Origano

Nel linguaggio dei fiori l'Origano prende il significato di sollievo e conforto. In passato, questa pianta aveva anche un'altra interpretazione, infatti veniva coltivata dalle donne dopo una delusione d'amore, per riuscire ad alleviare il loro dolore grazie all'aroma che sprigionava.

L'Origanum Vulgare o comune appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Questa specie è originaria delle zone mediterranee e predilige climi caldi e temperati.

Caratteristiche dell'Origano

Caratteristiche dell'Origano

L'origano è una pianta erbacea perenne che si presenta ricca di rami, dotata di rizomi e caule legnose. Le foglie sono arrotondate e opposte mentre i fiori sono riuniti in spighe e di colore bianco o rossastro. Il fusto è ascendente e ramoso di colore tendente al verde scuro opaco, può raggiungere sino agli 80 cm di altezza.

Coltivazione cura e riproduzione

Coltivazione cura e riproduzione dell'origano

La pianta dell'Origano comune è molto semplice da coltivare, specialmente nell'Italia meridionale dove trova l'habitat ideale per crescere anche spontaneamente in natura. Questa infatti, si sviluppa molto bene in climi siccitosi e soleggiati. La sua resistenza e rusticità permette comunque la coltivazione su tutto il suolo italiano, da nord a sud.

Terreno
L'origano non richiede terreni ricchi di sostanze nutritive, anzi cresce bene in quelli poveri di sostanze organiche e con un PH che va dal neutro all'alcalino.

Semina
La semina deve avvenire a fine febbraio in vaso. I semi devono essere posti un centimetro sotto la terra e poi ricoperti e innaffiati leggermente. Una volta germogliata la pianta, è possibile toglierla dal vaso e porla nell'orto, per favorire una crescita più copiosa.

Fabbisogno di acqua e innaffiatura
La pianta teme gli eccessi idrici, per questo motivo si consiglia di innaffiarla raramente, solo quando non piove per molti mesi, o nel caso il terreno si riveli eccessivamente asciutto.

Concimazione
L'origano prediligendo i terreni poveri di sostanze organiche non ha bisogno di essere concimato.

Propagazione

Propagazione dell'origano

La moltiplicazione può avvenire mediante talea semilegnosa. Quindi per ottenere una nuova piantina bisogna prelevare un ramo di circa 20 centimetri e porlo in un bicchiere d'acqua per la radicazione e infine nel terreno o in un vaso per favorire la crescita della nuova pianta. La propagazione avviene anche attraverso la divisione dei cespi, in questo caso bisogna togliere la pianta madre dal vaso o dal terreno e si deve tagliare il cespo vicino alle radici. Questi poi vanno posti nel terreno per favorire la nascita di una nuova piantina.

Raccolta

Raccolta dell'Origano

Si possono raccogliere le sommità fiorite e le foglioline intorno ad esse durante la stagione vegetativa.

Uso e proprietà benefiche

La maggior parte delle proprietà benefiche dell'origano risiede nei suoi fiori e principalmente nelle sostanze aromatiche, contenute in esse, tra le quali troviamo: il timolo, il carvacolo e il terpinene. Grazie a queste, i fiori dell'origano vengono usati in erboristeria per la creazione di oli e tisane dagli effetti benefici.

Le proprietà dei prodotti a base di fiori d'origano permettono di:

  • migliorare i processi di digestione
  • alleviare i dolori causati dalla gastrite
  • alleviare i problemi di meteorismo
  • coadiuvare lo stress, grazie alle sue proprietà toniche sul sistema nervoso
  • liberare le vie respiratorie in caso di tosse, influenza e raffreddore
  • azione disinfettante sulla pelle irritata

Oltre agli usi erboristici, la pianta viene impiegata anche in campo cosmetico per la preparazione di creme che ridonano luminosità ed elasticità alla pelle del viso. Il suo olio viene utilizzato anche per idratare la pelle e per agire positivamente sulla cellulite.

Dato il suo aroma inconfondibile, l'Origano ha un posto di rilievo in cucina, dove viene utilizzato per la preparazione di innumerevoli piatti della tradizione mediterranea. Sono edibili anche le sue foglioline fresche, infatti vengono spesso aggiunte come condimento a carni e insalate.

Malattie

L'origano è una pianta rustica che non presenta particolari malattie. L'unica attenzione è durante l'inverno, anche se resiste alle basse temperature non ama le gelate. Quindi sarebbe meglio coprire la pianta nei periodi in cui potrebbero verificarsi queste condizioni atmosferiche.