zero per cento tasso

Spesso spot pubblicitari e volantini fanno leva sull'opportunità di acquistare beni e servizi con prestiti a tasso zero. Sei tentato, ma hai timore che ci sia una "fregatura" dietro questo genere di offerte. Ti stai domandando come sia possibile acquistare a rate un prodotto e rimborsare il denaro ricevuto a credito senza pagare un centesimo di interessi e costi vari. Porsi queste domande è legittimo, soprattutto se non si sa bene come funzionano queste tipologie di prestiti.

In ogni caso non devi preoccuparti, ora, ti fornirò tutte le delucidazioni necessarie a schiarirti le idee, a quel punto tutte le tue domande troveranno risposta. Leggendo l'articolo capirai esattamente cosa sono i famosi TAN e TAEG e in che modo incidono sulla somma da restituire all'istituto di credito. Inoltre ti mostrerò mostrata la differenza fra “tasso zero” e “tasso zero reale”, che in molti tendono a sottovalutare. Nell'articolo sono contenuti anche tre esempi, i quali differiscono leggermente fra di loro per via di alcune piccole caratteristiche che però meritano massima attenzione.

Quindi cosa stai aspettando? Comincia subito a schiarirti le idee leggendo questo articolo che ti spiega dettagliatamente cosa sono i finanziamenti a tasso zero!

Prestiti a tasso zero: cosa sono

prestiti a tasso zero sono una particolare tipologia di “credito al consumo”. Questo vuol dire che ci troviamo difronte ad un finanziamento della durata di 18/24 mesi, rivolto alle persone fisiche e diretto all'acquisto di beni o servizi oppure alla semplice rateizzazione di una determinata spesa da sostenere, dove il TAN è sempre con percentuale 0. È bene sottolineare fin dal principio che solo in alcuni casi anche il TAEG potrebbe essere pari a 0. Prima però di procedere con la spiegazione dei finanziamenti a tasso zero, sarà bene chiarire cosa sono i due principali elementi costitutivi del prestito, ovvero il TAN e il TAEG che sono anche la base fondamentale di questa particolare tipologia di prestiti.

Il TAN e il TAEG come detto in precedenza, sono due degli elementi costitutivi del prestito. Per capire bene quanto detto nel paragrafo precedente, è necessario comprendere nel dettaglio cosa siano questi due tassi di interesse.

Cos'è il TAN

Il TAN, ovvero il Tasso Annuo Nominale, è la percentuale di interesse puro applicato ad un prestito. Questo indica quanto si pagherà realmente il servizio ricevuto, che nella sostanza è il costo della presa in prestito di una data somma di denaro.

Cos'è il TAEG

Il TAEG è il Tasso Annuo Effettivo Globale, conosciuto anche come Indicatore o Indice Sintetico di Costo. Questo rappresenta il costo effettivo del finanziamento che dovrà essere sostenuto dal cliente e che varia a seconda dell’ente di credito a cui ci rivolgiamo. Nel computo del TAEG rientrano quindi tutte le spese accessorie del finanziamento fra cui:

  • Bolli statali
  • Imposta
  • Assicurazioni obbligatorie
  • Commissioni di incasso
  • Spese conto corrente di appoggio (se previste)
  • Spese di istruttoria della pratica

Le assicurazioni non obbligatorie vengono conteggiate a parte. In conclusione, semplificando al massimo, quello che interessa sapere al consumatore è che il TAEG è il valore in percentuale che meglio rappresenta il costo totale di un prestito, di un mutuo o di un finanziamento. Il TAEG, in sostanza è la somma del TAN + gli oneri e costi legati al prestito. Quindi, per scegliere il miglior prestito tra le tante offerte oggi disponibili, la percentuale del TAEG è il valore di riferimento da tenere d'occhio. Più la percentuale è bassa più il prestito è conveniente per chi lo richiede.

Prestiti a tasso zero: solo uno lo è davvero

A dispetto di quello che comunemente si pensi, un prestito a tasso zero non contempla l’azzeramento di entrambi i tassi di interesse, ma solamente di uno, il TAN, che rappresenta la percentuale più bassa. L’azzeramento dei due indici si ha invece quando il prestito è a tasso zero reale.

Prestito a tasso zero

In un finanziamento a tasso zero, il debitore dovrà rimborsare all’istituto di credito l’intero ammontare della somma presa in prestito più il TAEG. Quindi l’unico tasso di interesse azzerato in questo caso è effettivamente il TAN, che come detto prima è il costo effettivo, protratto nel tempo, della somma di denaro avuta in prestito.

