Kit Videosorveglianza Wireless

La videosorveglianza wireless è uno degli ultimi ritrovati della tecnologia, sempre più utilizzato da chi intende mettere in sicurezza una o più aree della propria abitazione. A differenza di tanti altri sistemi, la videosorveglianza wireless è efficace e poco dispendiosa. Scopriamo cos'è e come funziona.

Kit Videosorveglianza Wireless: cos'è

La videosorveglianza wireless è un sistema di sicurezza utilizzato dai privati come dai proprietari di piccole attività commerciali che hanno bisogno di proteggere piccole aree di proprietà o anche solo proteggere i propri cari.

Questo tipo di sistema di sorveglianza è il più richiesto attualmente sul mercato, sia perché è di installazione semplice ed immediata, eseguibile anche in fai da te, sia perché a conti fatti, è più economica rispetto ai più tradizionali sistemi di sicurezza.

La telecamera posizionata può fornire immagini live nell'area che deve essere protetta: si può costantemente visionare cosa succede nello spazio posto a controllo tramite un comune pc collegato via internet, oppure tramite cellulare. Solitamente si riceve un MMS con le immagini dell'ambiente sorvegliato.

Prodotti sul mercato

In commercio esistono diverse tecnologie idonee a proteggere i propri spazi sia in wi-fi sia con collegamento fisico. Ciascuna telecamera di sicurezza, oggi, ha un collegamento di tipo IP ovvero viaggia in rete attraverso il collegamento ad un comunissimo router ADSL.

Il collegamento della telecamera al router può essere in wi-fi, quindi senza fili, oppure con cavo di cablaggio; la comodità dei kit di sorveglianza wireless sta nell'assenza di fili e nell'installazione sicuramente più agevole e meno vistosa.

Quello che accomuna entrambe le tipologie di videosorveglianza è invece Internet: ormai qualsiasi genere di ripresa può essere controllata sul web e, da un pc, uno smartphone o un tablet, possono essere tranquillamente gestiti tutti i processi di ripresa, dall'invio delle immagini sino alla rotazione della telecamera, solitamente movibile in maniera orizzontale e verticale.

Quando internet è in modalità offline le immagini non smettono di essere riprese: vengono, infatti, registrate su una comune memoria SD oppure fissate su altri supporti come il DVR (Digital Video Recorder); in quest'ultimo caso è necessario collegare la telecamera via cavo ad un televisore, a sua volta connesso ad un registratore video.

Un'altra caratteristica interessante, posseduta da quasi ogni telecamera di ultima generazione, è la ripresa in ambienti bui, grazie all'utilizzo degli infrarossi. La visione notturna è fondamentale sia nelle attività commerciali sia in casa: con gli infrarossi è infatti possibile distinguere molto chiaramente volti ed oggetti non solo a pochi centimetri di distanza ma anche a diversi metri, rendendo riconoscibili gli intrusi indesiderati.

Pro e contro

L'acquisto di un kit di videosorveglianza wireless porta con se innumerevoli vantaggi ma si deve tener conto di alcune indicazioni per non veder trasformare un pro in un contro.

Telecamere wireless: Vantaggi

  • Installazione senza fili e senza limitazioni di distanza dal modem
  • Uso sia all'interno sia all'esterno della propria abitazione o dell'attività commerciale sotto controllo
  • Facilità di installazione
  • Minor costo dell'esercizio
  • Economicità dell'impianto
  • Zero costi d'installazione: si monta in fai da te
  • Flessibilità di posizionamento

Telecamere wireless: Contro

  • Possibile disturbo causato da altri sistemi wireless presenti nelle vicinanze: penne usb o modem wi-fi
  • Barriere fisiche: possono impedire la cattura del segnale wi-fi; sono considerate barriere, ad esempio, i muri
  • Batteria da ricaricare periodicamente per evitarne lo spegnimento

Leggi anche: Videocitofono Wireless

Installazione

L'installazione ed il corretto funzionamento di un kit di videosorveglianza wi-fi è assolutamente semplice ed allo stesso tempo di primaria importanza: non collocare in modo adeguato le telecamere acquistate potrebbe causare il mal funzionamento di tutto il sistema.

