approvazione del prestito sarebbe bene avere le seguenti ulteriori garanzie:

  • Il lavoratore dipendente dove presentare il certificato di busta paga oltre all’ammontare del TFR accumulato;
  • un lavoratore autonomo deve consegnare alla banca il Modello Unico degli anni precedenti ed una polizza sulla vita sottoscritta da un minimo di 2 anni;
  • se il richiedente è un pensionato basterà portare con sé il certificato pensionistico;
  • chi è disoccupato deve almeno possedere un immobile e portare la piantina catastale per una sua valutazione oppure farsi accompagnare da un garante, al quale la banca potrà rivolgersi in caso di mancato pagamento;
  • se si è registrati al CRIF come cattivo pagatore, si devono offrire ulteriori garanzie. Come già detto, le migliori sono costituite da immobili di proprietà.

Tutto quanto detto è vero, ma ti domando: se sei un lavoratore dipendente o un lavoratore autonomo o comunque puoi dimostrare di avere un reddito, perché ricorrere a prestiti cambializzati? Perché non provi con i prestiti veloci di Agos? Oppure Findomestic?

Prestiti cambializzati veloci: davvero denaro contante subito?

Nell’immaginario comune, i prestiti veloci cambializzati sono la risposta ideale per chi ha necessità di liquidità immediata e non può attendere i tempi di approvazione previsti dalle altre tipologie di finanziamento personale, l’approvazione è quasi immediata: in 24-48 ore solitamente i soldi sono già depositati sul conto.

Tutto ciò purtroppo non corrisponde sempre alla realtà. Di fatto, nella maggior parte dei casi, chi ricorre a questo tipo di prestito, lo fa perché è stato segnalato come cattivo pagatore e non ha accesso ai normali canali creditizi in quanto iscritto al CRIF. Quindi, se si hanno problemi non ancora risolti, è improbabile che si possa avere liquidità entro 24 – 48 ore dalla richiesta di finanziamento.

Tra l’altro, il prestatore, sia esso un privato che una banca, prima di concedere un prestito con a garanzia una o più cambiali, effettua delle verifiche sullo stato patrimoniale di chi richiede il prestito, questo per sincerarsi che ci siano beni da pignorare in caso di mancato pagamento di una o più rate. Tutto ciò allunga notevolmente i tempi di erogazione del denaro, per cui addio prestito veloce.

Da leggere: guida ai prestiti cambializzati a domicilio

Prestiti cambializzati veloci: fattori che ne determinano la rapidità di erogazione

La velocità con cui viene erogato un prestito cambializzato dipende da molteplici fattori, solo dopo averli identificati e tenuti in dovuta considerazione si possono formulare delle ipotesi che siano verosimilmente attendibili.

Andiamo per ordine, vediamo quali sono i fattori principali ed il peso che essi hanno nella rapidità con cui il finanziamento viene erogato.

  1. Individuazione della banca o privato disposto ad erogare un prestito che abbia come unica garanzia la cambiale/i;
  2. la pronta disponibilità di tutta la documentazione necessaria per preparare la pratica di finanziamento;
  3. velocità delle verifiche (da parte della banca o del privato) dei documenti forniti dal richiedente;
  4. ammontare della somma richiesta;
  5. disponibilità e tipi di beni pignorabili;
  6. status creditizio del richiedente presso le banche dati e liste di cattivi pagatori.

Come ormai avrai capito, avere un prestito cambializzato subito, in 24 o anche 48 ore è davvero molto difficile. Anche la sola ricerca di una banca o di un privato talvolta può richiedere più tempo, ma in questo caso non c’è nulla da fare, causa forza maggiore l’operazione non si può fare.

Come provare ad avere un prestito cambializzato veloce in 24 – 48 ore

L’unico modo realistico per provare ad avere accesso ai prestiti cambializzati veloci è quello di attivare un prestito cambializzato tra privati.

Sì, in questo caso, se il rapporto di fiducia tra i privati è elevato (… vero, la cambiale è un titolo esecutivo ma il creditore non se ne fa nulla se non ci sono beni da pignorare), sicuramente l’operazione è realmente fattibile: Il prestito si ottiene subito, in uno massimo due giorni.