Prestito a tasso zero reale

Il Finanziamento a tasso zero reale, è invece quello in cui sia il TAN che il TAEG hanno una percentuale pari allo 0%. In quest’ultimo caso ci si potrebbe chiedere l’istituto creditizio cosa guadagni nel prestarci la somma di denaro. La risposta è semplice, se TAN e TAEG sono pari a zero, vuol dire che il cliente finale è tenuto solo a rimborsare esclusivamente la somma di denaro preso in prestito, ma che qualcun altro pagherà per noi il TAEG. Nella fattispecie sarà colui che ci ha venduto il bene o il servizio che si accollerà gli interessi dovuti all'ente creditizio rinunciando magari ad una parte del suo guadagno.

Prestiti a tasso zero: esempi pratici

Facciamo adesso alcuni esempi di finanziamento a tasso zero, messi a disposizione dei clienti da Euronics, Hyundai e Ikea, che differiscono leggermente fra di loro, in modo da chiarire ulteriormente l’argomento dei prestiti a tasso zero.

Euronics: esempio operazione 00Tasso - (reale)

esempio euronix prestito tasso zero tan tasso zero taeg

Per garantire il tasso zero reale, il piano di ammortamento di Euronics deve rispettare dei parametri ben precisi. Infatti, indipendentemente dal bene che si andrà ad acquistare, il finanziamento durerà sempre 20 mesi e partirà dai 99€. Conseguentemente non si potrà scegliere l’importo delle rate, che varierà unicamente rispetto al costo del bene acquistato. Inoltre, offerte come “operazione 00Tasso” hanno una durata limitata nel tempo. Prendendo ad esempio l’acquisto di un televisore del costo di 1.980€, vedremo che:

  • L’importo della rata mensile è 99€.
  • La durata del prestito è di 20 mesi.
  • I tassi TAN e TAEG sono entrambi dello 0%.
  • Il totale da rimborsare sarà 1.980€ che corrisponde perfettamente al valore del televisore.
  • Questo vuol dire che l’operazione per il cliente è a tasso zero reale e che sarà Euronics ad accollarsi il TAEG.

Hyundai Tucson: esempio tasso zero (solo per quanto riguarda il TAN)

Oltre al limite di tempo, si può usufruire dell'offerta solamente in caso di permuta o rottamazione. Il valore della macchina Hyundai Tucson è di 18.500€, con anticipo previsto di 8.100€. In questo caso il piano di ammortamento sarà gestito in questo modo:

  • L’importo della rata mensile è di 0€ e una rata finale di 11.000€.
  • La durata del prestito è di 24 mesi.
  • I tassi di TAN e TAEG sono rispettivamente 0% e 0.17%.
  • Il totale da rimborsare sarà 11.036,50€.

Nello 0.17% di TAEG sono compresi le spese dell’incasso della maxi rata finale, la produzione e l’invio della lettera di conferma contratto, le comunicazioni periodiche annuali e l’imposta sostitutiva. Alla somma rimborsata andremo ad aggiungere anche la somma di denaro scaturita della permuta o della rottamazione, che però non incide direttamente sulle tasche del cliente. Come è semplice vedere in questo caso siamo difronte ad un finanziamento a tasso zero.

IKEA: finanziamento a tasso zero (reale)

prestito tasso zero ikea

In quest’ultimo esempio vedremo un terzo caso che differisce leggermente dai precedenti. Il finanziamento parte da una base minima di 99€ fino ad arrivare ad un massimo di 10.000€. Il numero delle rate deve essere definito dal cliente. Ipotizzando un finanziamento di 1.400€ diviso in 20 rate possiamo vedere che:

  • L’importo della rata mensile è di 70€ rate.
  • La durata del prestito è di 20 mesi.
  • I tassi TAN e TAEG sono rispettivamente dello 0%.
  • Il totale da rimborsare sarà esattamente di 1.400€.

In questo caso però IKEA invita all’attenzione, poiché avendo dato una maggiore flessibilità al finanziamento, rispetto anche ad Euronics, il gruppo sottolinea che a seconda delle rate prescelte la percentuale del TAEG potrebbe aumentare e in quel caso la differenza graverebbe sul cliente. Quindi il finanziamento a tasso zero di IKEA potrebbe essere sia a tasso zero, nel caso in cui il TAEG corrisponda a più dello 0% che a tasso zero reale in cui sarà pari allo 0%.