Foglie di Melissa

La Melissa Officinalis è una pianta erbacea perenne che appartiene alla famiglia delle Labiateae. Questa è molto conosciuta per le sue proprietà benefiche, inoltre è spesso coltivata come pianta aromatica per il suo intenso odore di limone, che gli ha dato il nome anche di citronella o erba cedrina.

I Greci scelsero di chiamare questa pianta con il nome di Melissa "amica delle api", perché il profumo di limone sprigionato dalle sue foglie attirava gli sciami d'api. Per i Greci dunque questa era una pianta simbolicamente molto importante, in quanto questi insetti producevano il miele, considerato un bene degli dei. Per il linguaggio dei fiori, molto probabilmente proprio grazie all'origine del suo nome, la Melissa è simbolo di dolcezza e bontà.

Caratteristiche della Melissa Officinalis

Caratteristiche della Melissa Officinalis

La Melissa Officinalis è una pianta erbacea che cresce spontanea nell'Asia occidentale e nell'Europa meridionale. Nel sud Italia questa la si trova in natura, principalmente vicino alle siepi o alle zone ombrose, inoltre spesso viene coltivata in giardino insieme ad altri aromi.

Questa pianta è perenne e dal portamento cespuglioso, presenta un rizoma orizzontale e il fusto può raggiungere sino agli 80 centimetri. Il fusto è ramificato con base quadrangolare e con una folta peluria che lo ricopre interamente.

Le foglie della Melissa invece sono ovali e pelose, picciolate e con un margine dentellato e diverse venature sul corpo della foglia. I fiori quando nascono sono bianco-gialli, dopo di ché nel tempo assumono delle sfumature color rosa pallido e hanno una forma a campanula, mentre la corolla è tubolosa. I frutti o i semi invece sono acheni di colore grigio antracite.

Coltivazione cura e riproduzione

Coltivazione cura e riproduzione

La Melissa Officinalis è una pianta perenne e rustica, per questo motivo facile da coltivare e riprodurre. Questa cresce bene in luoghi semiombrosi e nei luoghi freschi, può essere posta in vaso o in piena terra e non necessità di molte cure, grazie alla sua resistenza sia alle temperature più calde sia al freddo.

Terreno. La Melissa soffre la siccità e aridità, per questo deve essere coltivata a mezzombra in un terreno fresco e ben drenato.

Semina. La semina della Melissa avviene a fine febbraio, i suoi semi devono essere posti nel semenzaio sino a quando non germogliano, successivamente possono essere piantati in vaso o nell'orto. Se si semina nel terreno si consiglia di porre le piantine a una distanza tra i venti e i trenta centimetri le une dalle altre.

Fabbisogno di acqua e innaffiatura. La Melissa durante la stagione estiva ha bisogno di regolari innaffiature e di acqua abbondante, per aiutare il terreno a rimanere fresco e ben idratato.

Concimazione. Anche se è una pianta rustica, per migliorarne la crescita e la fioritura è possibile scegliere di somministrare nel terreno in autunno o primavera del concime granulare specifico per piante verdi.

Propagazione. La pianta si propaga attraverso la talea apicale o mediante la divisione dei cespi. In quest'ultimo caso bisogna togliere i cespi dalle radici delle piantine dopo la fioritura. Una volta che sono stati tagliati, i cespi vanno posti al di sotto del terreno a una distanza tra loro dai venti ai trenta centimetri, per dargli il giusto spazio per crescere. In questo periodo, le piantine hanno bisogno di costanti annaffiature, quando queste inizieranno a germogliare allora è possibile ridurre l'acqua per non compromettere l'aroma delle piante.

Raccolta. Le foglie e le infiorescenze delle Melissa possono essere raccolte da luglio a ottobre. Le foglie si possono consumare sia fresche sia essiccate e possono essere poste anche nel congelatore. Le sommità fiorite invece, devono essere prelevate durante la stagione estiva, per conservarle si consiglia di legarle in mazzetti da chiudere in sacchetti di carta. Infine, si lasciano essiccare e poi si devono porre all'interno di barattoli con chiusura ermetica, da conservare in un luogo buio e asciutto.

Uso e proprietà benefiche della Melissa

Melissa uso e proprietà benefiche

Le foglie della Melissa hanno diverse proprietà benefiche, queste sono ricche di oli essenziali che le danno quel caratteristico sapore e aroma di limone.

Le foglie della melissa sono utilizzate per combattere l'ansia, e il suo effetto rilassante ne permette l'impiego per la realizzazione di sonniferi o di tisane rilassanti. Oltre a queste proprietà, grazie agli oli contenuti nelle foglie, la pianta è utilizzata in campo erboristico per la preparazione di miscele in grado di agire positivamente su: dolori mestruali, nevralgie, nausea, disturbi gastroenterici, crampi addominali e coliti.

La Melissa oltre ai suoi impieghi benefici, viene utilizzata anche in cucina come pianta aromatica, o per la preparazione di bevande in grado di combattere l'arsura. Infine, questa viene utilizzata anche per creare liquori e profumi.

Malattie

Melissa malattie

Tra le malattie più frequenti della Melissa troviamo il marciume radicale, che insorge nel momento in cui la si coltiva in terreni poco drenati o si esagera con le innaffiature. Solitamente la pianta è molto resistente agli insetti, ma alcuni afidi possono rovinare i germogli.

Melissa

Selezionati per te