Consolidamento debiti cattivi pagatori

Ultimo aggiornamento 09/07/2020 di Giuseppe Rossetti

Consolidamento debiti cattivi pagatori mito o realtà? In questo articolo cerchiamo di fare chiarezza su questo tema che per sua natura è molto delicato. Soluzioni magiche non esistono ma qualcosa con i giusti accorgimenti è possibile fare. Scopriamo insieme cosa e come fare per tentare di risolvere questa situazione.

Per affrontare ordinatamente questo argomento suddividiamo le categorie di cattivi pagatori in due macro gruppi: lavoratori dipendenti e lavoratori autonomi. In questo modo è possibile definire per ognuno dei due quali possono essere le trategie migliori per risolvere la situazione. Iniziamo!

Per lavoratori dipendenti

Se sei un lavoratore dipendente con contratto a tempo indeterminato il prestito per consolidamento debiti per cattivi pagatori potrebbe essere alla tua portata. La migliore soluzione nel tuo caso si chiama “prestito con cessione del quinto” e grazie a questo finanziamento potrai chiudere tutti gli altri prestiti in essere.

Cerchi un prestito Veloce Facile da Ottenere? Se questo è ciò che desideri prova a richiederlo adesso direttamente Online bastano pochi click!

1. Richiesta Online con risposta immediata

2. Caricamento dei documenti e firma digitale

3. Esito in 24 ore

Questa soluzione in genere è accessibile perché l’ente creditizio otterrà il pagamento della rata diretamente da tuo datore di lavoro senza che tu debba ogni mese preoccuparti di pagarla. Non solo tale finanziamento prevede una assicurazione a copertura rischio vita e perdita del lavoro e dunque l’ente che eroga il prestito è più che tutelato.

Per lavoratori autonomi

Per questa categoria di individui la gestione del problema è un pò più complessa. Non avendo una busta paga e non potendo quindi fruire di una cessione del quinto, i lavoratori autonomi possono in alternativa avviare un consolidamento debiti per cattivi pagatori attivando un prestito cambializzato.

In questo modo il richiedente sottoscrive una formula, che prevede l’eventuale pignoramento di beni mobili ed immobili nel caso di mancato pagamento della cambiale.

In caso non si posseggano beni pignorabili la sottoscrizione di un prestito cambializzato deve essere accompagnata da un garante. Solitamente, questo genere di finanziamenti sono anche definiti prestiti cambializzati veloci in quanto – specie se fatti tra privati – i soldi vengono accreditati sul conto del richiedente in brevissimo tempo.

Il lato negativo di questa possibile suluzione è che trovare un finanziatore risulta essere piuttosto complicato.

Banche e Finanziarie li erogano

Sono molti gli istituti di credito che erogano mutui per consolidamento debiti, ne abbiamo selezionate alcuni tra i più conosciuti. Resta inteso che ogni ente valuterà attentamente ogni richiesta – specie se pervenuta da chi è iscritto nel registro dei cattivi pagatori.

Iniziamo dal consolidamento debiti Findomestic. Questo finanziamento è accessibile a tutti coloro che hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato con anzianità di almeno 12 mesi. Possono richiederlo anche i pensionati, ma non protestati o coloro che hanno subito pignoramenti o iscrizioni al CRIF. È per questa ragione che consigliamo a chi è segnalato di chiedere la cessione del quinto.

La seconda opzione è il consolidamento debiti Agos. Come per Findomestic anche questo finanziamento sarà concesso a lavoratori e pensionati. Allo stesso modo chi è segnalato deve tentare con l cessione dello stipendio se vuole avere qualche possibilità di ottenere il prestito.

Terza opzione: il consolidamento debiti Compass. Stesse condizioni di quanto detto sopra e dunque conviene attuare la stessa strategia.

Prima di inoltrare una domanda di prestito online, data la situazione particolare, meglio telefonare e spiegare la propria situazione. Se si ha un lavoro o un reddito dimostrabile costante si può chiedere al consulente se la finanziaria è disposta a concedere un prestito per consolidare i vecchi debiti in virtù del fatto che si ha un reddito certo.

Se tutto procede per il verso giusto l’ente finanziatore provvederà a fare un conteggio estintivo per saldare i debiti con le banche concorrenti. Successivamente si pagherà una unica rata al nuovo ente finanziatore.

Conclusioni

Certamente la comodità di poter avere a che fare con un unico istituto anziché 2, 3, o 4 ha i suoi vantaggi: visto che le società che stanno offrendo questo servizio sono sempre più numerose il nostro miglior consiglio è trovare l’offerta di consolidamento debiti per cattivi pagatori migliore del momento. Magari si riuscirà a risparmiare qualcosina anche sugli interessi e si potranno ricevere delle condizioni migliori per il pagamento. Cercar non nuoce.

Lascia un commento