robot per pulizia della piscina

I robot per piscina sono gli aiutanti perfetti per chi non ha voglia o tempo di procedere alla manutenzione manuale della vasca, configurandosi come subacquei provetti, pronti a raggiungere punti della vasca spesso inavvicinabili: ma come districarsi tra i modelli di robot da piscina in commercio? Scopriamolo.

Robot per piscina: cos'è?

Un robot da piscina è un gingillo della tecnologia, lo strumento ideale per chi non vuole sobbarcarsi dell'esecuzione di un lavoro spesso noioso e faticoso necessario a mantenere costante la bellezza e la limpidezza della propria vasca. Chi possiede una piscina interrata, seminterrata o fuori terra, o chi sta decidendo d'acquistarne una, saprà che se il sistema di filtraggio concorre per un buon 80% a mantenere l'acqua in uno stato ottimale, il restante 20% è costituito dalla manutenzione periodica necessaria ad eliminare detriti e depositi vari: è qui che il robot da piscina entra in gioco, divenendo lo strumento essenziale per curare l'aspetto della vasca e le proprietà dell'acqua. Una volta acquistato un robot per piscina non si riuscirà più a farne a meno.

Un robot in piscina riuscirà facilmente a liberare, da sporco e detriti, il fondo e le pareti della vasca che potrebbero sovraccaricare il sistema di filtraggio; la manutenzione svolta dal robot nella piscina elimina rapidamente prodotti di origine organica vegetale, come ad esempio rametti, foglie o fiori, che possono cadere in vasca dagli alberi e dagli arbusti vicini, ma anche prodotti inorganici e chimici che inevitabilmente finiscono in piscina, come le creme e gli oli solari usati dai bagnanti prima di farvi ingresso. I vantaggi dell'inserimento di un robot in piscina sono moltissimi, ma vediamo prima quali sono i modelli di robot per piscina in commercio ed il rispettivo funzionamento.

Robot per piscina e tecnologie di funzionamento

Robot per pulire la piscina

Non esiste il robot da piscina perfetto; dovendo scegliere è necessario tener conto nella tecnologia che si intende utilizzare e da quanto si è disposti a spendere per il proprio tuttofare. Sul mercato è molto comune reperire robot per piscina idraulici, elettronici e pulsanti, che sebbene differiscano dal tipo di energia che li aziona hanno in comune la caratteristica di fungere da pulitori impeccabili.

Robot per piscina idraulici

Un robot pulisci piscina idraulico sfrutta, per il suo funzionamento, l'energia dell'acqua. In commercio sono presenti due diversi principi meccanici che azionano i robot da piscina idraulici, che sfruttano, in maniera diversa, il sistema filtrante della vasca:

  1. pulitore ad aspirazione: questo genere di robot è collegato alla bocchetta d'aspirazione o allo skimmer, adoperando il sistema filtrante per sviluppare energia; tale forza gli consente di muoversi in maniera aleatoria, facendo in modo che il robot in piscina riesca ad aspirare ogni genere di impurità. Tra i robot idraulici, i più apprezzati sono marchiati Zodiac, la quale offre una gamma di prodotti con un buon rapporto qualità/prezzo: il costo infatti può variare dai 150 ai 500€.
  2. pulitore a pressione: si avvalgono di una pompa booster che viene posizionata a ridosso dei circuiti di filtraggio. La pompa riesce ad esercitare in questo modo una grande pressione sull'acqua, che il robot trasforma in energia. Il prezzo di partenza si aggira intorno ai 400€ ma non sarà difficile reperire sul web un robot da piscina usato, ad un prezzo vantaggioso.

Robot per piscina elettrici

I robot elettrici sono chiamati, in generale, pulitori automatici; in realtà all'interno di questa categoria si possono distinguere pulitori che agiscono solo sul fondo e pulitori che puliscono fondo e pareti della vasca.

  1. Robot elettrici per il fondo: si tratta di macchine che non necessitano di un attacco al sistema di filtrazione, bensì alla semplice corrente elettrica, mediante un trasformatore a bassa tensione. Una volta inserito il pulitore in piscina, esso si muove autonomamente ma può anche essere pilotato da telecomando sul fondo della vasca. Il movimento è gestito solitamente mediante l'impostazione di programmi predefiniti che consentono all'apparecchio di cambiare di volta in volta direzione di marcia. I detriti raccolti dal robot in piscina vengono accumulati all'interno di un filtro che deve essere periodicamente ripulito per il corretto funzionamento. I marchi di pulitori elettrici più noti e tecnologici sono i Dolphin, anche se hanno una buona resa anche gli Zodiac, i Maytronics e gli Smartpool. Un robot per piscina Dolphin può costare da 500 sino ad oltre 8.000€, tutto dipende dall'estesione della vasca che si intende pulire. In realtà, in rete è molto facile anche recuperare un robot per piscine usato in buone condizioni a prezzi vantaggiosi, è importante però avere la possibilità di provarlo per appurarne il corretto funzionamento.
  2. Robot elettrici per fondo e pareti: indubbiamente questi costituiscono la soluzione più completa ed efficace fra tutti i robot pulitori che abbiamo valutato sinora. Si tratta di strumenti che vengono azionati a corrente, ma a differenza dei pulitorori da fondo hanno dei cingoli in schiuma o dentellati che riescono a muoversi agilmente anche sulle pareti della vasca, permettendo una pulizia completa ed ottimale. I pulitori elettrici per la cura del fondo e delle pareti delle piscine hanno costi molto elevati, che si aggirano intorno ai 7-8.000€ in media, raggiungendo anche i 12.000€ per piscine pubbliche o comunque di grandi dimensioni. Ovviamente, anche in questo caso non sarà difficile su internet trovare un robot per piscine usato: i Dolphin e gli Zodiac sono i più noti, ma tante offerte sono proposte anche da marchi come Aquabot o Maytronics.

