Muco nelle urine

Le tracce di muco nelle urine non sono necessariamente sintomo di una condizione patologica. Questi filamenti vischiosi, infatti, visibili con un apposito microscopio ottico, possono essere del tutto normali. Qualora, tuttavia, il muco risulti presente in quantità elevate e qualora esso sia distinguibile anche a occhio nudo, può essere sintomo di diverse affezioni. Scopriamo insieme quali.

Muco nelle urine: principali cause

Muco nelle urine - In via preliminare è bene precisare che il muco è una sostanza vischiosa, giallastra e ricca di anticorpi, la quale viene prodotta dalle ghiandole mucipare e ha lo scopo di tutelare le mucose dai microrganismi patogeni.

1) Infezioni del tratto urinario

La presenza di muco nelle urine segnala, in primo luogo, una possibile infezione di tipo batterico a carico dell’apparato urinario, ovvero l’insieme degli organi deputati all’escrezione dell’urina (reni, vescica, uretra e ureteri). A tal proposito ricordiamo che una eventuale contaminazione di microrganismi patogeni (si pensi ad esempio, all’escherichia coli, agli stafilococchi, agli enterococchi e agli streptococchi) interesserà prima l’uretra e la vescica e, successivamente, si diffonderà agli altri organi del sistema urinario. Ulteriori sintomi tipici delle infezioni batteriche, insieme alla comparsa del muco, sono i seguenti:

  • stimolo frequente ad urinare;
  • sensazione di bruciore durante la minzione;
  • eventuale presenza di emazie (tracce di sangue nell’urina).

La presenza di muco nelle urine conseguentemente ad una infezione, si riscontra frequentemente anche nelle donne incinte e nei bambini.

2) Malattie che si trasmettono attraverso i rapporti sessuali

Qualora il soggetto sia affetto da patologie veneree come la gonorrea, la tricomoniasi o la clamidia, risulta piuttosto frequente la presenza di muco nelle urine (spesso maleodorante). Queste ultime, pertanto, appaiono piuttosto torbide e filamentose. Le malattie di natura sessuale, inoltre, provocano fastidiosi bruciori e pruriti, sia durante la minzione che quando si hanno rapporti.

3) Durante la gravidanza

La comparsa di muco nelle urine durante la gravidanza non è raro. Tale situazione si verifica generalmente in conseguenza al fatto che l'organismo espelle alcune sostanze,ma questo generalmente non rappresenta il sinto mo di una patologia. Un controllo sotto la supervisione del proprio medico toglierà ogni dubbio.

4) Sindrome dell’intestino irritabile

Il muco nelle urine può anche essere determinato dalla cosiddetta sindrome del colon irritabile, nota anche come colite; quest’ultima è caratterizzata da una generale alterazione del benessere intestinale, da dolore e gonfiore a livello addominale, da episodi di meteorismo e dalla presenza di muco nelle feci (mucorrea). Quest’ultimo, data la contiguità tra l’apparato intestinale e quello urinario, può facilmente infiltrarsi nell’uretra e, di conseguenza, può risultare visibile durante la minzione, dando l’impressione che esso si sia formato nelle urine.

5) Colite ulcerosa

Questa patologia infiammatoria cronica determina un danneggiamento alle mucose dell’intestino crasso, che appaiono arrossate, sanguinanti e costellate da ulcere. Essa può successivamente estendersi all’intero colon. I principali sintomi della colite ulcerosa sono i seguenti:

  • dolore addominale;
  • diarrea;
  • una produzione eccessiva di muco nell’intestino.

Anche in questo caso, come già precedentemente detto per la sindrome del colon irritabile, la sostanza filamentosa e densa presente nelle feci può penetrare nell’uretra e, di conseguenza, finire nell’urina.

6) Calcoli renali

I calcoli renali, definiti nel linguaggio medico “nefrolitiasi” o “litiasi renale”, consistono in aggregazioni di sali minerali all’interno dei reni. Essi causano la produzione di urina giallastra, torbida e maleodorante, dolori intensi a livello addominale, nausee e, non da ultimo, la presenza di emazie e di muco nelle urine. Tuttavia va detto che, talora, questa condizione patologia è assolutamente asintomatica.

7) Carcinoma della vescica

Anche se si tratta di una eventualità rara, il muco nelle urine può anche essere sintomo di un carcinoma vescicale. Le eventuali neoplasie presenti in questo organo, infatti, possono determinare una diuresi anormale.

Conclusioni

Alla luce di quanto detto è opportuno non prendere sotto gamba l’eventuale presenza di muco nelle urine e consultare immediatamente il proprio medico di fiducia o uno specialista in campo urologico. Un test regolare delle urine, d’altra parte, può essere considerato un ottimo strumento preventivo.