Malva

La Malva Sylvestris è una pianta che appartiene alla famiglia delle Malvaceae. Questa ha origine nordafricana, principalmente nella mauritiana. La pianta si presenta anche in Sud europa e in tutte le zone temperate con una temperatura mite subtropicale. La pianta è stata coltivata e importata anche in Europa Orientale e nelle zone balcaniche. Infine, questa viene coltivata anche negli Stati Uniti e nonostante si sia diffusa nel territorio non è ancora naturalizzata.

La Malva è una pianta antichissima e utilizzata da secoli. Questa veniva già utilizzata nel 700 a.C dai Romani. I Romani la utilizzavano sia come rimedio naturale sia come alimento. Nell'ottocento la malva divenne simbolo di amore materno, mansuetudine e di sentimenti puri. Date le sue innumerevoli proprietà, il nome di questa pianta secondo molti deriva dall'antico mal va ossia il male se ne va.

Caratteristiche della Malva

v

Pianta Biennale o perenne, la Malva si presenta in cespuglio eretto o prostrato, il fusto alla base è legnoso, ramificato e villoso. Le foglie sono a cinque o a sette lobi, queste hanno un margine dentato e i lobi sono arrotondati e brevi e la superficie è coperta da una lieve peluria.

I fiori spuntano da aprile sino ad ottobre, questi sono di colore rosa, violaceo e presentano delle striature più scure. La pianta cresce in zone incolte, principalmente sui sentieri, vicino a detriti o ai ruderi. La sua rusticità la rende semplice da coltivare e una volta impiantata questa può raggiungere un'altezza tra i 60 e gli 80 centimetri.

Coltivazione e riproduzione

Coltivazione e riproduzione

La Malva si coltiva mediante semina. I suoi semi sono molto piccoli e possono essere acquistati dal fioraio o nei vivai. Per seminare la malva si può scegliere di farlo sia in vaso sia in pieno campo, la semina può essere eseguita ad Aprile o a Maggio, la fioritura invece avviene da giugno a settembre.

I semi di malva devono essere impianti in un terreno fresco e ricco di sostanze nutritive ed è meglio farla crescere in climi temperati. Dopo la semina è possibile irrigare il terreno e bisogna evitare dei getti di acqua troppo persistenti perché i semi possono spostarsi.

La Malva per crescere bene e fiorire dev'essere sottoposta a un ambiente soleggiato. Una volta cresciuta questa ha bisogno di innaffiature regolari specialmente durante il periodo estivo.

Propagazione

Propagazione Malva

La malva non si riproduce per talea ma attraverso propaggine. Per riuscire ad ottenere nuove piantine come quella madre, bisogna dunque prendere un ramo e porlo all'interno del terreno affianco o di un vaso.

Una volta che il ramo di Malva sarà impiantato nel terreno inizierà a ramificare. Infine, una volta che si sono create le radici sul ramo, bisogna tagliarlo dalla pianta madre e poi lasciare che la pianta cresca in vaso, o impiantarla in una zona diversa del terreno.

Uso e proprietà della malva

Uso della Malva

La Malva ha proprietà calmanti ed emollienti, questa viene impiegata a scopo benefico da secoli. Questa è una delle erbe più vendute in erboristeria proprio per i suoi innumerevoli effetti positivi sull'organismo.

La malva contiene ossalato di calcio, vitamine, glucosio, calcio, pectina e mucillagine. Tra i principali benefici di questa pianta ci sono quelli calmanti ed emollienti. Infatti, può essere utilizzata per contrastare infiammazioni e rossori sia sul corpo sia sugli occhi.

Molto conosciuta è anche la sua proprietà lassativa, in grado di aiutare chi soffre di eccessiva stitichezza. I fiori e le foglioline sono utilizzate anche per riuscire a stimolare l'espulsione e la rimozione delle tossine all'interno dell'organismo. La Malva ha proprietà emollienti e le sue foglie e fiori essiccati e macerati sono utilizzati per fare degli impacchi, da porre sulla pelle.

L'infuso di malva può essere utilizzato anche per migliorare le funzioni intestinali e limitare i fastidi e i problemi dati da problemi come gastriti e reflusso. L'infuso può essere impiegato anche per dare sollievo ai piedi e fare un pediluvio per risanare la pelle.

La Malva può essere utilizzata anche come rimedio antinfiammatorio per le vie urinarie, ed infine questa presenta proprietà espettoranti utili per riuscire a limitare i problemi di tosse e l'accumulo di muco nei polmoni. Questa pianta infine viene impiegata anche in cucina per condire piatti salati e dolci.

Malattie

La Malva Sylvestris è una pianta abbastanza forte e resistente, per questo motivo è semplice da coltivare anche se non si ha molta esperienza. La pianta soffre però il ristagno idrico e il marciume radicale. Non ama le temperature troppo rigide e teme infine, l'attacco di parassiti come le cocciniglie e gli afidi.

Leggi anche: Tutte le proprietà curative della Malva

Malva