Cessione del quinto Findomestic

Stai pensando di chiedere un finanziamento? Allora vale sicuramente la pena di considerare la cessione del quinto Findomestic! Questo articolo è una guida pratica con molte informazioni utili, relative alla formula di prestito con cessione del quinto nel dettaglio quella offerta dalla finanziaria Findomestic.

Cessione del quinto Findomestic: zero spese

Findomestic è una delle agenzie di credito più importanti a livello nazionale. Fondata nel 1984, si occupa di finanziamenti a privati e oggi propone varie tipologie di prestito, per venire incontro alle esigenze di tutti.

Fra le proposte, ovviamente, non mancano quelle di prestito con cessione del quinto, che approfondiremo di seguito.

Ecco quindi che, coloro che sono titolari di una pensione o di un contratto di lavoro, sia nel pubblico impiego che nel settore privato, potranno più facilmente ottenere un finanziamento.

Di seguito i vantaggi esclusivi della cessione del quinto Findomestic:

  • Nessuna spesa per aprire la pratica
  • Non ci sono spese per commissioni bancarie o per intermediazione bancaria
  • Azzerata l’imposta di bollo, anche per l’invio periodico delle comunicazioni cartacee
  • Garanzia di rata fissa: nessuna sorpresa alla fine del mese
  • Estensione del rimborso fino a 10 anni per importi consistenti

Grazie alla cessione del quinto Findomestic e in base all’anzianità di servizio – per i lavoratori – o di percezione della pensione, è possibile chiedere anche importi di una certa entità. Ecco quindi che, l’accesso al credito, viene reso possibile, in un periodo storico in cui sembra divenuto quasi impossibile ottenere un prestito dalle banche, persino a chi ha qualche garanzia da presentare.

Interessante anche il fatto che, per ottenere un prestito con la cessione del quinto, Findomestic non chieda nemmeno l’avallo del coniuge o di un parente stretto: basta la firma del richiedente e, questo elemento, è un’ulteriore agevolazione per chi ottiene il credito.

Da sapere: in ogni caso, l’importo delle rate mensili, non può superare il 20% dello stipendio o della pensione. Il tasso applicato è fisso.

Cessione del quinto per lavoratori dipendenti

Se siete lavoratori dipendenti, sia nel settore pubblico che privato, potete richiedere un finanziamento con la formula della cessione del quinto dello stipendio.

Findomestic ha creato, proprio per questa tipologia di clientela, una formula semplice e veloce, che vi permetterà in breve tempo e con alcuni documenti da presentare, di ricevere la somma di cui avete necessità.

Una volta stabilita la cifra che vi serve, sarà sufficiente decidere in quante rate restituirla, considerando che la mensilità sarà pari – esattamente – a un quinto dello stipendio che percepite.

Ecco di seguito, i documenti necessari, da presentare alla Findomestic:

  • Certificato di stipendio: da chiedere all'amministrazione dell’azienda presso la quale si lavora
  • Ultima busta paga: attesta l’effettiva attività lavorativa in atto
  • Benestare dell’azienda: conferma che, l’azienda è stata messa al corrente del prestito con cessione del quinto dello stipendio

Il benestare dell’azienda è fondamentale, dal momento che – in questa tipologia di finanziamento – non è il debitore a conferire mensilmente il rateo per la restituzione del prestito, bensì la stessa azienda, che procederà – attraverso l’ufficio amministrativo – a versare le quote mensili all’istituto finanziario.

Per questa ragione, il beneficiario del finanziamento, dovrà anche firmare una delega al proprio datore di lavoro, per dargli mandato di pagamento delle rate mensili per suo conto.

Cessione del quinto per pensionati

Anche i titolari di trattamento pensionistico, possono richiedere – e ottenere con maggior facilità – un prestito con cessione del quinto.

In questo caso, è necessario produrre questi documenti:

  • Cedolino della pensione
  • Codice fiscale
  • Documento d’identità in corso di validità

Se la pratica verrà approvata, sarà l’Ente previdenziale di riferimnto a erogare le quote mensili alla Findomestic.

