Parete di cartongesso

Le pareti in cartongesso sono l'alternativa migliore alle tradizionali pareti divisorie. Velocità di realizzazione, economicità e funzionalità lo rendono il materiale da costruzione più utilizzato per creare pareti e, controsoffitti.

Caratteristiche del cartongesso

  • LEGGEREZZA: vengono infatti definite “pareti leggere“ in quanto il peso specifico di un tramezzo “a secco“ (in cartongesso) è 4-6 volte inferiore a quello di un tramezzo in muratura.
  • FONOASSORBENZA: inserendo nell'intercapedine appositi materiali, le pareti in cartongesso garantiscono un ottimo isolamento acustico.
  • IGNIFUGO: esistono pannelli fatti con gesso enidrato che lo rendono molto resistente alle fiamme ed al calore intenso.
  • IDROREPELLENTE: sono commercializzati pannelli rivestiti di materiale atto ad impermealizzare le pareti.
  • PRATICITÀ: la costruzione non causa macerie, polveri, etc. è possibile utilizzare la pareti in cartongesso come normali pareti quindi applicare mensole, scaffali, sostegni, quadri, etc. creare ripiani, con appositi tasselli studiati per tali scopi.
  • FACILITÀ PER L’IMPIANTISTICA: è estremamente pratico inserire i cavi dell’impiantistica all’interno, prese, creare punti luce, applicare i faretti, etc.
  • ESTETICA: Il cartongesso consente la creazione di ambienti con notevoli vantaggi all’interno di negozi, uffici e naturalmente nelle abitazioni consente di creare con facilità spazi originali, funzionali e con vaste possibilità espressive per decorare con una vasta gamma di soluzioni creative.
  • RISPARMIO: utilizzando il cartongesso come materiale si arriva a risparmiare dal 20 al 30 % rispetto alle pareti in muratura.

Come costruire una parete in cartongesso

Materiali necessari

  • Pannelli in cartongesso, per sapere quanto ve ne occorre basta dividere la superficie della parete per la superficie del singolo pannello e moltiplicarlo per 2 (i due lati della struttura portante) e aumentarli del 10% circa per l’inevitabile sfrido.
  • Profili metallici che serviranno per creare la struttura portante, si tratta di due binari ad "u" da fissare a soffitto, al pavimento e sulle pareti.
  • Livella e del filo a piombo e filo gessato per tracciare le linee che seguiremo per fissare la struttura portante.
  • Viti autofilettanti per fissare la lastra in cartongesso al profilo metallico.
  • Avvitatore a batteria.
  • Materiale isolante (qualora si desideri aumentare l'isolamento acustico), lana di vetro, lana di legno e/o vari pannelli appositamente studiati per assolvere allo scopo.
  • Cutter per incidere il pannello in cartongesso che spezzeremo facendo leva sul lato opposto all'incisione fatta,
  • Sega per metalli per tagliare i profili metallici.
  • Nastro a rete adesivo per unire i pannelli che successivamente stuccheremo per ottenere la superficie della parete uniforme e priva di imperfezioni.
  • Stucco in pasta o in polvere (il secondo è molto più economico e adatto per professionisti).
  • Una Spatola per applicare lo stucco
  • Secchio da muratore ma nel caso non lo avete potete utilizzare un recipiente che poi laverete e riutilizzerete senza alcun problema in quanto vi servirà solo per impastare lo stucco in polvere.
  • Carta vetrata per levigare le stuccature effettuate a copertura delle viti e del nastro a rete adesivo.
  • Pennello, fissativo e pittura per rifinire la parete.

Leggi anche... Cartongesso prezzi

Posa in opera della parete in cartongesso

1. Con il filo gessato tracciare a terra l'ubicazione della parete e successivamente riportare questo tracciato sulle pareti e sul soffitto con l'aiuto del righello e del filo a piombo.

Utilizzo_filo_piombo

Filo a piombo (img. 1)

La struttura portante

2. Una volta tracciate le linee è il momento di Tagliare il profilo metallico avendo premura di prevedere il vano porta e nello stesso effettuare una risalita di 15 - 20 cm (vedi immagine n.2).

Fissate i profili con dei tasselli e delle viti autofilettanti ogni 60 cm circa. Perpendicolarmente al profilo basso, posizionate il profilo sul soffitto e avvitatelo.

Profilo_metallico_cartongesso_porta

(img. 2)

Preparazione profilo metallico della porta

3. Posizionate il primo profilo verticale (di lunghezza pari all'altezza pavimento soffitto meno 1 cm), avvitatelo ad una delle 2 traverse verticali e sul profilo del soffitto. Posizionate la porta incassando il telaio in questo profilo. Assicuratevi della verticalità e avvitate il telaio su questo profilo con delle viti autofilettanti.

Vano_porta

(Vano porta img. 3)

4. Posizionate sulla traversa alta della porta un profilo all'orizzontale con 2 traverse verticali di 15 o 20 cm. Avvitatelo sul primo profilo verticale sul telaio. (img. 3)

5. Posizionate il secondo profilo verticale lungo il telaio della porta e nei profili alti e bassi. Avvitatelo. (img. 3)

6. Tra la traversa alta della porta e il profilo del soffitto, raddoppiate i profili verticali per una miglior rigidità . (img. 3)

7. Inserite poi tra i profili alti e bassi, i montanti verticali ogni 40 o 60 cm. Verificate la loro perpendicolarità prima di avvitarli.

Fissaggio e stuccatura

8. Terminata la preparazione dello scheletro è il momento di montare i pannelli in cartongesso preferibilmente in orizzontale, in quanto vi sono meno sprechi.

Posa_parete

(img. 4)

9. Dopo aver completato il lavoro di montaggio (per la porta vedere le relative istruzioni dei produttori) e fissaggio del cartongesso, occorrerà procedere alla preparazione della parete per renderla adatta ad essere pitturata. Sono necessari quindi alcuni importanti lavori come la posa del nastro adesivo a rete sui giunti, andando successivamente a stuccare il tutto insieme agliavvallamenti lasciati dalle viti autofilettanti.

Leggi anche... Come colorare le pareti di casa

Posa_rete_adesivaStuccatura_rete_cartongesso

10. Passato lo stucco e lasciatolo asciugare, possiamo passare la cartavetro in modo da pareggiare i punti dove abbiamo posato lo stucco.

Come si imbianca una parete in cartongesso

11. Dopo aver carteggiato bene tutto, possiamo iniziare a pitturare la nostra parete. Per prima cosa passeremo una mano di fissativo (fondo), in modo da rendere la superficie adatta alla successiva pitturazione che andremo a dare dopo che la parete sarà perfettamente asciutta. La pittura va data in due mani, ma per ottenere un risultato ancora migliore possiamo decidere di passare tre mani ottenendo così una copertura perfetta!