IoStudio Postepay carta prepagata

La carta IoStudio PostePay è la Carta dello Studente nominativa voluta dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ed emanata da Poste Italiane. Si tratta di una prepagata ricaricabile che viene distribuita nelle scuole di secondo grado e attivata presso gli Uffici Postali.

Essendo destinata ad un bacino di utenti molto giovane, sulla carta sono imposti limiti restrittivi che riguardano le operazioni di pagamento e il plafond. Ad ogni modo, al raggiungimento della maggiore età è possibile evolvere la carta, trasformandola gratuitamente in una PostePay Standard.

Emittente: Poste Italiane SpA

Durata della carta: Max 6 anni

Circuito: VISA Electron

Supporto pagamenti: POS

Applicazioni dedicate: APP PostePay e APP BancoPosta per iOS e Android

Tipologia di carta: carta prepagata ricaricabile

Caratteristiche della carta IoStudio PostePay

La prepagata IoStudio PostePay consente di effettuare pagamenti tramite POS, nei negozi fisici e online ma anche di prelevare in tutto il mondo con i costi di una PostePay Standard.

Può essere gestita anche da minorenni, e per questo motivo sono disabilitati in modo permanente gli acquisti sui siti di gioco d'azzardo, oppure di tabacco o alcolici.

Tramite la carta però è possibile accedere ad offerte esclusive con esercenti convenzionati con il Ministero dell'Istruzione. In questo modo lo studente potrà usufruire di sconti presso librerie, cinema oppure per acquistare materiale scolastico.

Limiti e plafond

Il plafond di carta IoStudio PostePay è di 1.000€. Tale cifra si riferisce anche ad altri limiti imposti sulla carta. Infatti 1.000€ è il massimale per:

  • prelievi mensili (e annuo) da ATM e Uffici Postali
  • pagamento mensile via POS
  • singola operazione di ricarica su SIM PosteMobile

Per quanto riguarda i limiti di pagamento e di prelievo giornalieri, questi non possono superare la soglia massima di 500€. Mentre per una singola operazione di ricarica, la cifra massima è di 250€ (max 2 operazioni consentite in un giorno).

Costi

I costi di IoStudio PostePay non differiscono molto da quelli di una PostePay standard. Non ha comunque costi di attivazione, sebbene sia obbligatorio effettuare una prima ricarica di 5€ per rendere la carta fruibile.

I pagamenti sono gratuiti, tranne per la maggiorazione di 1,1% prevista sulle operazioni in valuta diversa. Ha costo di 1€ il pagamento dei bollettini e della tassa automobilistica.

Sui prelievi di denaro contante sono applicate commissioni pari a:

  • 1€ negli ATM Postamat e negli Uffici Postali
  • 1,75€ negli ATM di altri istituti
  • 5€ + 1,1% per prelievi in valuta estera

Le ricariche sul conto sono invece gratuite se eseguite presso un Ufficio Postale oppure tramite sito e app. Altrimenti i costi di commissione sono pari a:

  • 1€ da ATM Postamat con carta PostePay o con un portalettere munito di POS
  • 2€ da ricevitoria convenzionata o ATM Postamat con carta PagoBancomat
  • 3€ da sportello automatico con carta di altro circuito

Il servizio SMS di notifiche ha il costo di 0,25€ per singolo messaggio.

Come verificare il saldo

La verifica del saldo di IoStudio PostePay può avvenire negli Uffici Postali, dagli ATM Postamat oppure online, tramite sito web e applicazioni dedicate.

Inoltre, accedendo all'Area Privati del sito è possibile attivare il servizio SMS per ricevere informazioni sul saldo disponibile o la lista movimenti.

Come ricaricarla

Per ricaricare una IoStudio PostePay, Poste Italiane mette a disposizione del cliente diversi canali, ad esempio:

  • gli Uffici postali
  • gli ATM Postamat
  • i portalettere muniti di POS
  • i siti web www.poste.it e www.postepay.it
  • le due app dedicate APP PostePay e APP BancoPosta
  • le ricevitorie convenzionate con Banca 5 e Lottomatica Servizi

Ogni operazione di ricarica può essere effettuata -a seconda del canale selezionato- in contanti, tramite conto corrente o attraverso un'altra carta di pagamento.

Come richiederla

La carta IoStudio PostePay viene distribuita gratuitamente in tutte le scuole secondarie. Dopo averla ricevuta, lo studente deve accedere al Portale dello Studente, aprire la sezione apposita e richiedere il codice PIN.

Una volta ottenuto, dovrà recarsi presso un Ufficio Postale con un genitore e presentare il suo documento d'identità e il suo codice fiscale, insieme a quelli del genitore. Questi due passaggi sono necessari ai fini dell'attivazione della carta.

In seguito al raggiungimento della maggiore età, l'utente potrà scegliere di evolvere la sua carta IoStudio, trasformandola in una PostePay Standard. L'operazione è gratuita e viene effettuata allo sportello dell'Ufficio Postale.

Blocco della carta

In caso di furto o smarrimento, bisogna bloccare immediatamente la carta chiamando il Contact Center di Poste Italiane al numero verde 800.00.33.22 dall'Italia oppure al +39.02.82.44.33.33 dall'estero.

Come richiedere una nuova carta

Nel caso in cui la carta venga rubata o smarrita, è possibile richiederne una nuova o mandando un messaggio di posta elettronica alla casella mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o rivolgendosi direttamente alla segreteria della propria scuola. Lo stesso si può fare se si ha a che fare con una carta difettosa, magari perché si è rovinata o è stata smagnetizzata.

In tutti e due i casi, è necessario comunicare non solo il numero della carta, ma anche il codice di attivazione e blocco che è stato fornito al momento della consegna della carta.

Se, in seguito a uno di questi imprevisti, si desidera recuperare il credito residuo presente su IoStudio Postepay, occorre presentare il codice di rimborso in un ufficio postale, insieme con un documento di identità. Se la carta è stata rubata, c'è bisogno anche di una copia della denuncia che è stata presentata alle autorità competenti.

Alternative alla Carta IoStudio Postepay

Cerchi una carta evoluta sicura e con molteplici funzionalità? Visita la sezione dedicata alle migliori carte prepagate con IBAN, queste ultime, sono carte di pagamento con funzioni evolute che le rendono molto simili alle carte di credito.

Articoli correlati