Come scegliere la migliore carta prepagata

Ultimo aggiornamento 20/06/2020 di Giuseppe Rossetti

Come scegliere la migliore carta prepagata per gli acquisti online? Sembra un bel dilemma ma in realtà, apprese alcune nozioni di base, sarà davvero semplice selezionare la più adatta a te. Prenditi qualche minuto e leggi questa guida ed avrai tutte le informazioni che ti servono per decidere in autonomia.

Carta prepagata: cos’è, come funziona

Carte prepagate

Le carte prepagate hanno come principale caratteristica quella di poter essere ricaricate più volte. Molto utili per compiere acquisti sicuri online, si distinguono in prepagate ricaricabili e prepagate usa e getta.

Le prime si chiamano così perché possono essere ricaricate più e più volte, mentre le seconde non possono essere ricaricate.

Richiedi adesso la tua Carta Hype Gratis

A differenza delle carte di credito, tra i pregi delle carte prepagate c’è il fatto che queste ultime possono essere richieste da chiunque. Non servono particolari requisiti per ottenerle, anche protestati o cattivi pagatori possono averla. Non solo, esistono carte prepagate minorenni e vengono concesse nel momento in cui il genitore o il tutore dà il proprio consenso.

Il funzionamento di queste carte è molto semplice e può essere paragonato a quello del Bancomat. In pratica, al momento dell’acquisto viene prelevato l’importo. Chiaramente, nel caso in cui nella carta non vi sia denaro a sufficienza, la transazione viene negata.

Come scegliere la migliore carta prepagata

Come prima cosa, per procedere con ordine di importanza iniziamo con il definire quali sono le principali tipologie di carte prepagate oggi disponibili, ovvero:

Le carte senza IBAN sono quelle più semplici. In genere hanno meno funzioni ma quello che veramente conta e che queste ultime non possono inviare o ricevere bonifici. Una delle carte di questo tipo più conosciute ed utilizzate è la Postepay standard che essendo ricaricabile presso tutti gli uffici postali ha riscosso un grande successo.

Carte prepagate con IBAN: queste sono quelle di nuova generazione e consentono di ricevere pagamenti e talvolta accredito diretto dello stipendio o della pensione. Chi desidera avere tali opzioni deve necessariamente optare per questa tipologia di carta oppure prediligere una carta conto.

Le carte conto: molto simili alle carte di credito, queste sono collegate ad un conto corrente di conseguenza hanno moltissime funzionalità. In linea di massima possono essere considerate simili se non migliori delle carte con IBAN.

Carte prepagate usa e getta: queste sono in genere carte regalo. Si possono acquistare dal tabaccaio o presso i centri commerciali. Ne esistono di tanti tipi, esempio: carta regalo amazon, iTunes card, Netflix card ecc.

Per scegliere bene devi porti delle domande per individuare anzitutto quelle che sono le tue necessità e poi controllare quali sono i costi operativi, tariffe, spese e commissioni applicate.

Richiedi adesso la tua Carta Hype Gratis

Prima domanda: come ti rimane comodo fare la ricarica, online, in banca, alla posta o da tabaccaio?

Se non sei un utilizzatore di internet e non intendi aggiornarti meglio che opti per le carte ricaricabili in banca, alle poste o in tabaccheria. Diversamente prediligi le carte di ultima generazione emesse da banche virtuali come N26, Hype Start, Revolut, BuddyBank ecc.

Seconda domanda: hai bisogno di fare o ricevere bonifici?

Devi sapere che non tutte le carte prepagate offrono questa funzionalità, per cui prima di scegliere, verifica che la stessa abbia questa caratteristica.

Attenzione: esistono carte prepagate con codice IBAN ma questo non basta! Verifica che tale opzione sia attiva per ricevere ma anche per inviare bonifici. Non tutte queste carte hanno questa opzione abilitata e quindi alcune di esse possono solo ricevere bonifici, sostanzialmente per essere ricaricate.

Anche in questo caso, quando si fanno pagamenti tramite bonifico ci sono dei costi. Se pensi di utilizzare molto questa caratteristica, prima di scegliere la tua nuova prepagata controlla i costi previsti per queste transazioni.

Terza domanda: quanti soldi e quante volte devi prelevare contanti agli sportelli ATM?