Ecco come fare: per formalizzare l’operazione, basta una scrittura privata nella quale si può prevedere una quota di interessi (la legge italiana permette), in quel caso basterà scrivere sul contratto che trattasi di un “mutuo fruttifero”. Nel caso in cui non siano previsti degli interessi, includere nella scrittura privata “mutuo infruttifero”.

Naturalmente, nel caso si stia parlando di somme importanti, anche se non è necessario, sarebbe meglio redigere il contratto con l’aiuto di un notaio.

Attenzione: il passaggio di denaro deve essere tracciabile (assegno o versamento sul conto corrente), questo per poter dimostrare che il prestito sia realmente avvenuto come previsto nella scrittura privata, così il “cerchio” si chiude.

Da leggere: prestito veloce in 24 ore anche senza busta paga

Consigli su come avere un prestito con cambiali subito, in una settimana

Appurato che il prestito con cambiali tra privati sia l’unico modo davvero rapido per avere in mano i soldi entro 24 -48 ore, possiamo ora andare ad argomentare le altre possibilità.

Ecco a seguire i nostri consigli su come muoversi per avere un prestito cambializzato veloce.

Essere consapevoli che i prestiti cambializzati necessitano di garanzie

Quasi un comandamento: entra nell’ottica che la banca ha come unico obiettivo riavere i soldi prestati e riaverli con gli interessi, il tutto limitando al massimo i rischi! Non c’è altro fine a breve termine. Quindi tieni a mente che tu sei il cliente che desidera comprare il denaro che loro hanno e che vogliono vendere per fare utili. Questo funziona solo se tu gli dimostri con i fatti che puoi restituire il denaro avuto in prestito con tanto di interessi.

Chiedi aiuto ad un consulente finanziario

Se conosci un bravo consulente finanziario contattalo subito, ti costerà un po’, ma aumenterà esponenzialmente le possibilità di successo.

Un buon mediatore creditizio può aprire porte che tu non potresti mai neanche immaginare. Certo, non possono fare miracoli ma conoscono le banche ed il loro modo di operare (e qualche volta anche chi ci lavora in banca). Se c’è una possibilità, con l’appoggio di un consulente esperto, è probabile che tutto vada per il meglio.

Se non conosci un buon consulente finanziario, continua la lettura, altrimenti molla tutto e chiamalo… non avevi fretta?

Cerca più enti e privati che erogano prestiti cambializzati veloci

Stila un elenco di tutte le differenti banche presenti nel tuo territorio, dopodiché telefona ad ognuna di loro e chiedi di parlare con il direttore o comunque con l’incaricato dell’ufficio prestiti.

Probabilmente prima di concederti un appuntamento vorrà sapere qual è l’ammontare del prestito cambializzato che intendi richiedere e come pensi di restituirlo. Preparati a sentirti dire che loro non fanno prestiti cambializzati, proprio per questo, ti ho suggerito prima, di fare una bella lunga lista.

Redigi una lista dei tuoi beni pignorabili

Dai valore alla tua firma sulla cambiale. Ricorda, se vuoi essere preso sul serio da chi ti dovrebbe prestare del denaro dietro garanzia della firma di una o più cambiali, devi dimostrare di essere in possesso di beni pignorabili (del valore superiore al prestito che intendi richiedere).

Usa come garanzia il tuo TFR (Trattamento di fine rapporto)

Sappi che se sei un lavoratore dipendente puoi utilizzare come garanzia il TFR (trattamento di fine rapporto), ricorda però che non è interamente pignorabile. A meno che tu non abbia accantonato una somma molto elevata, se hai da offrire solo i TFR come unica garanzia, non potrai chiedere molto denaro. Questo perché, il TFR è pignorabile per legge fino ad un massimo del 20%, vale a dire un quinto dell’intero importo accumulato.

Ciò detto, se questa possibilità è sufficiente a soddisfare i tuoi bisogni, allora perché non chiedere un prestito con cessione del quinto? Perché firmare titoli esecutivi? Se malauguratamente ti capita un imprevisto e non pagare le rate, chi ha la cambiale può mandarla in protesto e le conseguenze sono pesanti: pignoramento dei beni e reputazione creditizia rovinata.

