Foto che rappresenta il concetto di acquisto di una casa

Sei alle prese con l’acquisto della prima casa e le offerte dei mutui che hai visto online arrivano solo all'80% del costo dell'immobile: come fare? Aspetta, non perderti d'animo, hai mai sentito parlare di mutui che possono finanziare l’intero valore dell’immobile? Interessante, vero? Bene, se cosi è allora sei nel posto giusto, ho le informazioni che stai cercando!

In questo articolo ti fornisco una panoramica generale di quello che è un Mutuo 100 Per Cento Prima Casa, delle sue caratteristiche e dei piani di ammortamento tipici di questo particolare finanziamento. Nell'articolo, trovi anche le indicazioni di 3 banche che erogano questi tipi di mutui. Inoltre, una volta fatte alcune verifiche, nel caso in cui riscontri di non avere tutte le caratteristiche per accedere ad un Mutuo 100%, ti darò altre utili normazioni su alcune possibili alternative, solo che, in quel caso, sarà necessario trovare un garante per rendere più semplice l'accesso a tali risorse.

Pronto a scoprire tutto su come avere un mutuo per la tua prima casa? Bene, allora, comincia a leggere l’articolo che ho preparato per te, così da fugare immediatamente ogni dubbio e trovare la soluzione che tanto hai cercato.

Mutuo 100 Per Cento Prima Casa: cos'è

Un mutuo 100 per cento prima casa, come suggerisce il nome, è un prestito che permette di finanziare l’intero valore dell’immobile. Si tratta quindi di una grande opportunità che apre la possibilità di acquistare una casa anche a coloro che non hanno risorse tali per accedere ai mutui canonici che coprono al massimo l’80% del valore dell'immobile. Tutto ciò è possibile -come vedremo nel paragrafo successivo- grazie al "Fondo di garanzia per i mutui per la prima casa".

Mutuo 100: sì, ma con il fondo di garanzia

Istituito nel 2013 (legge 27 dicembre 2013, n.147, art. 1, comma 48, lettera C), il Fondo di garanzia per la prima casa è gestito dalla Consap Spa, una società controllata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze. Questo fondo è rivolto a tutte quelle persone che hanno l'intenzione di acquistare un'abitazione ma che non hanno le risorse economiche sufficienti a coprire la parte non finanziabile dell'immobile. Essendo un fondo il cui budget è "limitato", per aderirvi occorre avere determinati requisiti i quali sono riportati nel testo di legge che regola i meccanismi di adesione. Il Fondo rilascia garanzie per un massimo del 50% del valore dell'immobile sui mutui ipotecari inferiori ai 250.000€. Tutto questo abbassa in rischi per le banche e quindi il ventaglio di persone che hanno accesso al credito per l'acquisto della prima abitazione si amplia notevolmente.

A chi sono destinati i mutui al 100 per Cento Prima Casa

I mutui al 100% sono destinati alle "categorie più deboli", a coloro che non sono proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli ereditati. Inoltre l'immobile da acquistare deve essere situato nel territorio nazionale, e non deve rientrare nelle categorie A1, A8 e A9. Il mutuo 100 può essere acceso anche per gli interventi di ristrutturazione e di accrescimento di efficienza energetica.

I giovani con un inferiore capacità negoziale sono il target dei mutui al 100%.Infatti questi sono solitamente indirizzati agli under 35. In alcuni casi, però, ci sono istituti di credito che sono disponibili ad alzare la soglia dell’età minima di qualche anno, arrivando fino a 40 anni. È necessario sottolineare che ci sono alcuni fattori che potrebbero contribuire all'esito positivo della nostra richiesta, come per esempio:

  • Essere dotati di un doppio reddito familiare (meglio se derivante da contratti a tempo indeterminato).
  • Essere titolari di un rapporto di lavoro atipico.
  • Far parte di un nucleo mono genitoriale con dei figli minori.
  • Condurre alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari.

Se vuoi sapere se anche tu rientri nella categoria di coloro che possono accedere alle agevolazioni previste dal fondo, fai la prova, compila li modulo di "Domanda di accesso al Fondo di garanzia per la prima casa", capirai subito se sei un possibile candidato, se rientri o meno nei requisiti richiesti.