Se non ti piace girare con tanti contanti e pensi di fare tanti piccoli prelievi mensili con la carta prepagata allora devi controllare molto bene quali sono i costi previsti per questo genere di transazioni.

Ci sono carte che non applicano nessuna commissione entro certi limiti, altre invece sono molto esose. Contattami se vuoi consigli aggiornati alle ultime prepagate senza costi.

Attenzione: se cerchi una prepagata con costi di emissione pari a zero ti consiglio di visitare la nostra sezione “carte prepagate gratuite“.

Un consiglio su tutti? Leggi la recensione dalla carta Hype Start, non ha canone mensile, è a costo zero ed ha molte funzioni gratuite, utilizza il circuito Mastercard ed è anche per minorenni.

Costi delle carte prepagate

Per trovare la migliore carta prepagata devi tenere conto dei costi, siano essi fissi che variabili. In questi casi si fa riferimento al costo di attivazione, al canone annuo e ai costi di ricarica e prelievo.

In linea di massima tieni conto che: le ricariche effettuate in banca hanno un costo che in alcuni casi raggiunge anche i 5 euro! Diversamente le ricariche effettuate negli ATM generalmente hanno costo più contenuto.

Quasi sempre il metodo più economico per effettuare una ricarica è online dal tuo conto corrente, meglio ancora se questo è direttamente collegato alla carta.

Per quanto riguarda le ricariche fatte negli uffici postali queste hanno un costo che si aggira intorno all’euro.

Ci sono poi le carte ricaricabili presso tabaccherie, ricevitorie lottomatica ecc. ecc. tale operazione ha costi elevati: circa 3 euro a ricarica.

Costi operativi nei Paesi UEM

La valutazione dei costi operativi nei Paesi dell’Unione Economica Monetaria permette di sapere quanto si spenderebbe – dal punto di vista delle commissioni e prelievi.

Se viaggi spesso, questi costi meritano attenzione nella scelta della migliore carta ricaricabile. Attento soprattutto ai costi di prelievo quando vai nei paesi europei che non hanno adottato la moneta unica.

Non solo, se paghi con la carta chiedi prima se accettano i pagamenti in euro e selezione quella opzione sul POS.

Supporto web

Un ulteriore aspetto che può incidere sulla decisione di scegliere una carta piuttosto che un’altra è la tecnologia web da cui p supportata. In questo caso mi riferisco sia al sito web – home banking – che è soprattutto alla App per smartphone.

Le app sono molto importanti per tenere sotto controllo – in tempo reale – sia i movimenti che il saldo disponibile sulla carta. Non solo, le App migliori consentono di gestire l’utilizzo della carta o addirittura bloccarne l’uso temporaneamente. Funzione molto utile in caso di furto o smarrimento.

La funzione Contactless

Per essere candidata tra le migliori carte prepagate sicuramente questa deve avere la funzione Contactless. Parliamo di quelle carte che permettono di pagare gli acquisti presso gli esercenti fisici – bar, ristoranti, negozi vari – semplicemente avvicinando la carta al POS.

Vantaggi delle carte prepagate

Le carte prepagate con IBAN offrono davvero molti vantaggi ai consumatori che prediligono la sicurezza, praticità ed economicità soprattutto per gli acquisti online.

In merito alla sicurezza – escluse le carte conto che possono attingere dallo stesso somme anche rilevanti – le carte standard permettono di spendere solo quanto precaricato. Di per sé, l’avere una somma ben precisa a disposizione rappresenta una grande tutela, ma c’è dell’altro! Queste sono – come detto – completamente gestibili dalle app e dunque le soglie massime di spesa e movimenti sono gestibili e controllabili in tempo reale.

Altro vantaggio di grande impatto economico sono i costi nettamente inferiori alle più tradizionali carte di credito. Le prepagate non possiedono un plafond di credito e dunque si evitano così commissioni e tassi a debito.

Conclusioni

Ricapitolando possiamo dire che la scelta della migliore carta prepagata è strettamente collegata all’utilizzo che se ne deve fare. Se sei arrivato fin qui certamente sai come orientarti, ciò nonostante se pensi di aver bisogno di ulteriori informazioni non esitare a contattarmi!

Lascia un commento