Per prima cosa, se si decide di collegare più di due telecamere al medesimo circuito, si dovrà fare attenzione ad allocare il ricevitore in posizione equidistante da ciascuna di esse. Se il ricevitore riuscirà a fare da baricentro all'interno del sistema, l'acquisizione video rispetterà le promesse dichiarate dal produttore.

Una buona tecnica è quella di collocare in casa dapprima il ricevitore: si dovrà tener presente che il ricevitore dovrà essere collegato allo strumento DVR di registrazione video mediante gli appositi cavi di acquisizione immagini.

Una volta fissato il ricevitore al registratore si potrà stabilire quale sia la migliore posizione per ogni singola telecamera: in questo modo regalare al ricevitore una posizione pressoché centrale sarà molto più semplice.

Connessione ad internet

Quando tutto il sistema di videosorveglianza è stato posizionato in maniera ottimale, ed il ricevitore è perfettamente connesso al registratore video si può passare alla fase di identificazione e registrazione sulla rete.

Per farlo si dovrà connettere contestualmente il proprio videoregistratore DVR al web ed al PC: la connessione alla rete è necessaria all'assegnazione di un indirizzo IP riconoscibile e privato, mentre la connessione al PC sarà indispensabile perché sarà proprio il computer a fungere da tramite consentendo di eseguire tutti gli aggiornamenti e le verifiche del caso.

L'immissione del registratore sulla rete è funzionale alla possibilità di poter costantemente controllare quanto succede nell'area sorvegliata, ed eventualmente aggiornare il sistema del Recorder tramite i comunissimi codici Active-X.

Caratteristiche di cui tenere conto

Dovendo acquistare un kit di videosorveglianza wi-fi si dovrà fare attenzione alle caratteristiche intrinseche del prodotto selezionato. Le prime peculiarità di cui tener conto sono il peso, la resistenza agli sbalzi di temperatura, il tipo di zoom, la presenza di rotazione dello strumento, la risoluzione e la presenza o meno di un LED per gli infrarossi. Ciascuna di queste caratteristiche può essere valutata leggendo la Scheda tecnica di ciascun prodotto ed è fondamentale per non ritrovarsi con un cattivo affare fra le mani.

  1. Il peso è la prima informazione utile quando si deve acquistare una telecamera wireless: è meglio preferire strumenti leggeri ed accertarsi che i fermi abbiano la capacità di sostenerli agevolmente.
  2. La resistenza agli sbalzi di temperatura: chi deve posizionare il sistema di sorveglianza wi-fi all'esterno dovrà chiaramente avere l'accortezza di scegliere dei prodotti con maggiore CPU in grado di resistere alle temperature più estreme, regolando di volta in volta il termometro interno.
  3. Zoom: anziché preferire strumenti ad obiettivo fisso è meglio scegliere una telecamera dotata di zoom; si spenderà un pò di più ma la sicurezza ne trarrà vantaggio.
  4. Rotazione dell'inquadratura: le macchine in commercio possono ruotare il proprio campo d'azione da 120 a 300°, una valida opportunità per seguire l'ambiente sorvegliato.
  5. Risoluzione: per vederci chiaro è meglio optare per telecamere con risoluzione da 2 Megapixel in su.
  6. LED Infrarossi: deve esserci se si decide di posizionare la telecamera all'esterno, è molto utile anche per osservare gli ambienti interni.

Prezzi

Certamente l'acquisto di un kit di videosorveglianza wi-fi deve essere fatto in maniera ponderata: in commercio esistono kit che costano anche meno di 100€, ma fare economia quando si parla di sicurezza non è una buona idea. Non volendo spendere cifre esorbitanti ci si può rivolgere ad ottimi prodotti sul mercato, acquistabili anche online, che si aggirano sui 150-300€: la cifra è abbastanza accessibile e la protezione è garantita.

Conclusioni

La scelta di un kit di videosorveglianza wi-fi è indubbiamente da preferire per tutti coloro che non vogliono rendere visibile il proprio sistema di sicurezza e che non hanno intenzione di spendere fior di quattrini in spese di montaggio e di mantenimento spesso esorbitanti. L'unico consiglio è non acquistare la prima cosa che capita ed assicurarsi che ogni prodotto conduca sul retro il marchio di certificazione CEE: la qualità costa, ma ne vale la pena.