Prestiti veloci

Ultimo aggiornamento di Giuseppe Rossetti

Sono tante le tipologie di prestiti veloci a cui si può tentare di accedere quando si ha necessità immediata di liquidità per gestire un imprevisto, realizzare un progetto o cogliere un’opportunità al volo.

In questo articolo guida vedremo quali tipologie di finanziamenti sono accessibili rapidamente anche e soprattutto nel caso in cui si è stati segnalati come cattivi pagatori.

I prestiti veloci sono dedicati a coloro che hanno la necessità di ottenere una certa somma di denaro con urgenza e quindi in tempi molto brevi.

Cerchi un prestito Veloce Facile da Ottenere? Se questo è ciò che desideri prova a richiederlo adesso direttamente Online bastano pochi click!

1. Richiesta Online con risposta immediata

2. Caricamento dei documenti e firma digitale

3. Esito in 24 ore

Può essere – ad esempio – il caso di una spesa imprevista. In una circostanza simile i tempi di attesa sono importantissimi e quindi la rapidità di analisi di una richiesta devono essere ridotti ai minimi termini.

Per quel che riguarda i limiti relativi agli importi, in genere la soglia da non superare è tra i 1000 e i 5000€. Questo perché, per importi maggiori, i tempi si allungano in quanto vengono effettuati controlli patrimoniali più approfonditi.

Una peculiarità dei prestiti veloci – come vedremo più avanti – è che le richieste possono essere inoltrate direttamente online e quindi la rapidità con cui vengono erogati è davvero notevole.

Prestiti veloci

Prestiti veloci: possibili tipologie

Iniziamo con il categorizzare le varie tipologie di prestiti veloci così che tu possa approfondire quella che più ti rappresenta.

Considera che le situazioni variano molto da persona a persona quindi potresti trovarti in uno o più gruppi.

In questo caso non preoccuparti, i suggerimenti sono comunque utili per riuscire a comprendere come sfruttare al meglio ogni opportunità.

Da leggere: come chiedere ed ottenere un prestito da 1000 euro velocemente

Prestiti immediati online

Se hai una buona reputazione creditizia ed un reddito dimostrabile i prestiti immediati online sono probabilmente – oggi – il modo migliore per accedere rapidamente al credito.

Ne vuoi un esempio? Richiedi adesso il tuo prestito online, pigia qui. Avrei la tua risposta entro 24 ore lavorative questo perché tali strumenti sono appositamente studiati per chi ha necessità immediata.

Possono essere erogate somme fino a 10 mila euro e, naturalmente, bisogna garantire la propria situazione economica. Dopodiché, se si possiedono tutti i requisiti, solitamente il finanziamento viene concesso in tempri molto brevi.

Se si effettua una ricerca delle molte offerte che si possono trovare online, nonostante il servizio rapido, alcuni offrono tassi di interessi tutto sommato accettabili.

prestiti immediati online

Da leggere: prestiti cambializzati a domicilio

Come suggerisce la frase prestiti online immediati, la caratteristica principale di questa forma di credito è la rapidità con cui viene erogato. Tuttavia, non sempre si tratta di un prestito effettivo in 24 ore, ma comunque i tempi per ricevere la cifra richiesta non superano i tre giorni lavorativi, generalmente le tempistiche sono molto ristrette.

Per richiedere dei prestiti online immediati non occorre specificarne le motivazioni, quindi non è necessario spiegare quello che sarà l’uso del denaro ricevuto. Un’altra caratteristica è che la cifra erogabile, di solito, non supera i 10 mila euro, ma anche in questo caso qualche finanziaria arriva a concedere anche cifre più consistenti.

I tassi di interesse dei prestiti online immediati, al contrario di quanto si potrebbe pensare, non sono molto più elevati rispetto alle forme di credito tradizionale, possono raggiungere l’8,18%, in media e generalmente sono finanziamenti a tasso fisso. Se si ha un altro finanziamento in corso è bene farlo presente, alcune finanziarie richiedono l’ultimo bollettino pagato tra la documentazione.

Non tutti gli istituti di credito concedono questo tipo di finanziamento che, a causa dei tempi di concessione, non può prevedere delle verifiche molto accurate sul richiedente. Le banche, per esempio, difficilmente offrono questo servizio. Le finanziarie, al contrario, tendono ad aprirsi verso questa possibilità, anche per ampliare la loro fetta di mercato.

Da leggere: 4 finanziarie che offrono prestiti immediati

A chi sono consigliati

I prestiti online immediati, sono indicati per chi dovesse far fronte a spese improvvise, come un acquisto o una riparazione importante dell’auto, un macchinario indispensabile per lo svolgimento della propria professione, una sanzione economica di una certa entità imprevista.