Da leggere: come avere un prestito da 1000 euro immediato

Come funziona un prestito cambializzato veloce

Per ogni prestito cambializzato veloce, la rata da corrispondere è pari alla cambiale che costituisce la garanzia che la banca o il privato ha per concedere il denaro in prestito.

Ad ogni pagamento della rata del prestito, verrà restituita la cambiale detenuta dalla banca. Il debito si considererà estinto quando tutte le cambiali saranno nelle mani di chi ha richiesto il finanziamento.

La rapidità di accettazione dei prestiti cambializzati (quando lo status patrimoniale del richiedente lo permette) risiede proprio nella natura della cambiale, che consente al creditore – in caso di mancato pagamento -, l’espropriazione dei beni personali, posti a garanzia del finanziamento.

Maggiori sono le garanzie, maggiore è la velocità di approvazione del prestito. Soprattutto se gestito tra privati, si possono ottenere i soldi da 24 ore ad un massimo di 3 giorni.

Dopo alcuni giorni dalla richiesta, se tutto è andato bene, solitamente si riceve conferma dell’avvenuto accredito del denaro, ed è a questo punto che si dovrà far più attenzione: le banche concedono due mesi dall’erogazione per il pagamento della prima cambiale che sin dalla prima emissione dovrà essere in regola con il pagamento dell’imposta di bollo.

La regolarizzazione del bollo è di primaria importanza; questa mancanza può spingere la banca a espropriare per direttissima i beni posti a garanzia. Infatti è l’apposizione del bollo sulla cambiale a rendere il titolo esecutivo, senza di esso la cambiale non può essere pagata: l’importo dell’imposta è proporzionale al valore della cambiale e corrisponde al 12 per mille del valore di ogni cedola.

Prestiti veloci con cambiali: è possibile averli da una banca?

Chiedere un prestito con cambiali urgente ad una banca è possibile certo, ma difficilmente la richiesta di finanziamento sarà accettata. Ecco perché…

Innanzi tutto, sono davvero poche le banche o finanziarie che al momento offrono la possibilità di richiedere un finanziamento cambializzato. Il motivo è dato dal fatto che l’Istituto preferisce sempre, salvo casi molto particolari, proporre uno dei prodotti tradizionali come prestiti personali, cessioni del quinto, mutui ipotecari o chirografari. Queste soluzioni, sono le preferite dalle banche e finanziarie, questo perché il rischio di insoluti è minore, infatti, tali finanziamenti, sono possibili solo nel momento in cui si ha un reddito mensile dimostrabile.

Un altro motivo che spesso induce la banca a non erogare dei prestiti con cambiali, è dovuto al fatto che, di solito, chi richiede di utilizzare questa forma di finanziamento in sostituzione dei prestiti tradizionali, è perché non può accedere ad un normale finanziamento, magari a causa di un precedente protesto o di una segnalazione al CRIF. In questi casi dunque, è normale che la banca reputi tale operazione troppo rischiosa e nega ogni forma di finanziamento.

Dove richiedere prestiti cambializzati veloci?

Ma esistono delle banche che offrono questa forma di finanziamento? Come anticipato, le banche che offrono ” prestiti cambializzati veloci “ sono davvero una rarità. Per accertare la situazione non rimane che andare nelle banche locali e chiedere se e come si può avere un prestito con cambiali.

Nel caso in cui si riesca a trovare una banca che offre la possibilità di richiedere un prestito con le cambiali, bisogna comunque sapere che questo non sarà un processo veloce.

Infatti, anche se offrono questa linea di credito, prima di poter emettere la somma richiesta hanno bisogno comunque di fare un controllo creditizio, inoltre devono valutare le garanzie che adduce il richiedente. Infatti, anche in questo caso non possono mancare un reddito mensile stabile o un’immobile su cui poter accendere un’ipoteca.

I prestiti cambializzati veloci, si possono ottenere a patto che si abbiano da offrire solide garanzie. Gli istituti bancari hanno la necessità di avere la certezza di poter rientrare della somma prestata, nel caso in cui il debitore non paghi regolarmente le rate o in questo caso le cambiali.

