Postepay e Postepay Evolution

Il prestito Postepay e piccolo mini prestito, è un finanziamento di modesta entità che può essere ottenuto direttamente con una carta Postepay Evolution: in sostanza, i soldi richiesti non sono erogati su un conto corrente ma sulla carta prepagata, in virtù di procedure tanto semplici quanto rapide.

Piccolo prestito postepay: caratteristiche

Il prestito Postepay, cioè il Mini Prestito Banco Posta, ha caratteristiche che ricordano Special Cash, vale a dire l'altro finanziamento offerto da Poste Italiane, ma si distingue per la diversità degli importi e per la durata - anzi, sarebbe meglio dire per le durate.

Il prestito in questione, non è altro che un finanziamento rapido, vale a dire una forma di credito agile e semplice che garantisce tempi di erogazione molto più bassi rispetto a quelli richiesti dai prestiti personali comuni.

Il Mini Prestito Banco Posta è più vantaggioso dal punto di vista economico rispetto a Special Cash e si basa sul possesso di una carta ricaricabile, la Postepay Evolution, che presuppone il pagamento di un canone pari a 10 euro all'anno. Gli elementi che contraddistinguono il prestito Postepay sono, in pratica, una durata sola per tre tagli.

  1. il taglio da 1000 euro presuppone una rata fissa mensile da 50 euro;
  2. il taglio da 2000 euro presuppone una rata fissa mensile da 100 euro;
  3. il taglio da 3000 euro presuppone una rata fissa mensile da 150 euro.

La restituzione deve avvenire - in tutti e tre i casi - in 22 mesi. Il Taeg di questo finanziamento è pari al 10.14%: un valore che fa sì che il Mini Prestito Banco Posta sia paragonabile alla media del mercato attuale. Come si può notare, quindi, il rimborso è leggero e per nulla impegnativo, con una somma di 50, 100 o 150 euro decisamente facile da sostenere.

Ecco, quindi, che si può decidere di ricorrere a questo finanziamento per i motivi più diversi: per una spesa imprevista, per l'acquisto di un pacchetto vacanze, per un'emergenza, per una rata del mutuo e così via. L'importo viene accreditato sulla carta prepagata, mentre le rate vengono scalate ogni mese, di volta in volta.

Come richiedere il piccolo prestito postepay,

Per richiedere il prestito non bisogna fare altro che rivolgersi a un ufficio postale qualsiasi: l'importo, come detto, viene erogato tramite accredito su Postepay Evolution, mentre il rimborso avviene con addebito o sul conto corrente o sulla stessa Postepay Evolution.

Il costo effettivo del Mini Prestito Banco Posta è di 100 euro nel caso di un finanziamento da 1000 euro, di 200 euro nel caso di un finanziamento da 2000 euro e di 300 euro nel caso di un finanziamento da 3000 euro. Nel primo caso, infatti, la somma delle rate è di 1100 euro; nel secondo caso è di 2200 euro; nel terzo caso è di 3300 euro.

I vantaggi dei piccoli prestiti

Sono tanti i vantaggi che derivano dal ricorso al prestito Postepay, un finanziamento che è:

  • semplice
  • rapido
  • immediato

L'importo richiesto viene erogato in una soluzione unica e accreditato direttamente sulla carta. Una volta trascorso il periodo di recesso e quindi passati quattordici giorni dalla data in cui il prestito è stato erogato, il finanziamento può essere estinto in anticipo in qualunque momento: per farlo è sufficiente recarsi in un ufficio postale abilitato al servizio e richiedere l'estinzione.

Il periodo di recesso, come detto, è di quattordici giorni: in sostanza il cliente può esercitare il diritto di ripensamento nelle due settimane successive alla data di erogazione del finanziamento.

Tra gli altri punti di forza del prestito Postepay merita di essere menzionato il fatto che può essere richiesto anche da chi non possiede un conto corrente o un Conto BancoPosta: quello che conta, infatti, è possedere la carta Postepay Evolution, al di là del conto.

Come aderire all'offerta

Per aderire all'offerta è necessario possedere la carta Postepay Evolution e avere un'età compresa tra i 18 e i 70 anni. Volendo, è possibile procedere a un'estinzione anticipata e rimborsare il prestito prima della scadenza dei 22 mesi prevista: in questo caso, non sono previsti oneri di alcun genere, il che vuol dire che non ci sono spese o penali da pagare.

