agevolazioni ristrutturazioni

Occhio alla spesa, quando si decide di ristrutturare un immobile, ma soprattutto attenzione a tutte le possibilità che lo Stato ci offre per risparmiare, attraverso detrazioni e agevolazioni varie...fatevi furbi!

Agevolazioni fiscali: a chi spettano?

Per poter usufruire delle detrazioni è necessario essere proprietari o nudi proprietari, familiari conviventi del proprietario, eredi, promissario acquirente, locatari o comodatari o infine titolari di un diritto reale.

Le detrazioni

Ecco quali detrazioni (sottrazioni dall'imposta della dichiarazione dei redditi della somma spesa) si possono fare. Spese fatte prima del 25 giugno 2012 : 36% della spesa per un massimo di 48.000 euro. Dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014: 50% della spesa per un massimo di 96.000 euro. Dal 1° gennaio 2015: 40% della spesa sostenuta per un massimo di 96.000 euro. Fa fede la data del bonifico del pagamento.

Cosa possiamo inserire in queste spese? Manutenzione ordinaria su parti comuni condominiali, manutenzione straordinaria su servizi igienici, costruzione-demolizione-ricostruzione di muri interni, scale interne e ascensori, pavimenti, infissi, recinzioni, caldaie, coperture di solai, impianto idraulico ed elettrico, ricostruzione post terremoto ed eliminazione barriere architettoniche.

Ci sono poi altri interventi che si possono detrarre, come la messa in sicurezza di cose pericolose, la realizzazione di impianti fotovoltaici e altri interventi che mirano al risparmio energetico.

Le detrazioni sul risparmio energetico

Sono un discorso a parte, riassumibile così: fino al 5 giugno 2013 il 55%, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014 il 65%, dal 1° gennaio 2015 il 50%. Rientrano in questa categoria la riduzione del fabbisogno energetico, l’istallazione di pannelli solari e tutti gli interventi in generale per migliore la tenuta energetica della propria casa.

Le detrazioni per arredamenti ed elettrodomestici classe A+

Il tetto massimo sono 10.000 euro, o non più del 50% di spesa sostenuta, devono essere di classe A+, acquistati tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2014 e la ristrutturazione edilizia dell'immobile a cui sono destinati, deve essere iniziata prima del loro acquisto.

Leggi anche... Rinegoziazione / surroga del mutuo

Le detrazioni, i documenti necessari

Sono necessari i bonifici dei pagamenti effettuati con i dati chi ha pagato e le indicazioni catastali. Per le detrazioni energetiche servono anche: l’asseverazione dell’intervento, la certificazione energetica e la scheda informativa sugli interventi fatti

L'IVA agevolata al 10%

Sui lavori di cui abbiamo parlato, è possibile pagare un’iva al 10%, ma se ci sono beni significativi, come sanitari, ascensori, infissi, impianti di sicurezza etc, questa percentuale va riferita solamente alla manodopera.

Non abbiate paura di rincorrere il sogno della casa ideale: con un po’ di attenzione e le giuste informazioni potrebbe essere più vicina di quanto credete.

Per maggiori informazioni consulta le guide messe a disposizione nel sito agenzia delle entrate