ristrutturare casa

Ristrutturare la casa dove abitiamo, o quella dove abiteremo è spesso un’esigenza ineludibile. A volte però ci si sente con l’acqua alla gola nel mare magnum delle cose da sapere: cerchiamo di fare un po’ di ordine.

Ristrutturare casa: tipologie d'interventi

Affrontare il tema della ristrutturazione della casa, significa innanzitutto sciogliere alcuni nodi circa la reale portata di questa operazione. Dobbiamo quindi fare una distinzione tra tre tipologie di interventi, la ristrutturazione con manutenzione ordinaria o "piccole opere" ristrutturazione con manutenzione straordinaria o "piccole opere", ed infine ristrutturazione con "grandi opere". Vediamole nel dettaglio.

La Manutenzione ordinaria

Esiste già un edificio su cui intervenire, e la manutenzione ordinaria migliora la funzionalità di una struttura o la va a toccare solo in parte. Fuori non vanno fatte modifiche, a parte mettere grate alle finestre, sistemare i muri con materiale uguale a quello già presente, sistemare finestre, cancelli e vetrine, creare posti auto e prendersi cura del verde. All'interno invece si può rafforzare la stabilità, sostituire le finiture e installare pareti mobili.

La Manutenzione straordinaria

Se per ristrutturare la vostra casa, siete costretti a intervenire su muri di sostegno e architravi, rifare i bagni e i servizi tecnologici, cambiare la dimensione delle stanze, modificare in maniera evidente la facciata e creare giardini, siete nel campo della manutenzione straordinaria. Anche mettere i pannelli solari, fotovoltaici e termici, o trasformare un appartamento in due, o due in uno, è manutenzione straordinaria. Per restare all’interno di questa tipologia di lavori, non può essere variata completamente la tipologia e la destinazione d’uso dell’edificio: verificate il vostro caso nel Regolamento Edilizio presente (in quasi tutti i casi) sul sito istituzionale del vostro Comune.

Ti interessa sapere quali sono gli sgravi fiscali per le ristrutturazioni?

Ristrutturazione con grandi opere

Ovviamente entra in questa categoria ogni tipologia di intervento che cambia completamente l’aspetto della struttura, le dimensione e la tipologia d’uso, la realizzazione di annessi e parcheggi non pertinenziali. Abbattere e ricostruire uno stabile è chiaramente una grande opera.

Leggi anche: come ristrutturare il balcone

RISTRUTTURARE CASA: COSA DICE LA LEGGE?

Manutenzione ordinaria

La manutenzione ordinaria per ristrutturare casa si realizza senza dover pagare nulla al Comune di Residenza, perché non necessità di concessione edilizia. Non bisogna pensare, però, visto che si tratta di opere minori di poter far tutto da soli. Per gli impianti serve comunque un tecnico che certifichi il buon svolgimento dei lavori, noi siamo responsabili per il rispetto di norme di sicurezza e igiene.

L’iter burocratico inizia a diventare un po’ più complesso: va fatta la DIA denuncia inizio attività, o richiesta un’autorizzazione edilizia. Se dopo 90 giorni il Comune non dovesse rispondere, vale la regola del silenzio-assenso.

Richiesta permesso di costruire per la ristrutturazione con grandi opere

Per le grandi opere il discorso cambia completamente: va chiesta una concessione edilizia e versato un contributo al Comune

Come ristrutturare casa: ditta appaltatrice o professionisti vari?

Nel momento in cui decidete di ristrutturare la vostra casa, a seconda delle entità delle modifiche fare, dovrete rivolgervi ad un professionista differente. È possibile avere invece contatti con un’unica azienda? Da un po’ di tempo a questa parte, nel campo dell’edilizia privati si sta sviluppando l’abitudine di rivolgersi a Ditte Appaltatrici che si occupino dei lavori dalla A alla Z.

Si possono chiedere preventivi differenti, segnalando la cifra entro cui si vuole rimanere, e poi starà alla ditta contattare tutte le figure professionali necessarie a portare a termine l’opera nel rispetto di prezzi e tempistiche. Quali sono le figure chiave che possono fare al caso vostro?

L’ARCHITETTO: professionista necessario nelle grandi ristrutturazioni, perché l’edilizia non s’improvvisa. Potrà coordinare i lavori, suggerire i materiali e inquadrare un budget che può contenere le vostre richieste.

IL MURATORE: si occuperà della maggior parte del lavoro. Rendere reali le vostre idee, ma fidatevi anche dei suggerimenti di chi conosce bene questo campo

IL FALEGNAME: anche se la maggior parte dei mobili saranno di misura standard, potrà succeder di dover far realizzare un oggetto su misura…qui entra in gioco questo professionista del legno.

L’IMBIANCHINO: il fai da te è il passatempo di molti, ma quando si tratta di colorare un intero appartamento, meglio chiamare chi è del mestiere…potrà anche lui consigliarvi, perché già sa come cambia la resa di un colore dal barattolo al muro e magari quel viola tanto chic a piccole dosi rischierebbe di rendere camera vostra decisamente funerea.

L’IDRAULICO: senza di lui è impossibile passare tubi, realizzare impianti di condizionamento e ovviamente idraulici. Magari potrà darvi qualche consiglio ad hoc per risparmiare sui consumi.

L’ELETTRICISTA: indispensabile, le necessarie certificazioni riguardanti l’impianto

IL MONTATORE DI PARQUET: se optate per un parquet lamellare potete tentare di montarlo da soli, idem con un parquet a posa flottante. Ma se avete deciso per un parquet massello o per un parquet prefinito incollato, non potete fare a meno di lui.

Il DECORATORE: che siano stancil, trompe l’oeil o altri di abbellimenti, questa figura è importante per chi decidere di unire alla funzionalità una bellezza più visibile del luogo dove abitare.

L’INTERIOR DESIGNER: la figura “dell’armonia”. Organizza spazi, dimensioni, colori stili, per far risaltare la vostra personalità attraverso la vostra casa.

Ristrutturare la casa: consigli pratici

  1. Fare un preventivo di spesa per ristrutturare la vostra casa è il primo passo verso una seria progettazione. Inutile immaginarsi Versailles, se poi possiamo permetterci 50 mq.
  2. Stabilire gli spazi: quali sono i luoghi per voi più importanti? Meglio una camera confortevole e una cucina minima? Oppure siete sempre pieni di ospiti e necessitate il contrario?
  3. Luce e Ombre: i punti luce adatti, giocare con lampadari e plafoniere, potranno aggiungere bellezza senza alzare troppo il prezzo dei lavori
  4. Sii ecologico: non solo impianti fotovoltaici, ma anche materiali ecologici e attenzione allo smaltimento dei rifiuti una volta finiti i lavori.

Dopo tanto leggere non vedete l’ora di ristrutturare la vostra casa? Allora, tenete sotto controllo i permessi, chiamate i professionisti giusti, sfruttate ogni detrazione e agevolazione possibile…e buon lavoro!!

Ti interessa sapere come ristrutturare il bagno?