Ovviamente, chi non dispone della carta può richiederne una al momento della richiesta del prestito.

I requisiti per ottenere il mini prestito

Per ottenere il mini prestito è necessario recarsi in un ufficio postale e compilare il modulo allo sportello. Il modulo va consegnato insieme con un documento di identità, un documento che certifichi il proprio reddito e la tessera sanitaria.

In alcuni casi, ad ogni modo, potrebbero essere richiesti dei documenti in più, nel caso in cui chi richiede il prestito Postepay abbia caratteristiche tali da suggerire questa precauzione. Per esempio, un'anzianità lavorativa molto recente potrebbe rappresentare un ostacolo, o comunque comportare la necessità di qualche attenzione in più.

Anche chi non ha una busta paga e un reddito fisso potrebbe incontrare qualche difficoltà: vale la pena, in ogni caso, di chiedere informazioni allo sportello di un ufficio postale per averne la conferma o per trovare, nel caso, delle soluzioni alternative.

Anche i cittadini stranieri hanno la possibilità di ottenere il finanziamento: ai documenti già menzionati, però, essi devono aggiungere anche il permesso di soggiorno, il passaporto, un documento che dimostri che si risiede in Italia da almeno tre anni - se si è lavoratori autonomi - e da almeno un anno - se si è lavoratori dipendenti - e un documento che certifichi che si sta lavorando presso lo stesso datore di lavoro da almeno dodici mesi di seguito.

Come avviene il rimborso

Il rimborso avviene attraverso il pagamento di rate mensili fisse, che scadono a seconda dei casi il 15 o il 30 del mese. Come detto, l'addebito può avvenire sul conto corrente BancoPosta, se se ne possiede uno, o direttamente sulla carta Postepay Evolution.

La carta Postepay Evolution

Per il prestito Postepay, dunque, è indispensabile una carta Postepay Evolution: si tratta di una carta prepagata ricaricabile associata a un Iban che mette a disposizione tutte le caratteristiche e tutte le funzionalità tipiche di una Postepay, ma che in più consente di ricevere e di inviare bonifici.

Con la carta Evolution, si possono pagare bollettini, ricariche telefoniche, F24 e altri servizi abilitati in ogni ufficio postale, oltre che su Internet, sul sito Poste.it e sul sito Postepay.i; inoltre, dà l'opportunità di disporre bonifici, anche in questo caso dal sito Postepay.it o da un ufficio postale, ma anche attraverso un'app dedicata.

La carta viene emessa gratuitamente fino al 31 dicembre del 2016 - in seguito, a partire dal 1° gennaio del prossimo anno, avrà un costo di 5 euro - e presuppone il pagamento di un canone annuo di 10 euro.

Con la carta pagare e inviare bonifici non costa niente, così come gratuiti sono gli accrediti dello stipendio e i prelievi da ATM Postamat. Dotata di tecnologia contactless, questa carta permette di eseguire i pagamenti usufruendo della modalità Contactless in tutti gli esercizi in cui i terminali siano predisposti ad hoc e abilitati. Non c'è bisogno di firmare alcuna ricevuta né di digitare il Pin, inoltre, per gli importi che non superano i 25 euro.

A cosa serve Postepay Evolution

In sostanza la carta Postepay Evolution è uno strumento di moneta elettronica ricaricabile e prepagato, oltre che nominativo, grazie al quale il cliente ha la possibilità di eseguire operazioni di pagamento e di prelievo, ma anche di pagare pedaggi autostradali presso i caselli abilitati.

In più, può essere abbinata al Servizio Postepay 2 Postepay (sistema P2P) che è a disposizione attraverso l'app Postepay, in virtù del quale gli utenti possono inviare dei soldi ad altri utenti, poiché a loro volta siano in possesso di una Postepay e utilizzino l'app in questione.

Il rapporto che riguarda il possesso della carta è a tempo indeterminato, anche perché al momento della scadenza la Postepay viene sostituita con una Postepay nuova direttamente da Poste Italiane.

Conclusioni

Il prestito Postepay, in conclusione, è uno dei piccoli prestiti più interessanti a disposizione sul mercato: la semplicità delle procedure e il fatto che non ci sia bisogno di essere titolari di un conto corrente per richiederlo e ottenerlo sono due fattori senza dubbio positivi, che hanno il pregio di ampliare notevolmente l'utenza e la clientela.

Fonte: Postepay - miniprestito