Mastiff: origine, carattere, caratteristiche e prezzi dei cuccioli

Razza canina Mastiff
Razza canina Mastiff

Il termine “Mastiff” deriva dall’antica parola di origine sassone “masty”, che significa “potente”. Nessun aggettivo è più azzeccato di questo per indicare gli esemplari appartenenti a questa razza canina inglese. Si tratta di un cane non troppo comune, anzi abbastanza ricercato e dalle capacità indiscusse, noto anche come “mastino inglese”. Si ritiene che il Mastiff derivi da una razza canina che oggi non esiste più, il Mastino gigante tibetano.

Le origini del Mastiff

Bandiera Gran Bretagna

Nazionalità: Gran Bretagna

Classificazione F.C.I. (Federazione Cinofila Internazionale): n.264- Gruppo 2: Cani di tipo pinscher e schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri.

Originario delle isole della Britannia, il cane Mastiff fu utilizzato dal IV° secolo a.C. in poi come abile cacciatore di selvaggina e aiuto durante le battaglie combattute dai legionari (i Pugnaces Britanniae). Questo esemplare di cane è  poi arrivato a Roma, dove ha trovato impiego all’interno dei circhi, per combattere cani o altri animali. Proprio a causa della ferocia e dell’audacia i Romani gli hanno attributo l’appellativo di “cane leone”. Nel periodo medievale, a partire dal XVI° secolo, il Mastiff veniva per lo più messo a difesa dei castelli e dei possedimenti nobiliari o per cacciare le prede (in particolare il Madtiff si rivelava abile nell’afferrare cinghiali e orsi). Nel Novecento la razza canina del Mastiff in Inghilterra stava rischiando l’estinzione, a salvarla è intervenuto l’incrocio con il Bullmastiff, una razza assai simile sia fisicamente che nel carattere. Dopo la seconda guerra mondiale questi esemplari cominciarono ad essere allevati non solo nel paese d’origine, l’Inghilterra, ma anche negli Stati Uniti.

Carattere ed attitudini del Mastiff

Il Mastiff è un ottimo guardiano, ha un temperamento piuttosto calmo ma al tempo stesso coraggioso e fiero. Nonostante l’aspetto possente che potrebbe renderlo temibile, questo cane non è quasi mai aggressivo, anche se può risultare un po’ diffidente con chi non conosce (mentre invece è leale e devoto nei confronti del suo padrone). Il Mastiff non ama stare da solo, se costretto a lunghi periodi di solitudine potrebbe risentirne e diventare troppo schivo e diffidente. In genere riesce a stabilire buoni rapporti con tutti i membri della famiglia, e si rivela un ottimo compagno di giochi per i bambini. Anche nel fare la guardia (che è la sua attività preferita), il Mastiff è abbastanza equilibrato, in genere abbaia poco ma è pronto ad intervenire quando ce n’è bisogno.

Aspetto e caratteristiche del Mastiff

Nel suo insieme il Mastiff evoca un’idea di potenza e coraggio: nella categoria dei Molossi cui appartiene risulta essere il più grande in dimensioni e corporatura. Il fisico è massiccio, muscoloso ma armonioso. In genere questa razza presenta una mascella possente e assai sviluppata con una giogagia che tende a scendere sotto il collo a causa della pelle abbondante. Le orecchie si presentano piuttosto piccole e di forma triangolare, gli occhi sono piccoli, la coda è lunga.

Pelo, colore, taglia e peso

Pelo: pelo corto e folto.

Colore: questa razza può avere il pelo di diversi colori, grigio tigrato, albicocca e grigio scuro.

Taglia: non vi è una taglia standard, ma l’altezza minima di un esemplare maschio è di 77 cm (in genere questa tende a raggiungere anche gli 85 cm. al garrese). Le femmine hanno un’altezza di poco inferiore.

Peso: il maschio può arrivare a pesare dagli 80 ai 120 kg, di poco inferiore il peso della femmina.

Dove può vivere, longevità, salute, alimentazione

Dove vive meglio: il Mastiff può benissimo vivere in casa, ma ha bisogno di spazio sufficiente per muoversi e sgranchirsi durante la giornata. Un giardino o il terrazzo possono rappresentare valide alternative, purchè il cane non venga lasciato solo per troppe ore.

Longevità: la razza del Mastiff potrebbe vivere fino ad undici anni, se l’esemplare è sano e viene curato nel miglior modo possibile.

Salute: anche il Mastiff, come altri cani della stessa taglia, ha una salute abbastanza buona, tende infatti ad ammalarsi raramente. Le malattie che potrebbero colpirlo in quanto tipiche della razza sono la torsione gastrica e la displasia dell’anca. Per prevenire quest’ultima, in particolare, bisogna controllare fin da quando è cucciolo il corretto sviluppo delle articolazioni e delle ossa. Gli occhi sono delicati, attenzione ad eventuali arrossamenti ed irritazioni provocati ad esempio dal vento e dal freddo.

Consigli: l’educazione di una cane del genere è fondamentale, dato che un’assenza di regole potrebbe comportare l’ingestibilità dell’animale. Il Mastiff tende ad essere dominante, quindi è consigliabile intervenire ad educarlo quando è ancora piccolo, in modo che la sua fisicità possa essere in qualche modo “controllata”. Forse la cosa migliore da fare è frequentare una scuola di addestramento insieme al proprio cane, in modo da poter essere aiutati ad impartire correttamente gli ordini e a farsi seguire.

Alimentazione: nei primi mesi di vita l’alimentazione va controllata con attenzione. Il cane deve poter crescere con gradualità, senza accumulare peso eccessivo. Cercate di selezionare i mangimi meno grassi e ricchi dei nutrienti necessari per uno sviluppo corretto. Date le sue dimensioni, il Mastiff deve essere alimentato bene e nella quantità necessaria: l’ideale è di un chilo di cibo al giorno (suddiviso in due pasti giornalieri).

Mastiff prezzo

Il cane Mastiff inglese è abbastanza costoso: l’acquisto di un cucciolo comporta una spesa di circa 1500-2000 euro. Il pedigree e la genealogia del singolo esemplare fanno la differenza. I prezzi scendono di molto se si acquista un esemplare di un anno/due di età. Se volete acquistare un cane di questa razza dovete mettere in conto anche ciò che spenderete per alimentarlo, visto che abbisogna di un chilo di cibo al giorno.