In tutti questi casi, il servizio di prestito immediato, è una vera ancora di salvezza soprattutto se si richiedono mini prestiti che per loro natura sono veloci soprattutto se la domanda viene inoltrata online.

Meglio invece non richiederlo se le spese sono pianificate, in quel caso è preferibile ricorrere alle forme di prestito personale tradizionali che hanno un tasso di interesse un po’ più basso e una linea di credito più ampia e versatile.

I prestiti online veloci, rapidi, immediati, sono uno strumento di finanziamento personale di rapida erogazione, circa 24 ore, da richiedere quando si debba far fronte a spese impreviste. Molto utili in queste circostanze di necessità impellente, aiutano il richiedente a risolvere, nel giro di due o tre giorni, i suoi problemi finanziari.

Se utilizzato nel modo corretto, questa forma di credito non solo è valida, ma può essere la soluzione migliore per una momentanea difficoltà economica.

Lavoratori con contratto a tempo determinato

Se fai parte della categoria dei lavoratori con contratto a tempo determinato, per ottenere prestiti veloci le cose sono un poco più complicate, ma, come abbiamo già detto, non per questo devi rinunciare!

Nel tuo caso, il prestito veloce diventa un obiettivo difficilmente raggiungibile, infatti, generalmente quando il reddito è incerto o comunque relativo ad un breve periodo di tempo, è normale che chi deve erogare il finanziamento faccia una analisi più approfondita, di conseguenza potrebbe essere necessario attendere qualche giorno in più prima di avere un responso.

La categoria di lavoratori cui appartieni è considerata a forte rischio di insolvenza, per cui tieni conto che in linea di massima si può ragionevolmente pensare di chiedere ed ottenere un prestito se si ha un garante (comunque necessario in caso di richieste superiori a 3000 / 5000 euro soprattutto se il periodo lavorativo è breve).

Il lavoratore con contratto a tempo determinato che viene supportato da un garante, dà alla finanziaria un valido motivo per prendere in seria considerazione l’approvazione di un prestito online veloce. Quindi, ragionevolmente, si può affermare che in una simile circostanza il prestito verrà concesso.

Resta inteso che il garante deve avere un reddito ed una situazione patrimoniale molto solida, al contempo, deve anche godere di un’ottima reputazione creditizia e quindi essere considerato un buon pagatore, cioè colui che ha sempre pagato eventuali prestiti / finanziamenti regolarmente.

Da leggere: prestito veloce CreditExpress online dalla app UniCredit

Lavoratori stagionali

Prestiti online veloci per lavoratori stagionali: se hai un reddito da lavoro stagionale e quindi con contratto a tempo determinato, la finanziaria generalmente si rende comunque disponibile a valutare l’ipotesi di prestito ma, occorre avere un regolare contratto di lavoro che certifichi la collaborazione.

In questo caso il prestito che la finanziaria concederà, sarà tra quelli che comunemente vengono classificati con il nome di “piccoli prestiti“, generalmente le cifre erogare sono tra i mille / tremila euro, questo perché il reddito che si svilupperà nei mesi successivi sarà probabilmente limitato in conseguenza del breve periodo in cui si rimane impegnati.

Naturalmente anche in questo caso, se si ha un garante la situazione migliora notevolmente e probabilmente la pratica sarà approvata.

Da leggere: come ottenere un prestito cambializzato online

Lavoratori autonomi

Prestiti online veloci: se sei un lavoratore autonomo, un libero professionista, un artigiano o comunque lavori con partita iva, il documento che ti serve è la dichiarazione dei redditi relativa l’anno precedente o meglio ancora degli ultimi 3 anni.

In talune circostanze (soprattutto in presenza di richieste cospicue di danaro) la finanziaria, potrebbe chiedere ulteriore documentazione prima di accettare di erogare il prestito personale. Tale documentazione può essere di diversa natura, ad esempio estratti conti bancari, denuncia dei redditi di anni precedenti come anche un bilancio parziale dell’anno corrente. Le situazioni appena citate sono normale routine quando un lavoratore autonomo chiede un finanziamento.

Ti interessa sapere come ottenere un prestito cambializzato per lavoratori autonomi?

Prestiti con cambiali

I prestiti veloci con cambiali sono l’esempio più diffuso di questa forma di finanziamento: vi possono accedere non solo i lavoratori dipendenti che possiedono una busta paga, ma anche i pensionati e i lavoratori autonomi e persino i cattivi pagatori e i disoccupati.