Come avere un Mutuo 100 Per Cento Prima Casa

Per avere un mutuo che copre il 100 per cento dell'importo, dopo aver verificato di essere un potenziale candidato all'accesso delle agevolazioni previste -come spiegato nel paragrafo precedente-. Il procedimento per richiedere un mutuo 100 può essere sintetizzato in 7 step:

  1. Verifica prima di tutto di avere diritto ad accedere alle agevolazioni previste dal fondo di garanzia prima casa -come suggerito nel paragrafo "A chi sono destinati i mutuo cento per cento".
  2. Calcola la rata tenendo conto della tua capacità restituiva in modo da sapere prima se è in linea con i classici parametri usati dalle banche. Ovvero, puoi fare un calcolo approssimativo tenendo conto che la rata sostenibile non deve superare il 35% del reddito netto annuo.
  3. Cerca la banca che offre mutui aderenti al fondo di garanzia (sotto te ne riportiamo alcune).
  4. Recati presso la banca o invia la tua richiesta tramite gli appositi tool messi a disposizione della banca che eroga il muto 100%.
  5. Ora tocca alla banca la quale inizia la verifica delle informazioni fornite mediante -quella che viene chiamata- l'apertura l'istruttoria del mutuo.
  6. Se tutto andato a buon fine, la banca ti invia la della delibera con la quale la banca si impegna ad erogare la somma di denaro.
  7. Adesso è il momento della stipula del mutuo con un atto notarile.
  8. Ora l'ultimo c'è l'ultimo step, ovvero, l'erogazione diretta o differita della somma di denaro.

Per approfondire questi passaggi è possibile consultare l'articolo: Iter mutuo prima casa: sette passaggi

Mutui 100 quali banche lo concedono?

Entriamo adesso nel merito della questione, vedendo quali sono i mutui al 100% che ci offrono tre famosi istituti di credito: Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi di Siena e il Gruppo Carige.

1. Mutuo 100 Prima Casa Intesa Sanpaolo

persone e famiglie prodotti mutui mutuo giovani

Mutuo Mutuo Domus e Mutuo Giovani di Intesa Sanpaolo sono studiati per venire incontro alle esigenze di chi desidera acquistare una prima casa. Questi mutui arrivano a finanziare il 100 per cento del valore dell’immobile se si hanno i requisiti richiesti.

L'istituto di credito mette a disposizione dei propri clienti la possibilità di calcolare la propria rata online. Facciamo un esempio ipotizzando un mutuo al 100%, su di un immobile del valore di 100.000€ da estinguere in dieci anni. In questo caso possiamo constatare che il piano di ammortamento avrà queste caratteristiche:

  • L’importo dalla rata mensile è di 1.014,83€.
  • I tassi di TAN e TAEG sono rispettivamente di 4.05% e 4.54%.
  • Il costo totale del credito è di 24.065,46€.
  • L’importo totale dovuto dal consumatore è di 122.345,46€.

2. Mutuo 100 Prima Casa Monte dei Paschi di Siena

screencapture mps it persone mutui mutuo fondo prima casa consap

Anche la Monte Paschi di Siena offre un mutuo al 100%, rivolto a tutti coloro che abbiano intenzione di acquistare la prima casa e che rispondano alle caratteristiche precedentemente elencate, ovvero essere una giovane coppia, avere meno di 35 anni, avere un contratto di lavoro atipico e condurre alloggi di proprietà di studenti per le case popolari.

Il mutuo 100 MPS fondo prima casa Consap può avere una durata compresa fra i 10 e i 30 anni. Lo spread di questo mutuo, ovvero il tasso che permette alla banca di ottenere un ricavo, aumenterà all'aumentare della durata del finanziamento stesso, partendo da un minimo di 2.30% per 10 anni ad un massimo di 2.75% per 30 anni. Invece, per un mutuo a tasso fisso, il TAEG partirà da un minimo di 4.03% per 10 anni, ad un massimo di 4.91% per 30 anni. Le percentuali del Tasso Annuo Effettivo Globale, saranno più basse se si stipuleranno contratti a tassi variabili o misti. In linea di massima i tassi non differiscono di parecchi punti da banca a banca, come è possibile vedere dall'esempio che seguirà.

Se consideriamo un mutuo 100.000€ stipulato con la MPS, a tasso variabile, di durata decennale possiamo vedere che il calcolo della rata sarà così fatto:

  • Rata mensile 933,63€
  • Il tasso del TAEG è del 2.71%.
  • Costo totale del credito 13.925,10€.
  • Importo dovuto dal contraente è di 113.925,10€.

Essendo questo prestito a tasso variabile, in 2 anni i tassi potrebbero aumentare del 2%. In questo caso la rata potrebbe oscillare fra i 933.63€ di base, fino ad arrivare a 1069.95€.

