Assicurazione auto scaduta: copertura e sanzioni

Ultimo aggiornamento di Giuseppe Rossetti

Circolare con l’assicurazione auto scaduta da oltre 15 giorni comporta pesanti sanzioni e sequestro del mezzo. Si tratta di una infrazione che è paragonabile a circolare di fatto senza alcuna polizza assicurativa. Vediamo tutti i dettagli.

Per prima cosa è opportuno sapere che la compagnia assicurativa è tenuta a inviare, almeno trenta giorni prima che la RC auto scada, un promemoria. Questa comunicazione ricorda al cliente che il termine ultimo di copertura si sta avvicinando.

Se tutto procede come previsto, l’assicurato provvederà quanto prima a pagare il premio e al momento opportuno la polizza verrà rinnovata automaticamente.

Ad ogni modo, nel caso in cui l’assicurato non rinnovi entro la scadenza prevista, la polizza resta coprirà eventuali sinistri per altri 15 giorni. Diversamente, se sono trascorsi più di 15 giorni l’assicurazione può rifiutarsi di prendere in carico il sinistro.

Va detto anche che i 15 giorni di prolungamento della copertura assicurativa valgono per le polizze annuali e semestrali. Questo perché non è la copertura a essere frazionata, ma solo il pagamento.

Assicurazione auto scaduta quali le sanzioni previste

Assicurazione auto scaduta

Iniziamo con il dire che chi circola con l’assicurazione auto scaduta può vedersi sequestrato il mezzo. La sanzione prevista va da 849 euro a 3.396 euro più carroattrezzi e sosta nel deposito.

L’automobilista che incappa in questa sanzione può evitare di pagare la contravvenzione chiedendo la radiazione e la demolizione del mezzo nei 30 giorni successivi alla notifica. Così facendo il veicolo e documenti vengono restituiti al proprietario dopo che lo stesso avrà pagato una cauzione. L’importo previsto per questa procedura corrisponde alla cifra minima della multa ovvero 849 euro.

Una volta che il veicolo risulta radiato la cauzione viene restituita dopo che dalla stessa viene sottratto un importo pari al 25% del totale versato.

Nel caso in cui si desidera rientrare in possesso del veicolo è necessario pagare la multa e ovviamente rinnovare la polizza.

Inoltre è indispensabile, pagare le seguenti le spese:

  • costo del carroattrezzi;
  • custodia in deposito.

Assicurazione auto scaduta: cosa succede in caso di incidente

Se ci si mette alla guida con l’assicurazione scaduta le conseguenze economiche possono essere molto pesanti in caso di incidente. Eventuali danni provocati a cose o persone, infatti, devono essere risarciti personalmente. Non solo, il proprietario del mezzo sprovvisto di assicurazione viene ritenuto responsabile in solido con chi si trova al volante.

Ovviamente, le sanzioni dovute al fatto che è stata fatta circolare una vettura non assicurata rimangono. Questo anche se nella dinamica del sinistro non si hanno colpe e, quindi, si è parte lesa.

Chi è vittima di un incidente che coinvolge un veicolo non assicurato ha due opzioni a disposizione:

  1. può scegliere o il risarcimento privato con l’altra parte (che, come si può immaginare, non sempre è facile da ottenere):
  2. può far ricorso al Fondo per le vittime della strada, che viene sovvenzionato con una quota delle polizze che vengono sottoscritte.

Il fondo è attivo anche per gli incidenti che coinvolgono veicoli che non sono stati identificati, veicoli non assicurati e veicoli rubati. Non solo, il fondo copre anche quei veicoli che sono assicurati con compagnie che si trovano in uno stato di liquidazione coatta.

Aiuto dal fondo per le vittime della strada

Nel caso in cui si sia coinvolti in un incidente con un altro veicolo privo di assicurazione perché scaduta da oltre 15 giorni bisogna rivolgersi alla Consap.

La Consap, che è l’ente che gestisce il Fondo per le vittime della strada, si occupa anche di indicare la compagnia che si assumerà l’onere della procedura. Le compagnie designate cambiano a seconda delle regioni: un elenco completo si può trovare all’indirizzo www.consap.it.

Sul sito del Consap è presente un modulo per il risarcimento (qui trovi tutte le informazioni). Vale la pena di ricordare che per i danni alle cose il massimale è di un milione di euro, mentre per i danni alle persone il massimale è di cinque milioni di euro. Esiste, inoltre, una franchigia che riguarda i danni alle cose il cui valore non supera i 500 euro.

Per avere maggiori informazioni è possibile telefonare al numero 06 85796444, risponde l’ufficio – Fondo di garanzia per le vittime della strada -.

Conclusioni

Chi circola con l’assicurazione scaduta espone se stesso e gli altri a situazioni davvero spiacevoli. Oltre il danno causato a terzi, si avranno ripercussioni economiche infatti egli è tenuto a risarcire personalmente chi subisce il danno.

Lascia un commento