A seconda della categoria di appartenenza, ovviamente, è necessario fornire delle garanzie differenti: per esempio, i lavoratori dipendenti sono tenuti a presentare il Tfr accumulato insieme con il certificato di busta paga, mentre per i lavoratori autonomi c’è l’obbligo di mostrare una polizza vita sottoscritta da almeno un paio di anni e il Modello Unico degli anni passati.

Se i pensionati possono limitarsi a mostrare il certificato pensionistico, coloro il cui nominativo risulta indicato nel CRIF e i disoccupati per ambire ad un finanziamento lesto, devono offrire in garanzia un immobile di proprietà, o in alternativa avvalersi di un garante, cioè di un soggetto terzo disposto a rimborsare il debito in caso di insolvenza da parte di chi ha beneficiato del prestito. La rata da corrispondere è rappresentata, ovviamente, dalla cambiale, che non è altro che lo strumento di credito indispensabile per avere il denaro e la cui quota varia in base alla somma che si richiede, al reddito e al numero di mensilità nelle quali il rimborso viene suddiviso.

Da leggere: guida ai prestiti cambializzati veloci

Prestiti urgenti

I prestiti urgenti sono particolari finanziamenti in funzione dei quali il denaro richiesto viene concesso nell’arco di 24 ore: l’obiettivo di una soluzione di questo genere è quello di soddisfare le necessità di chi si trova alle prese con una spesa che non può essere rinviata troppo in là. Una delle caratteristiche dei prestiti urgenti è che gli importi sono limitati, di solito sotto i 10mila euro.

Per quel che concerne le garanzie necessarie alle banche e agli istituti di credito, i lavoratori autonomi sono tenuti a presentare il Modello Unico dell’anno precedente, mentre per i lavoratori dipendenti è sufficiente la busta paga. Non è da sottovalutare il fatto che i tassi di interesse risultano alquanto conveniente, perché molto bassi.

Da leggere: opportunità di prestiti urgenti – 4 soluzioni

Prestiti in 24 ore senza busta paga

Infine, proseguendo nella rassegna dei prestiti veloci, ecco i prestiti in 24 ore senza busta paga. Per richiederli è necessario compilare un modulo che di solito si trova anche online, sul sito della banca a cui si è intenzionati a rivolgersi: al fine di ottenere questo tipo di prestito veloce è indispensabile precisare non solo l’importo che si desidera, ma anche il piano di recupero previsto, senza dimenticare di indicare di quale reddito si dispone.

Poiché si tratta di prestiti veloci senza busta paga, il reddito in questione non deriva da uno stipendio, ma può corrispondere a un accredito su conto corrente o a qualunque altro genere di entrata economica, come i guadagni derivanti dall’affitto di un paio di appartamenti. Tali prestiti veloci vengono valutati e accettati in non più di 24 ore, grazie al lavoro dei consulenti che analizzano e prendono in esame le domande relative.

Se viene accertato che uno o più requisiti non vengono rispettati, comunque, non è detto che il prestito veloce senza busta paga venga rifiutato: infatti, l’istituto di credito può decidere di proporre al richiedente una soluzione alternativa, ovviamente in forma gratuita e senza alcun impegno da parte del cliente. Sempre con procedure immediate e all’insegna della massima rapidità immaginabile.

Da leggere: prestiti in 24 ore anche senza una busta paga

Prestiti veloci senza busta paga

Il prestito veloce senza busta paga è un particolare tipo di finanziamento che viene concesso da un istituto creditore a chi ha determinate necessità di liquidità ma non può contare su una busta paga che gli permetta di dimostrare di essere in possesso di un lavoro da dipendente.

prestito veloce senza busta paga

Oltre ai piccoli prestiti in 24 ore, chi ha la necessità di ottenere una certa liquidità in tempi brevi può fare riferimento al prestito veloce senza busta paga: una sorta di mini prestito veloce che può essere erogato non solo a chi ha un lavoro autonomo, ma anche:

Per ottenere questo finanziamento veloce è necessario fare riferimento a delle garanzie diverse rispetto alle tutele tradizionali, visto che non si può usufruire di un reddito stabile da lavoro dipendente né, di conseguenza, si può presentare alla banca la busta paga. Ecco perché gli istituti finanziatori sono soliti concedere prestiti personali di questo tipo solo in presenza di concrete garanzie di tipo personale o reale.