In conclusione, richiedere un finanziamento cambializzato a una banca è molto complesso in quanto questo è uno strumento che sta cadendo in disuso. Non solo, anche se si trova un Istituto finanziario che lo eroga, comunque i tempi risulteranno essere abbastanza lunghi, perché questo dovrà fare diversi accertamenti prima di decidere se erogare o meno la somma richiesta.

Alternativa alle banche: prestiti cambializzati veloci tra privati

Sì, hai capito bene, il prestito con cambiali urgente è possibile ed è perfettamente legale anche se ad erogarlo è un privato, meglio se un amico o un parente che ha risorse economiche e molta fiducia in te. Mi raccomando non affidarti ad estranei che promettono prestiti facili e senza garanzie, potresti rischiare di metterti i guai seri.

Come accennato, il prestito tra privati con cambiali è previsto dalla legge italiana, quindi il trasferimento di una somma specifica da un soggetto all’altro può avvenire in totale tranquillità. L’unico obbligo da adempiere da parte del creditore è la comunicazione all’agenzia delle Entrate mediante la Dichiarazione dei Redditi, dell’emissione del prestito.

Per approfondire: prestiti cambializzati tra privati

Questa soluzione può permetterti di ottenere la somma di cui necessiti in tempi brevi. Naturalmente per riceverlo bisognerà emettere, nei confronti dell’amico o del parente che ha prestato i soldi, delle cambiali firmate e contrassegnate in ogni campo, accompagnate da una marca da bollo. Queste poi vanno consegnate al creditore, che a sua volta le userà per ottenere il pagamento alla scadenza.

Questa soluzione non è sempre attuabile, ma risulta essere l’unica via per ottenere un prestito cambializzato in tempi rapidi.

Da leggere: prestito personale Findomestic

Alternative ai finanziamenti cambializzati

Ci sono delle soluzioni alternative al un finanziamento con cambiali urgente? Se si hanno protesti o segnalazioni al CRIF, e per questo motivo si era pensato a un prestito cambializzato, solo per chi ha un contratto a tempo indeterminato è possibile pensare a soluzioni alternative e più accessibili. Ad esempio, per questa tipologia di lavoratori è possibile richiedere la  cessioni del quinto dello stipendio.

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione

La cessione del quinto dello stipendio, permette alla finanziaria di ottenere il pagamento della rata direttamente all’azienda o amministrazione pubblica per la quale lavora il richiedente. In questo modo, ha la sicurezza che la rata verrà corrisposta puntualmente ogni mese. Questa soluzione prevede tempi più lunghi rispetto a quelli di un normale finanziamento, ma è certamente un’alternativa più semplice da perseguire, rispetto all’impiego delle cambiali.

Il prestito personale con garante

Se si ha un contratto a tempo indeterminato è possibile adottare anche una seconda soluzione ossia il prestito con garante. In questo caso si può chiedere alla banca di accedere a un prestito personale anche se si hanno protesti o segnalazioni al CRIF, ciò può avvenire solo nel momento in cui chi segnali come garante ha una storia creditizia immacolata e uno stipendio a tempo indeterminato o una pensione.

Queste due soluzioni alternative al prestito cambializzato urgente, prevedono comunque degli accertamenti da parte dell’Istituto di credito, quindi è necessario rivolgersi di persona alla banca per valutare se ci sono o meno i requisiti per riuscire a ottenere il finanziamento.

Prestito con cambiali: vantaggi

  1. Soprattutto quando gestito tra privati è un prestito molto veloce e facilmente gestibile
  2. Può essere richiesto anche da chi risulta iscritto come cattivo pagatore al pubblico registro – CRIF
  3. Se la c’è trattativa, in taluni casi lo stesso può avere un tasso di interesse più basso rispetto ad altri tipi di prestiti personali
  4. In caso di difficoltà le cambiali possono essere rinnovate se la controparte approva

Prestito a cambiali: svantaggi

Il più grande svantaggio a cui si può andare incontro è che in caso di mancato pagamento di una o più rate del prestito, il creditore può mandare in protesto la cambiale. In quel caso, sorgono molti problemi. Oltre che a vedersi pignorati i beni necessari a coprire l’intero prestito più interessi ed ovviamente le spese di mora, il protesto fa scattare anche la tanto temuta segnalazione alla centrale rischi. Insomma sarà ancora più difficile se non impossibile avere altri prestiti.

