Assicurazione cessione del quinto

Ultimo aggiornamento 25/07/2020 di Giuseppe Rossetti

Se sei in procinto di chiedere un prestito con cessione del quinto allora devi sapere che questa tipologia di finanziamento prevede – per legge – un’assicurazione. Vediamo nei dettagli di cosa si tratta così da avere ben chiaro quale è lo scopo di tale polizza, quali sono le tutele previste e chi ne beneficia nel caso si debba riscuotere il premio.

La polizza perdita del lavoro

Quando si attiva una cessione del quinto e si è lavoratori dipendenti è importante sapere che esistono due macro-polizze ed è importante capirne le differenze.

Iniziamo dalla “polizza rischio credito“. Questa assicurazione nella sostanza tutela ampiamente l’ente creditizio che è l’unico beneficiario della polizza. In sostanza, se si perde il lavoro l’ente assicurativo liquida il sinistro e poi fa rivalsa sul debitore.

Cerchi un prestito Veloce Facile da Ottenere? Se questo è ciò che desideri prova a richiederlo adesso direttamente Online bastano pochi click!

1. Richiesta Online con risposta immediata

2. Caricamento dei documenti e firma digitale

3. Esito in 24 ore

La polizza “perdite pecuniarie” invece, è quella che tutela anche il debitore in caso di perdita del posto di lavoro. Funziona così: nel caso in cui venga dichiarato un sinistro l’assicurazione subentra nel pagamento delle scadenze mensili. Successivamente quando l’assicurato troverà un nuovo lavoro tornerà a pagare egli stesso le rate e nulla dovrà versare all’assicurazione.

Come è facilmente intuibile, in questo caso la copertura assicurativa tutela sia l’ente creditizio che il debitore.

Attenzione! Leggi sempre i contratti con occhio critico! Se nelle condizioni contrattuali ci sono termini come “diritto di rivalsa” o “diritto di surroga”, sta a significare che l’assicurazione potrà chiederti di riavere il denaro che ha versato all’ente creditizio.

La polizza rischio vita o invalidità permanente

L’assicurazione sulla cessione del quinto prevede una polizza rischio vita e invalidità permanente. In questo caso la polizza funge da garanzia per l’istituto di credito in caso sopraggiunta invalidità permanente o morte del debitore. In questi casi, l’ente finanziario vedrà saldate le rimanenti rate del prestito incassando il premio assicurativo. Nessuna rivalsa sarà fatta verso i parenti del defunto.

Da leggere: guida al rinnovo della cessione del quinto

Costi

Ora che si è capita l’importanza delle macro-differenze che vi sono su una polizza per assicurazione una cessione del quinto è il momento di andare ad ottimizzarne i costi.

Dato che mediamente una polizza incide dal 3 al 6 % sui costi vale certamente la pena dedicare un del tempo per ottimizzare il costo dell’assicurazione.

Per raggiungere l’obiettivo di ottimizzazione bisogna tenere conto che in conseguenza del decreto sulle liberalizzazioni l’ente finanziario non può operare in conflitto di interessi.

In pratica l’ente erogante deve proporre due preventivi di due diverse compagnie assicurative convenzionate. Il cliente ha facoltà di scegliere l’una o l’altra oppure optare per una terza soluzione indipendentemente da quelle proposte. Il cliente può egli stesso trovare una compagnia assicurativa e se più conveniente presentarla come la propria prima scelta.

Naturalmente sarà molto più semplice gestire l’intera pratica con il pacchetto offerto dall’ente di credito. Ciò nonostante il consiglio è quello di valutare quante più offerte assicurative possibili.

Da leggere: come fare il calcolo della cessione del quinto

Conclusioni

L’assicurazione sulla cessione del quinto in ogni caso, per l’ente creditizio, è una tutela importantissima in quanto con essa è coperta fino al 100% del rischio. Diverso invece la situazione per il debitore che se non sufficientemente accorto può essere sì tutelato ma chiamato a rispondere delle somme versate dall’assicurazione.

Bene i pensionati a cui è richiesta solo la polizza rischio vita in quanto essendo lo stato a pagare la pensione si dà per scontato che quest’ultima non verrà mai meno.

Lascia un commento