Cessione del quinto per dipendenti ministeriali

Findomestic ha dedicato alcune agevolazioni ai dipendenti del Ministero dell’Economia e Finanze, grazie alla formula NoiPa.

In pratica, ai dipendenti del Ministero, è consentita una procedura più snella e anche l’opportunità di chiedere sia la cessione del quinto che la delega, con rate fino a 120 mesi.

Considerazioni

Sebbene, come già accennato, questo tipo di finanziamento sia più facilmente ottenibile, per la presenza di una busta paga o una pensione, è bene sapere che - nel caso in cui il richiedente sia entrato a far parte dei cosiddetti “cattivi pagatori”, a causa di precedenti finanziamenti non del tutto onorati, o anche nel caso in cui si paghino già rate di altri prestiti o finanziamenti finalizzati all’acquisto di beni – è meglio regolarizzare la propria posizione.

Se siete entrati nella lista dei cattivi pagatori, comunicatelo alla Findomestic all’atto della richiesta del prestito. In molti casi, infatti, una volta valutata la vostra posizione, l’istituto di credito concederà ugualmente il finanziamento.

Diverso il discorso per coloro che stanno già pagando uno o più finanziamenti. In questo caso, sarà bene verificare che, l’ulteriore rateo determinato mensilmente dalla cessione del quinto, non pesi troppo sul bilancio mensile familiare.

Nei casi in cui ci si trovi con un carico mensile troppo oneroso, dovuto a precedenti finanziamenti ancora in corso di pagamento, si prenda in considerazione un consolidamento del debito, che è possibile richiedere alla stessa Findomestic, in maniera da unificare la rata mensile da pagare e con una minore pressione economica sul bilancio familiare.

Altrimenti, se la situazione debitoria è gravosa e la condizione di cattivo pagatore diventa un limite insormontabile, si può prendere in considerazione una diversa tipologia di finanziamento, come ad esempio il prestito tra privati, o il prestito con cambiali o ancora, il prestito con garanzie.

Cessione del quinto: che cos’è

Lo dice la stessa frase: si ottiene una somma in prestito e si restituisce a rate, cedendo un quinto dell’importo dello stipendio o della pensione. Il successo di questa formula di prestito personale, è data da alcuni fattori: il primo fra tutti, la garanzia che si pone nei confronti dell’agenzia finanziaria che eroga la somma chiesta in prestito, dovuta alla presenza di un cedolino di pensione o da una busta paga.

Ecco quindi che, chi valuterà la richiesta di prestito, avrà maggiore flessibilità nell'approvarla.

Inoltre, si potrà sottrarre al proprio bilancio personale mensile, solo un quinto di quanto si percepisce, così da non subire uscite maggiori che possono far vacillare i conti familiari. Solo in alcuni casi, si può arrivare a valutare un rimborso mensile pari a due quinti della pensione o dello stipendio.

È quindi, a tutti gli effetti, un prestito personale, che nella maggior parte dei casi, non presuppone una finalità particolare, come nel caso dei prestiti personali finalizzati.

Chi può chiedere un prestito con cessione del quinto

Come accennato, solo chi è titolare di pensione o di stipendio con regolare contratto di assunzione, può chiedere questo tipo di prestito, proprio per la caratteristica fondamentale, che si espleta attraverso il versamento – mensile – di una parte di quanto si percepisce.

Per semplificare, possono richiedere un prestito con cessione del quinto:

  1. Pensionati
  2. Dipendenti pubblici o statali
  3. Dipendenti privati

Conclusioni

Semplice, sicuro, vantaggioso e con erogazione in tempi brevi. Sono le caratteristiche positive del prestito con cessione del quinto proposto da Findomestic. L’accesso al credito possibile e semplificato.

Pagina ufficiale della cessione del quinto Findomestic.

Selezionati per te