Prestito per i giovani

Il prestito veloce senza busta paga per i giovani è una delle situazioni più frequenti dal punto di vista dei finanziamenti messi a disposizione di chi non ha un lavoro da dipendente. Si tratta, in questi casi, di finanziamenti d’onore elargiti – per esempio – agli studenti universitari. Il vantaggio più concreto di questa formula va individuato nell’avvio posticipato del piano di rimborso, visto che il programma di ammortamento parte nel momento in cui il percorso di studi viene concluso. In altri casi, il prestito veloce senza busta paga concesso ai giovani presuppone l’affiancamento di un genitore in qualità di garante.

Prestito veloce per disoccupati

Più complicato, ma comunque non impossibile, è l’iter del prestito veloce senza busta paga per i disoccupati: si tratta – come è facile intuire – di un’ipotesi che si riscontra con una certa difficoltà nella prassi creditizia, ma che comunque non è rara. Non è detto, infatti, che un disoccupato sia per forza di cose privo di reddito: si potrebbe, per esempio, non avere un lavoro ma percepire comunque delle rendite. Si parla, in situazioni di questo genere, di prestiti di difficile erogabilità, concessi solo a fronte di garanzie molto significative, così che un eventuale rischio di adempimento possa essere aggirato. Ci possono essere, quindi, dei finanziamenti abbinati a pegno su titoli o, meno di frequente, dei finanziamenti abbinati a ipoteche su immobili.

Entrando più nel dettaglio e provando a immaginare un esempio, si ipotizzi la situazione di un soggetto che abbia bisogno di 10mila euro in prestito pur avendo a disposizione 20mila euro di titoli obbligazionari amministrati in deposito, che però non intende disinvestire. In questa circostanza, la banca iscriverà pegno sui titoli del deposito in suo favore, da impiegare solo ed esclusivamente nel caso in cui il debito non venga restituito regolarmente e interamente dal debitore principale. Va ricordato, che per questa formula sono applicate delle commissioni abbastanza elevate, soprattutto dal punto di vista delle spese di istruttoria e anche i tassi di interesse debitori non sono molto convenienti.

Prestito veloce per casalinghe

In ultimo, può essere utile prendere in considerazione il prestito veloce senza busta paga alle casalinghe: anche in tale circostanza è fondamentale mettere a disposizione una garanzia – o, ancora meglio, più di una garanzia – in assenza di un rapporto di lavoro dipendente. Possono esserci, poi, i finanziamenti destinati alle donne divorziate che ricevono dal marito un assegno di mantenimento: a volte, in questi casi, le garanzie non sono necessarie, ma ovviamente tutto dipende dalla somma e dalla prestazione ricorrente.

Requisiti richiesti

Prestiti online veloci

Prima di addentrarci nei dettagli su come ottenere prestiti online veloci, è di fondamentale importanza, parlare dei requisiti e documenti indispensabili per inoltrare correttamente una richiesta di finanziamento online.

Diversamente non avrebbe senso procedere. Questo perché in pratica nessuno presta denaro se non ottiene prima tutta la documentazione necessaria per avere un quadro economico complessivo del richiedente.

Il prestito veloce, anche se online non è automatico, infatti, inviati i dati richiesti tramite il sito web, la pratica sarà affidata ad un operatore che dovrà fare gli accertamenti e considerazioni del caso.

Mentre prosegui nella lettura dell’articolo, tieni conto che i documenti e le caratteristiche di solvibilità richieste dalle finanziarie generalmente si accomunano. Ciò non toglie che, ognuna di loro, potrebbe chiedere anche altra documentazione. In tal caso più sarai veloce a fornire i dati richiesti, più la pratica sarà vagliata velocemente.

Quindi, siano essi chiamati prestiti online in 24 ore, prestiti personali veloci o in altra maniera, il succo non cambia: servono tutti i documenti ritenuti necessari! Se questi mancano, il finanziamento non sarà approvato.

Il primo requisito che tutti i richiedenti di un prestito devono avere è l’essere considerati buoni pagatori. In sostanza non bisogna essere iscritti nelle banche dati delle centrali rischio come dei cattivi pagatori, se non sei sicuro se risulti come cattivo pagatore consulta questa guida.

È importante sapere che: se in passato si sono avuti problemi con i pagamenti di un prestito / mutuo questi saranno evidenziati compromettendo il buon esito della richiesta di finanziamento.

Ricorda: tutte le finanziarie in fase di valutazione, interrogano la centrale rischi, spesso questo controllo è automatico e se l’esito è positivo (cioè si risulti cattivi pagatori) si accende una luce rossa e la pratica di finanziamento molto probabilmente viene respinta.

Da leggere: come avere un prestito da 1000 euro immediato

Documenti richiesti

Bene, ecco dunque l’elenco dei documenti generalmente richiesti dalle finanziarie per poter chiedere un prestito personale.

