menta

La Mentha o Menta è una pianta appartenente alla famiglia delle Lamiaceae e presenta diverse varietà che crescono in tutto il mondo, principalmente in Asia, Africa ed Europa.

Nel linguaggio dei fiori la menta ha diversi significati positivi. Dato che è una pianta in grado di crescere anche nelle condizioni più avverse, questa è simbolo dell'amore che rimane saldo anche dinanzi alle difficoltà della vita. Il suo significato però va oltre a quello dedicato agli affetti, infatti rappresenta anche altre virtù quali: temperanza, saggezza e sobrietà.

Varietà della Menta

varietà della menta

La specie più conosciuta e utilizzata è la Mentha Piperita che però è un ibrido tra le varietà Spicata e Acquatica, quindi non cresce naturalmente, ma è necessario coltivarla mediante l'impiego di semi ibridi industriali, o per talea. In natura, possiamo rintracciare anche altre varietà, tra le principali ci sono:

  • Mentha aquatica
  • Mentha arvensis
  • Mentha longifolia
  • Mentha pulegium
  • Mentha spicata
  • Mentha suaveolens

Caratteristiche della Menta

Caratteristiche della menta

La Menta è una pianta erbacea perenne, che presenta un apparato radicale ben sviluppato e ricco di stoloni.

Il fusto è eretto e quadrangolare, il colore è verde e violaceo.

Le foglie sono opposte e picciolate, con un margine dentellato.

I fiori si presentano raggruppati sulla sommità della pianta e sono rossi o rosati e dall'odore gradevole.

La Menta a seconda della specie può raggiungere un'altezza che va dai 30 sino ai 120 centimetri.

Coltivazione cura e riproduzione della Menta

Coltivazione cura e riproduzione

La menta è una pianta molto semplice da coltivare, grazie alla sua resistenza a climi differenti, inoltre presenta una crescita molto intensa e rapida, tant'è che se piantata nel terreno con il tempo potrebbe rivelarsi invasiva e quindi necessitare di una potatura. In natura, questa si sviluppa molto bene in luoghi umidi e freschi.

Data la sua capacità di adattarsi a climi differenti, è possibile provvedere alla semina anche in luoghi miti, caldi e asciutti.

Terreno ideale della Menta

Uno dei fattori da prendere in considerazione prima di procedere alla coltivazione è la qualità del terreno. La pianta predilige i terreni umidi, ben drenati e ricchi di sostanze organiche. Mal sopporta invece quelli pesanti e argillosi che non consentono un drenaggio corretto.

Semina della Menta

La semina deve avvenire durante il periodo primaverile. Per ottenere dei buoni risultati sia in vaso sia in piena terra si consiglia di porre i semi a dimora e di coprirli con un sottile strato di terra. Infine, bisogna innaffiare leggermente il terreno per favorirne la germinazione.

Fabbisogno di acqua e innaffiatura della Menta

La menta necessita di innaffiature regolari, ma non abbondanti. L'acqua dev'essere data direttamente sul terreno sottostante la pianta, evitando di bagnare le foglie. Concimazione Prediligendo i terreni ricchi di sostanze organiche, per ottenere una crescita più rigogliosa è possibile scegliere di concimare la pianta una volta ogni due anni, scegliendo prodotti a base di minerali quali potassio, fosforo e azoto.

Propagazione della Menta

La menta si riproduce facilmente mediante talea. Per eseguire questa tecnica di moltiplicazione è necessario verso marzo o aprile tagliare un ramo della pianta, della lunghezza di circa 20 centimetri. Dopo aver eseguito il taglio con una forbice disinfettata e affilata, si deve riporre l'apice prelevato in un bicchiere d'acqua per favorire la radicazione. Una volta uscite le radici, si può procedere a porre la talea in vaso o in piena terra, si consiglia di coltivarla sempre in pieno sole per favorire la crescita della pianta.

Raccolta della Menta

Si consiglia di raccogliere le foglie durante la stagione estiva, e scegliere quelle poste sulla sommità vicino ai fiori.

Uso e proprietà benefiche della Menta

La menta è ricca di principi attivi, tra i principali troviamo la vitamica C, il limone, il mentolo e l'isovalerianato. Grazie a questi, la pianta ha proprietà digerenti, cicatrizzanti e disinfettanti. In Erboristeria dalle sue foglie e dai fiori vengono prodotti sia tisane sia oli essenziali.

La tisana viene utilizzata per coadiuvare i sintomi del raffreddore e della tosse, aiutare la fuoriuscita dei muchi e per aiutare ad alleviare i dolori come il mal di pancia e crampi allo stomaco.

L'olio essenziale, invece, si utilizza principalmente per fare i suffimigi e liberare le vie respiratorie in caso di raffreddore o sinusite.

La Menta trova largo uso in cucina e nel settore alimentare. Le sue foglie fresche o secche sono usate come condimento per verdure, legumi, cereali, insalate, primi e secondi piatti.

La menta viene utilizzata anche a livello industriale per la preparazione di caramelle, bevande e gelati.

Infine, il macerato di foglie di menta è usato nell'agricoltura biologica per allontanare da altre piante insetti e lumache.

Malattie della Menta

La Menta è una pianta molto resistente e l'unica malattia alla quale bisogna porre attenzione è l'attacco da parte dei funghi Puccinia Menthae. Questa infezione fungina si può rilevare dalla presenta di macchie nere sulle foglie.