Ossiuri

Gli ossiuri non sono altro che parassiti intestinali che possono colpire non solo i bambini, ma anche gli adulti, pur essendo più frequenti nei primi. Conoscere i rimedi naturali che devono essere messi in pratica per curare l'ossiuriasi permette di dire addio a questo problema in tempi brevi e senza troppa fatica.

Sintomi della presenza di ossiuri

Quando si parla di ossiuriasi si fa riferimento a una infestazione dell'intestino che è provocata dall'Enterobius vermicularis. In generale, il sintomo più evidente e più comune è un fastidioso prurito che interessa la zona perianale.

Il problema coinvolge in modo particolare la zona anale e l'intestino crasso: gli ossiuri sono parassiti di piccole dimensioni e di colore bianco il cui aspetto ricorda quello di un verme.

Sono soprattutto i bambini in età prescolare e in età scolare a essere colpiti dalle infezioni da ossiuri. La sintomatologia del disturbo, che è nota anche con il nome di enterobiasi, è alquanto peculiare, e in alcuni casi ha a che fare anche con problemi nervosi.

Gli ossiuri si annidano nelle pliche cutanee perianali, ed è qui che vanno a depositare le uova, le quali poi si schiudono in corrispondenza del duodeno e dell'ileo. Ecco, quindi, che il verme può crescere, diventare adulto e transitare dalla zona perianale al tratto del ceco.

Dal momento in cui l'infezione ha inizio, passano tra i venti e i quaranta giorni prima che le uova compaiano nell'ano. Ne derivano sintomi di vario genere, che a partire dall'irritazione della zona perianale portano al grattamento e, quindi, alle lesioni che ne derivano: lesioni che, evidentemente, rischiano di infettarsi.

Altri sintomi - frequenti in modo particolare nei bambini - sono le convulsioni, l'irritabilità e l'insonnia; tra le donne, invece, non sono rari i casi di infezioni che riguardano la zona uterina e la zona vaginale, con pruriti e perfino perdite vaginali.

Infografica sintomatologia ossiuri

Sintomi ossiuri

I rimedi naturali contro i parassiti ossiuri

Nel momento in cui si ha la certezza di avere a che fare con gli ossiuri, non è necessario ricorrere ai medicinali, visto che è possibile mettere in pratica anche dei rimedi naturali molto efficaci. Il primo aspetto a cui occorre prestare attenzione, tuttavia, è quello relativo all'alimentazione: è fondamentale, insomma, curare quel che si porta in tavola.

Premesso che è sempre consigliabile fare riferimento al proprio medico per individuare il trattamento più adeguato per le proprie caratteristiche, è bene sapere che la proliferazione dei vermi all'interno dell'intestino può essere limitata da alcuni alimenti. La cipolla e l'aglio, per esempio, vanno annoverati tra i cibi che consentono di combattere la presenza degli ossiuri: sono molto potenti da questo punto di vista, il che vuol dire che ne sono sufficienti piccole quantità per raggiungere gli obiettivi desiderati. Tra l'altro, l'aglio e la cipolla possono essere applicati direttamente sulle parti del corpo in cui si manifesta il prurito, poiché garantiscono un sollievo pressoché immediato, oltre che sorprendente: non bisogna avere paura di frullarli e di mescolarli alla crema per uso topico che si mette a livello vaginale o a livello anale.

Un altro rimedio naturale contro gli ossiuri, prevede di mettere una cipolla a fette in acqua e di lasciarla in infusione per una notte intera: il mattino dopo si beve il liquido, così da dire addio a tutti i parassiti. Vi sono, d'altro canto, degli alimenti che rendono il transito intestinale più agevole, e che quindi fanno sì che le tossine - inclusi gli ossiuri - possano essere eliminati più facilmente. Si tratta, per esempio:

  • delle banane;
  • dei fichi d'India;
  • dei cachi;
  • dei fichi.

Non solo: hanno effetti benefici in presenza degli ossiuri anche l'uva, il melone, le albicocche e le prugne, siano esse secche o fresche. Nel caso in cui si desideri dare vita a un ambiente poco ospitale per gli ossiuri, un suggerimento sempre valido è quello di bere un bicchiere di acqua mescolato con un cucchiaio di aceto di mele non meno di un paio di volte al giorno. Sempre tenendo conto degli alimenti utili in questo senso, è bene consumare grandi quantità di carote, sia cotte che crude, anche in più occasioni nel corso della stessa giornata.

Conclusioni

Gli ossiuri, quindi, sono parassiti molto fastidiosi in grado di dare origine a irritazioni ben poco piacevoli: poiché possono colpire sia i bambini che gli adulti, è bene stare all'erta e ricordare i rimedi naturali che è possibile applicare per sconfiggerli.