  1. carta di identità;
  2. codice fiscale;
  3. busta paga se sei un lavoratore dipendente con contratto a tempo indeterminato o determinato, cedolino pensione se sei un pensionato, modello unico se sei un lavoratore autonomo.

Se si soddisfano questi 3 parametri si può chiedere ed ottenere un finanziamento in tempi rapidi.

Le prime due voci (carta di identità e codice fiscale) generalmente non rappresentano un problema per tutti coloro che sono residenti in Italia, mentre il terzo requisito può per alcuni essere un problema.

Non hai un reddito da lavoro dipendente? Non disperare! La tua situazione è ormai molto comune e le finanziarie si sono organizzate per venirti incontro. Forse puoi anche tu chiedere ed ottenere un mini prestito veloce.

Da leggere: piccolo prestito PostePay

Garanzie

Per questi finanziamenti veloci, dunque, può essere utile presentare delle garanzie pignoratizie o ipotecarie su beni mobili e immobili. Questi possono essere per esempio, titoli, denaro presente su un conto corrente, ma anche di una barca, una casa e così via.

Va detto, ad ogni modo, che questa opzione è considerata minoritaria nel sistema creditizio: è difficile, infatti, che chi ha bisogno di un prestito veloce senza busta paga possa contare su beni come quelli appena elencati.

Per di più, le spese relative alla costituzione di una garanzia reale per un prestito veloce andrebbero a superare i vantaggi che deriverebbero dal conseguimento del finanziamento.

Ecco perché per i prestiti veloci si fa riferimento in modo particolare alle garanzie personali. L’esempio più classico è quello del prestito con garante dove una terza persona interviene firmando una fideiussione che tuteli il creditore in caso di mancato pagamento di una o più rate da parte del debitore.

Non di rado a fare da garante è il genitore che con i propri capitali garantisce per il figlio permettendogli così di ottenere un finanziamento.

Le garanzie personali danno modo alla finanziaria o alla banca di avere la sicurezza morale e giuridica di vedere rimborsata in ogni caso la somma erogata, anche se il debitore dovesse rivelarsi insolvente.

Garanzie di questo tipo sono spesso utilizzate per ottenere piccoli prestiti magari anche erogati in 24 ore, successivamente, nel caso in cui il debitore principale abbia delle difficoltà nella restituzione del capitale interviene il fideiussore.

Ovviamente, è necessario che chi firma la fideiussione sia un soggetto affidabile non iscritto al CRIF che goda quindi di una ottima reputazione e non abbia quindi avuto problemi dal punto di vista della storia creditizia: ecco perché la banca, prima di accettare la sua garanzia, provvede a eseguire una adeguata istruttoria della sua solvibilità.

Il garante. Come avviene per un piccolo prestito in 24 ore, anche per un prestito veloce senza busta paga il fideiussore coinvolto nel finanziamento diventa un coobbligato in solido con chi ha ottenuto il prestito. Questo in sostanza vuol dire che l’istituto di credito – in caso di insoluto – ha facoltà di chiedere al fideiussore le somme arretrate non pagate.

Nel caso in cui tocchi al garante restituire una parte dell’importo, naturalmente, egli ha tutto il diritto di esercitare, nei confronti del debitore principale, il proprio diritto di rivalsa.

Da leggere: come avere un prestito da 1000 euro immediato

Limiti di età

Quando alcune categorie di persone (in questo caso parliamo di anziani) un prestito veloce online, alcune volte, gli istituti di credito pongono dei limiti di età oltre i quali non è possibile richiedere un finanziamento, come ad esempio un pensionato che ha raggiunto la soglia massima di 72 anni.

In altri casi, questo prestito super dinamico può essere erogato unicamente a chi ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Nell’eventualità in cui, invece, il finanziamento sia concesso a una persona con un contratto a tempo determinato, invece, viene applicata la condizione per cui la durata del finanziamento non sia più lunga del doppio della durata del contratto stesso.

Per maggiori informazioni in merito ai limiti di età in cui un pensionato può richiedere un prestito, ti consigliamo di leggere l’articolo: Prestiti per pensionati rimborsati entro i 90 anni

Conclusioni

I prestiti veloci, in conclusione, rappresentano la soluzione di riferimento per chi ha bisogno di liquidità in tempi brevi, per esempio perché deve far fronte a una spesa imprevista e urgente: conoscere le varie proposte messe a disposizione dagli istituti di credito consente di individuare quella più in linea con le proprie necessità.

Lascia un commento