Prestiti a soggetti protestati e possibilità di senza cessione del quinto

I prestiti a protestati senza cessione del quinto sono possibili: anche chi in passato si è dimostrato un cattivo pagatore ha la possibilità di richiedere e ottenere un finanziamento senza essere costretto ad affidarsi alla cessione del quinto della pensione e dello stipendio. Le alternative non mancano, insomma: ecco perché è bene conoscerle.

Le alternative

Se è vero che ottenere dei prestiti protestati senza cessione del quinto è complicato, è altrettanto vero che non è impossibile: basta sapere a quali alternative fare riferimento. In linea di massima, sono due le soluzioni che possono essere sperimentate:

  1. i prestiti cambializzati;
  2. i prestiti tra privati.

Potrebbe interessarti anche: Prestiti per protestati - requisiti e formule di finanziamento

I prestiti cambializzati

Tra i prestiti protestati senza cessione del quinto, i prestiti cambializzati sono i più diffusi: si presentano come forme di finanziamento con la rata fissa e il tasso di interessi fisso. Le rate vengono rimborsate attraverso il pagamento delle cambiali, che può essere effettuato in qualunque sportello bancario.

In genere i cattivi pagatori e i protestati possono ottenere prestiti da rimborsare entro sei anni e non di più. Nel momento in cui si firma il contratto per l'inoltro della pratica, è opportuno prestare la massima attenzione, oltre che all'importo complessivo relativo al prestito, al numero delle rate, alle modalità di finanziamento, alla scadenza delle rate, al tasso di interesse che viene applicato, al valore del Taeg, al valore del Tan, agli interessi di mora che potrebbero essere applicati in caso di insolvenza e a tutti i costi aggiuntivi.

I documenti richiesti includono la copia della carta di identità, una utenza intestata, il codice fiscale e, nel caso in cui si dia come garanzia un immobile di proprietà, l'atto di provenienza dell'immobile stesso e, se presente, l'atto di mutuo, insieme con le ultime tre rate che sono state pagate. Non può mancare, ovviamente, la documentazione relativa al reddito, che si tratti del modello unico - per i lavoratori autonomi, della busta paga - per i lavoratori dipendenti - o del cedolino della pensione.

Articolo di approfondimento: Prestiti cambializzati - come funzionano, chi li eroga?

I prestiti tra privati

I prestiti tra privati, che possono essere richiesti e ottenuti direttamente con procedure online e quindi in tempi rapidi, sono consigliati a chi è protestato e, quindi, ha difficoltà a ottenere la fiducia degli istituti di credito. Possono essere richiesti anche per somme relativamente piccole (per esempio, mille euro) e si basano sul denaro di investitori che hanno scelto di concedere una parte dei propri soldi in prestito per ottenere un guadagno futuro. Il vantaggio più evidente che deriva da questa proposta è rappresentato dalla velocità delle tempistiche: non essendoci bisogno di andare nell'ufficio di una finanziaria o di una banca, nel giro di pochi minuti si può già sapere se il finanziamento richiesto è stato accettato oppure no, così come in brevissimo tempo si possono conoscere le condizioni previste per il prestito.

I prestiti tra privati sono resi possibili da specifiche piattaforme web (vedesi Smartika.it / Prestiamoci.it), che mettono a disposizione un modulo da compilare per l'invio della richiesta: nel modulo bisogna specificare lo scopo per il quale si richiede il prestito indicando le proprie informazioni personali e relative al reddito.

Una volta ottenuto l'ok, non c'è altro da fare che inviare i documenti che attestino quanto dichiarato (per esempio, una copia del cedolino della pensione o della busta paga per dimostrare di avere un reddito sufficiente per il rimborso della somma); quindi, si riceve il prestito non appena i controlli danno esito positivo e sul conto corrente giunge il denaro desiderato. La rata mensile viene restituita, poi, attraverso un addebito automatico sul conto corrente.

Da dove arriva il denaro ricevuto? Non da una banca ma, come detto, da un gruppo di prestatori iscritti alla piattaforma web, ognuno dei quali poi ha diritto alla propria quota di capitale con gli interessi. Per altro, un ulteriore aspetto positivo che contraddistingue il prestito tra privati - noto anche come social lending - è che può essere estinto in anticipo senza che ci sia bisogno di pagare penali di alcun genere.

Articolo di approfondimento: Prestiti tra privati - come funzionano?

Conclusioni

Le soluzioni per i prestiti protestati senza cessione del quinto, quindi, possono essere individuate nei prestiti cambializzati o nei prestiti tra privati: certo, si tratta di formule che presentano qualche svantaggio, ma comunque vale la pena di prenderle in considerazione se si ha la necessità di un finanziamento più o meno consistente.