Piano di ammortamento: guida al calcolo

Ultimo aggiornamento 14/07/2020 di Giuseppe Rossetti

Quando si è alle prese con l’apertura di un mutuo, sapere come funziona un piano di ammortamento del mutuo e come avviene il calcolo della rata è importante per poter valutare al meglio il piano di rateazione del finanziamento.

Certo, questo di solito viene fatto dalla banca però, per fare le prime considerazioni può risultare utile approntare una bozza di calcolo.

In Italia, la maggior parte dei prestiti prevedono il calcolo alla francese. Se non sei avvezzo in materia di mutui, certamente ti starai chiedendo cos’è, vero? Bene, in questa guida, ti spiego come funziona questa formula e come effettuare tutti i conteggi del caso mediante un foglio Excel.

Cerchi un mutuo per l'acquisto della tua prima casa? Prova adesso il nostro motore di ricerca gratuito, veloce e facile da utilizzare!

1. Richiesta comparazione immediata online per mutuo prima casa o surroga del mutuo esistente.

2. Inserimento dati.

3. Comparazione tra offerte di oltre 60 banche

Inoltre, in alternativa al foglio Excel, ti suggerisco alcuni tool disponibili online grazie ai quali puoi fare molteplici simulazioni. Continua a leggere la guida per scoprire tutte queste informazioni.

Come funziona

piano-di-ammortamento-calcolo-rata-mutuo

Il piano di ammortamento del mutuo alla francese – con tasso fisso o variabile – è una formula di calcolo che permette di conoscere l’importo delle rate da pagare durante tutta la durata di un prestito, mutuo o leasing. Conosciuto anche con il nome di piano a rata costante che è composto essenzialmente da 2 elementi: quota interessi e quota capitale.

Questo piano a rata costante è utilizzato solo per tutti quei prestiti che prevedono una rata mensile che rimane invariata per tutta la durata del prestito. Ipotesi che solitamente è presente solo nei mutui a tasso fisso, nei finanziamenti personali e quelli finalizzati.

Veniamo al dunque, è il momento di capire il funzionamento del calcolo nei mutui e prestiti con rata costante. Come prima cosa va detto che questo ci sono da due principi specifici di cui tener conto, ovvero:

  • la somma di tutti gli importi che rappresentano la quota capitale ammonta al totale dell’importo originario del prestito
  • la parte relativa la quota d’interesse prevede una somma che varia in base alla maturazione percentuale rispetto alla rata di riferimento

Quindi la quota di interesse ha un andamento regressivo e viene calcolata in forma percentuale maggiore all’inizio scendendo man mano che si pagano le rate continuando a diminuire sino ad azzerarsi.

Allo stesso modo la quota capitale invece ha un andamento progressivo, quindi all’inizio la quota capitale che compone la rata è minore e con l’andare del tempo aumenta sempre di più, sino a raggiungere l’intera somma della rata mensile da corrispondere.

Per comprendere meglio il funzionamento del piano di ammortamento, osserva l’immagine sotto dove puoi notare la composizione delle rate, prendi ad esempio la prima: debito iniziale 100.000,00, quota interesse da pagare sulla prima rata 4.000€ quota capitale da pagare 252,49 si palesa quindi il fatto che il meccanismo prevede prima la restituzione degli interessi e poi man mano in crescendo quella della quota capitale.

esempio calcolo rata mutuo

A questo punto è chiaro che nonostante i due andamenti differenti, la rata (come puoi vedere nell’immagine soprastante nella colonna “rata”) da corrispondere mensilmente rimane costante fino alla fine dell’operazione finanziaria.

Da leggere: calcolo rata mutuo, come si fa?

Comprendere il funzionamento di un piano alla francese è molto importante se si vogliono prendere decisioni in autonomia.

Facciamo un esempio pratico: supponiamo che, avendo la liquidità necessaria si voglia valutare la possibilità di saldare il mutuo in anticipo. Da una attenta analisi del piano di ammortamento del mutuo si evince che la quota interessi è stata in gran parte corrisposta, quindi, salvo rare eccezioni, chiudere il mutuo non avrebbe molto senso perché ormai il costo del denaro è stato quasi tutto corrisposto, dunque perché privarsi di liquidità, quali benefici si hanno chiudendo il finanziamento quando si sono pagati quasi tutti i costi per il prestito ricevuto?

