Estrattore di succo

Un estrattore di succo è un dispositivo che permette di ricavare il succo di frutta e ortaggi attraverso la loro spremitura a freddo: si distingue da una centrifuga perché opera a una velocità molto più bassa. Le fibre degli alimenti vengono rotte in modo tale da garantire il massimo rilascio delle loro sostanze nutritive.

Otto ragioni per tenere un estrattore di succo in casa

Un estrattore di succo permette di usufruire di molteplici vantaggi. Ecco quali:

  1. permette, attraverso il succo, di assorbire tutte le sostanze nutritive di frutta e verdura
  2. i succhi rappresentano una componente fondamentale dell'alimentazione di oggi
  3. produce pochi scarti
  4. è uno strumento estremamente versatile
  5. offre l'opportunità di beneficiare di ottime bevande fresche
  6. consente di avere a che fare con prodotti genuini, senza conservanti o zuccheri aggiunti
  7. dà la possibilità di assaporare succhi di gusti diversi, con mix potenzialmente infiniti
  8. fa sì che anche i bambini possano mangiare frutta e verdura

Il rilascio delle sostanze nutritive

Il primo motivo per cui un estrattore di succo non dovrebbe mai mancare in casa è rappresentato dalla sua capacità di mettere a disposizione una grande quantità di sostanze nutritive importanti per l'organismo.

Nel momento in cui le fibre vengono separate dall'acqua distillata e dagli elementi minerali, il succo entra in circolo nel corpo e quindi può essere assorbito in maniera molto semplice, più di quanto avverrebbe con la verdura e la frutta intere: in questo secondo caso, infatti, la digestione degli alimenti integri presupporrebbe un significativo consumo di energia e un metabolismo delle fibre rallentato.

Insomma, mangiando un frutto intero una porzione dell'alimento viene sfruttata per digerire, sotto forma di energia, venendo meno all'obiettivo nutrizionale. Ecco perché i succhi sono molto meglio.

L'importanza dei succhi

Un'altra ragione per cui vale la pena di ricorrere agli estrattori di succo è che i succhi, oggi come oggi, costituiscono un aiuto molto valido all'alimentazione moderna, che è povera di vitamine e ricca di grassi e quindi sono indicati per garantire all'organismo l'equilibrio di cui ha bisogno.

Non solo: sono efficaci anche per assicurare un benessere complessivo, risultando validi alleati per la prevenzione e la cura di molteplici malanni.

Scarti ridotti

Tra i tanti pregi degli estrattori di succo va individuato il fatto che la quantità di scarti che viene prodotta è molto limitata, soprattutto se paragonata a quella che deriva dalle centrifughe. Il prodotto finale, in effetti, si dimostra molto più corposo. Meno scarti, ovviamente, non vuol dire solo meno rifiuti, ma soprattutto una maggiore quantità di succo a disposizione.

La versatilità

Ancora, proseguendo nella disamina dei motivi per cui è consigliabile ricorrere a un estrattore di succo, non si può non notare che in questo strumento possono essere inseriti alimenti di ogni genere, dalle mele alle carote, dalle pere ai kiwi, dalle barbabietole alle arance, dai limoni ai pompelmi, dai meloni ai cedri, dalle angurie ai mandaranci e così via. A prescindere dal tipo di succo che si è intenzionati a gustare, insomma, si può ottenere l'obiettivo desiderato.

Il gusto

Un estrattore di succo, poi, permette di avere a che fare con succhi e bevande piacevoli e dal sapore decisamente gradevole: non sono poche, per esempio, le verdure che si rivelano meno buone se mangiate intere invece che assunte sotto forma di succo. Per esempio il succo di carota, caratterizzato da un gusto dolciastro: nulla vieta di combinarlo con del succo di limone e del succo di arancia, così da godere della delicatezza di un succo ace fai da te strepitoso, genuino e altamente nutritivo.

La genuinità

La genuinità è un ulteriore fattore da mettere in conto nel momento in cui si valuta la validità degli estrattori di succo: di certo, infatti, di un succo preparato in casa si conoscono sia la provenienza che la composizione, cosa che non si può certo dire di un succo acquistato al supermercato o comunque di origine industriale.

Non solo: nei succhi comprati la quantità di frutta può essere contenuta e per di più possono esserci conservanti, additivi e zuccheri che di certo bene non fanno.

Tante soluzioni diverse

Un'altra differenza tra un succo industriale e un succo fai da te ottenuto con un estrattore di succo è che nel secondo caso si possono decidere gli ingredienti, la loro qualità e gli eventuali mix. Per esempio, se si vuole un succo a base di kiwi, di mela e di arancia lo si può preparare nel giro di pochi secondi, mentre un prodotto del genere sarebbe introvabile al supermercato.

Ma non è tutto: la varietà di gusti proposti dai succhi industriale è molto limitata, al di là dei classici succhi alla pera, alla pesca, all'albicocca, all'ananas e pochi altri. Con un estrattore di succo, invece, qualsiasi frutto può diventare una bevanda salutare e gustosa.

Per i bambini

Un ultimo aspetto che non si può sottovalutare è che grazie a un estrattore di succo e quindi ai succhi, è possibile fare assumere la frutta e la verdura ai bambini senza fatica. Non solo a quelli più piccoli, che in questo modo non hanno bisogno di masticare (per esempio se hanno ancora pochi dentini), ma anche a quelli più grandicelli, che magari non sono grandi fan di carote, mele, cavolfiori o rape. Sotto forma di succo, qualsiasi verdura assume un aspetto più invitante.

Conclusioni

Un estrattore di succo, in conclusione, è un apparecchio fondamentale in cucina perché permette l'assunzione di frutta e verdura in modo da favorire l'assorbimento di tutte le sostanze nutritive contenute in questi alimenti, producendo pochi scarti e risultando efficace in molteplici contesti.