Svantaggio: costi più alti rispetto ad un normale prestito personale, questo è dovuto principalmente al fatto che, chi arriva a chiedere un prestito con cambiali, lo fa perché non ha altre alternative ed è quindi in una posizione dove è praticamente impossibile trattare sugli interessi e costi accessori. Non sono molti gli istituti che interessati a concedere questi tipi di finanziamenti, quindi… prendere o lasciare. Oltre a quanto appena detto, si deve mettere il conto il costo del bollo, che lo ricordiamo è dell’11 per mille per la cambiale “Tratta” e del 12 per mille per la “Pagherò” più le eventuali commissioni di istruttoria.

Da leggere: come funzionano le cambiali Tratta e Pagherò

Altro svantaggio – soprattutto se la somma richiesta è rilevante – è che, la banca per concedere il prestito non ritenga sufficiente la sola cambiale. Non di rado infatti, gli istituti di credito esercitano una forte pressione affinché si coinvolga un garante e addirittura si stipuli una polizza vita (così vendono anche quella).

Se difatti, la cambiale costituisce lo strumento che consente alla banca di pignorare i beni del cliente insolvente, certamente non sarà sufficiente a soddisfare la sete di certezza della banca. Infatti, prima di concludere una operazione finanziaria, l’istituto di credito si assicura sempre di avere tutte le garanzie necessarie affinché il debito possa essere estinto. Talvolta, addirittura a prescindere dall’eventualità del pignoramento dei beni, che per loro natura non sono eterni.

Prestiti veloci senza cambiali: tempistiche

Se i prestiti veloci con cambiali hanno tempistiche più o meno rapide a seconda dei casi, esistono altri strumenti finanziari che possono soddisfare, talvolta anche più rapidamente, le proprie necessità. Ognuno ha il suo tempo d’attesa; se l’urgenza di denaro può attendere qualche giorno, sarà bene valutare tutte le prospettive che il mercato finanziario può offrirti.

Prestito veloce rata bassotta

7 Giorni: il prestito rata bassotta corrisponde alla cessione del quinto dello stipendio, pertanto possono accedervi solo dipendenti pubblici e privati o pensionati. Ha un tasso molto basso, intorno al 4%.

Prestiti online immediati

24 ore: i prestiti online immediati sono concessi a lavoratori pubblici e privati o lavoratori autonomi, così come ai pensionati. Hanno un tasso, solitamente fisso che si aggira tra l’8 e il 10%.

Prestiti per casalinghe

3 settimane: i prestiti per casalinghe sono concessi a casalinghe senza garante, in caso di piccolo reddito personale, o con garante in caso contrario. I tassi salgono all’11-14%.

Prestito con carta revolving

3 settimane/ 1 mese: il prestito con carta revolving è disponibile per casalinghe e studenti, senza busta paga, che possono richiedere al massimo 1.500€. I tassi crescono ancora stanziandosi al 17-19% per l’assenza di garanzie.

Prestito Inpdap/ Inps

Tempo di erogazione variabile; la tempistica si allunga se non si consegna il modulo direttamente all’ufficio di competenza ma ad un istituto convenzionato. L’INPDAP piccolo prestito è destinato a dipendenti Inps o pensionati ex Inpdap. Il tasso di interesse complessivo è del 5%.

I nostri consigli

Cercare di ottenere un prestito veloce con cambiali a garanzia può sembrare la migliore soluzione nell’immediato, ma prima di intraprendere questa strada, il nostro consiglio è di fare i conti con le proprie reali disponibilità.

Le cambiali dovrebbero essere l’ultima delle opzioni a cui ricorrere se si ha bisogno di denaro perché sono fortemente penalizzanti in caso ci si trovi in difficoltà con il pagamento di una o più rate del finanziamento.

Da leggere: prestiti personali flessibili e veloci Compass