3. Mutuo 100 Prima Casa Gruppo Carige

mutui carige giovani

Il gruppo Carige offre una soluzione per i giovani che hanno meno di 35 anni e che vogliono acquistare casa. Questa si chiama Mutuo Carige Giovani e può finanziare fino a 250.000€, con una durata massima di 30 anni. Il gruppo bancario offre la possibilità di partire da uno spread di 0.50% per le soluzioni a tasso variabile e di poter scegliere per i primi 36 mesi una rata più leggera da supportare, composta dai soli interessi. Per un massimo di tre richieste si potrà anche richiedere la sospensione di sei rate consecutive per un massimo di tre volte.

In questo caso l'importo massimo concedibile, sarà la cifra più bassa fra il prezzo di acquisto dell'immobile e la sua quotazione scaturita dalla perizia. Ovvero se l'immobile costa 120.000€ ma il valore assegnatogli dalla perizia è di 100.000€, il finanziamento si aggirerà su una somma di denaro pari all'80-100% di 100.000€.

Banche che erogano mutui per la prima casa con importi massimi inferiori al 100%

Se non hai i requisiti necessari per ottenere un mutuo al 100% allora potrebbero interessarti della altre valide alternative. Stiamo parlando dei mutui che si ripromettono di finanziare una buona parte del valore del'immobile, ma che non arrivano in ogni caso al 100%.

Mutuo fino al 50% Unicredit

L’Unicredit offre mutui che possono finanziare al massimo il 50% del valore dell’immobile. Anche questa volta la durata del finanziamento dura da un minimo di 10 anni ad un massimo di 30 anni. Se consideriamo un mutuo a tasso fisso di 100.000€ della di una durata che si aggira fra gli 11 e i 20 anni, vedremo che la rata sarà così gestita:

  • L’ammontare rata mensile sarà di 532.90€.
  • Il Tasso Fisso e il TAEG saranno rispettivamente pari al 2.50% e al 2.97%.

Se l’ammortamento è regolare si potranno attivare i servizi di taglio, riduzione e spostamento della rata. Questi sono esclusivamente attivabili l’ultimo anno di vita del mutuo. Inoltre, se non si usufruirà durante la durata della vita del mutuo del “Salta Rata”, verrà riconosciuto un bonus interessi che vedrà l’azzeramento degli interessi durante le ultime 3 rate. Il numero di rate su cui conteggiare il Bonus aumenterà in maniera proporzionale alla durata del prestito.

Mutuo Crédit Agricole dell'80%

Il Crédit Agricole, offre l'opportunità di un mutuo che copra fino all'80% del valore dell'immobile. In aggiunta al finanziamento il gruppo offre tante opzioni interessanti che potrebbero essere utilizzate durante tutta la durata del rimborso del prestito:

  • Saltarata: si può saltare una rata ogni anno per tutta la durata del mutuo senza costi aggiuntivi.
  • Sospendirata: è possibile sospendere il pagamento fino a 12 mesi.
  • Sospendiquota: sospensione del rimborso della quota capitale per un massimo di 24 mesi.
  • Regolamutuo: variazione della durata del mutuo fino a 5 anni.

Ipotizzando un mutuo di durata ventennale a tasso variabile, vedremo che la rata mensile sarà composta da un TAN di 1.18% e di un TAEG di 1.32%. Le percentuali dei tassi varieranno di qualche punto a seconda delle specifiche del mutuo.

Mutuo prima casa INPDAP

Il mutuo oggigiorno non è più erogato dall’Inpdap ma dall’Inps. Abbiamo parlato di questo argomento dettagliatamente in un nostro precedente articolo. Per usufruire di un mutuo di questo genere è necessario rispondere al bando che si tiene due volte l’anno. Questa particolare tipologia di mutuo eroga prestiti per l’acquisto di un’abitazione pari all’80% del valore commerciale dell’immobile o del 40% qualora si tratti di un fabbricato di lusso.

La durata massima di questo mutuo è pari a 30 anni. Qualora un over 65 dovesse richiedere un finanziamento di questo genere, allora la durata del rimborso non dovrà mai superare i 15 anni. Il tasso variabile del mutuo è ricalcolato ogni sei mesi a seconda dell’Euribor, ovvero il tasso di interesse utilizzato come parametro per l’indicazione dei mutui ipotecari. Il tasso fisso varierà invece di anno in anno.

Fonte dell'articolo: Ministero dell'economia e delle Finanze