Robot da piscina pulsanti

I pulitori pulsanti sono un tipo di pulitori idraulici che si discostano dagli altri della categoria perché non sfruttano il sistema di filtraggio, bensì l'acqua di ritorno della piscina: vengono quindi attaccati alla presa aspirafango che viene convertita in punto di mandata. Oltre ad essere conosciuti come pulitori pulsanti, sono noti anche come pulitori idraulici a sovrapposizione. La tecnologia utilizzata per la trasformazione del passaggio dell'acqua in energia d'aspirazione, è l'Effetto Venturi, in grado di eseguire tale mutamento in tempi molto ristretti. I pulitori pulsanti agiscono sul fondo come sulle pareti raccogliendo lo sporco ed i detriti in un sacchetto adiacente alla macchina. Il loro costo è compreso tra i 500 e i 1.200€ ed il marchio più noto che distribuisce macchine di questa categoria è Polaris.

Tecnologia a confronto: pro e contro

I pulitori per piscine hanno tutti il vantaggio di sollevare dal peso della pulizia manuale della vasca, ma l'acquisto di uno strumento di questo tipo necessita di alcune valutazioni, necessarie a compiere una spesa valida e che duri nel tempo.

Ciascun modello infatti, presenta dei pro e dei contro che sarà meglio soppesare per non rischiare di ritrovarsi in casa con un oggetto non idoneo al compito che gli si vuole affidare.

Robot idraulici: pro e contro

Gli aiutanti pulitori a sistema idraulico hanno dalla loro il basso costo, la facilità d'installazione e l'assenza di manutenzione. Di contro però hanno dei nei evidenti, primo fra tutti il fatto che la pulizia appare poco accurata, non avendo un sistema di spazzolatura, e riuscendo a rimuovere lo sporco solo dul fondo. In questo modo non solo può accadere che restino residui in sospensione, ma soprattutto che lo sporco va a finire nel sistema filtrante centrale, sovraccaricandolo.

Robot elettrici: pro e contro

I tuttofare elettrici hanno dalla loro innumerevoli vantaggi: non essendo collegati ai filtri della piscina non rischiano di danneggiarli, ed essendo a basso voltaggio hanno consumi bassissimi. Inoltre, grazie al fatto che solitamente sono programmabili, agiscono autonomamente conducendo cicli prestabiliti di pulizia e svolgendo il loro compito egregiamente. Le spazzole possedute sui cingoli rimuovono, infatti, non solo lo sporco casualmente finito in piscina, ma anche le alghe che naturalmente si formano su fondo e pareti. Questi robot garantiscono anche la pulizia della linea di galleggiamento. Le note dolenti dei pulitori elettrici sono da un lato il prezzo, sensibilmente più alto, dall'altro la manutenzione, perché periodicamente dovrà essere sostituito il sacchetto dei filtri.

Robot pulsanti: pro e contro

I pulitori pulsanti hanno senza dubbio il merito di non essere eccessivamente costosi, di poter essere utilizzati facilmente e di essere affidabili nel tempo. Il contro, come nel caso dei pulitori idraulici, è la scarsa accuratezza nella pulizia per via dell'assenza di spazzole, e quindi la possibilità reale che lo sporco smosso resti in sospensione. Inoltre questi pulitori necessitano di un cambio periodico del sacchetto in cui è raccolto lo sporco prelevato in vasca.

Conclusioni

I robot per piscine sono indubbiamente l'aiuto che serve a mantenere inalterate le condizioni della propria vasca, ma se per una fuori terra di piccole dimensioni può essere una valida soluzione un pulitore idraulico, per una piscina interrata o seminterrata di dimensioni discrete certamente servirà qualcosa di più: chi pensa che i robot pulsanti o gli elettrici di ultima generazione possono avere costi proibitivi, non è detto che possano permetterseli solo in pochi, sul web, infatti, oltre a poter trovare facilmente prodotti nuovi in offerta, non sarà difficile trovare il pulitore per piscine usato che fa al caso proprio. La tecnologia aiuta, trovare il miglior prezzo sarà solo questione di pazienza.