Mutui con tasso variabile

Calcolare la rata del mutuo nel tempo con il mutuo a tasso variabile risulta essere più complesso, in quanto l’andamento della somma mensile da corrispondere non è sempre uguale per tutta la durata del finanziamento.

Anche in questo caso però ci sono alcune banche che impiegano comunque il piano di ammortamento della rata alla francese. In questo caso, la particolarità sta nella simultaneità del calcolo che avviene sulla base del tasso vigente al momento della stipula (dunque si fa una stima come se il tasso rimanesse costante).

In questo modo si individua la quota capitale da dare in restituzione e successivamente diviene possibile conteggiare per ciascuna rata la quota di interesse in base al tasso variabile. In questo modo si va comunque a pagare prima una parte maggiore degli interessi e via via il residuo diventa il netto da corrispondere sul capitale. In ogni caso ne conseguiranno rate non constanti.

Il calcolo alla francese, risulta legittimo solo quando si esegue il conteggio dell’interesse relativamente al capitale residuo.

Da leggere: guida al mutuo acquisto prima casa

Calcolatore piano di ammortamento Excel

Calcolare il piano di ammortamento con dei calcoli matematici è abbastanza complesso e lungo, inoltre potrebbe non dare risultati precisi. Per questo motivo, per affrontarlo in modo maggiormente preciso e semplice abbiamo creato per te il Calcolatore del piano alla francese su Excel.

Utilizzarlo e molto semplice, dopo averlo scaricato mediante questo link ti si apre uno schema con un esempio del piano per una somma pari a 100.000,00 mila euro.

Sotto il titolo quindi vedi una colonna sotto l’indicazione valori del prestito e con dei dati inseriti in specifici campi, questi dunque devono essere modificati.

Quindi per conoscere qual è il tuo piano di ammortamento, devi scaricare il modello e modificare i dati delle celle:

  • Mutuo originario: inserisci l’importo richiesto alla banca
  • Tasso periodo
  • Numero periodi in mesi

Dopo aver inserito tutti i dati, in automatico il foglio di calcolo realizzerà il tuo piano di ammortamento e potrai vedere tutti i dettagli del mutuo. Per esattezza potrai costatare:

  • Numero della rata
  • Debito iniziale
  • Quota interessi
  • Quota capitale
  • Totale della rata
  • Debito residuo
  • Debito estinto

Salvando il documento sul tuo PC, in ogni momento sarai in grado di controllare l’andamento del mutuo.

Calcolatore piano di ammortamento online

Per il calcolo del piano di ammortamento, oltre al file Excel che ti aiuta a constatare l’intero percorso di pagamento, puoi scegliere di affidarti a dei tool automatici che fanno il calcolo per te in pochi secondi. Tra i migliori da utilizzare ci sono:

MutuiOnline.it per usare questo tool bisogna:

  • Andare all’indirizzo del sito mutuionline
  • Compilare i campi predisposti: importo del mutuo, durata, tasso a regime, rate iniziali, tasso iniziale
  • Cliccare su Calcola

Avvocato Andreani, in questo caso per usarlo puoi:

  • Andare all’indirizzo avvocatoandreani.it
  • Compilare i campi predisposti con: metodo di calcolo, capitale finanziario, tasso annuale, periodicità rate, durata in anni, numero totale delle rate.
  • Cliccare su Calcola per visualizzare l’intero piano

Mutui.it per riuscire a usare questo tool bisogna:

  • Andare sulla pagina mutui.it
  • Nel form a sinistra inserire i dati necessari: Capitale, tasso di interesse, durata
  • Clicca su Calcola Ammortamento

PrestitiOnline.it per l’impiego di questo strumento:

  • Vai sulla pagina prestitionline
  • Compila il form con: importo totale del prestito, durata e tasso di interesse
  • Clicca su Calcola

Come hai visto, questi tool online sono più o meno simili tra loro, alcuni come i primi illustrati permettono anche visualizzare anche piani di ammortamento non a rata costante (per i tassi variabili). Gli ultimi due tool invece sono utili per il controllare il piano di rientro con calcolo alla francese.

Da leggere: guida al mutuo inpdap prima casa

Lascia un commento