Rappresentazione grafica di un Bitcoin

Il Bitcoin (BTC) è una criptovaluta, ossia una moneta digitale, dove ogni coin corrisponde a un specifico codice crittografico. Questa è la prima valuta digitale che ha trovato un posto tra quelle tradizionali, permettendo ai suoi possessori di gestire transazioni e acquistare beni e servizi. La sua principale peculiarità è quella di non essere sotto il controllo di alcuna banca centrale.

I Bitcoin sono nati del 2009, grazie al lavoro di un informatico celato dietro il nickname di Satoshi Nagatomo e sono diventati in pochi anni una moneta digitale spendibile online. Questi hanno dato l’avvio alla creazione di altre criptovalute nate seguendo e migliorando sotto alcuni aspetti il sistema informatico che le regola.

A differenza delle monete nazionali, le criptovalute non sono materialmente tangibili. I bitcoin non vengono stampati su banconote di carta, ma sono rappresentati da specifici codici crittografici. Ogni codice rappresenta un Bitcoin è viene salvato su un registro virtuale conosciuto con il nome di blockchain. Questi strumenti permettono di rendere sicuri e controllati l’acquisto e l’utilizzo dei Bitcoin. Ma entriamo nel dettaglio e scopriamo tutto ciò che c’è da sapere su cos’è un Bitcoin!

Articolo in Pillole Bitcoin

Non hai tempo di leggere l'intera guida? Scopri allora cosa sono e come funzionano i Bitcoin in pillole!

  1. I Bitcoin, o BTC, sono una criptovaluta, ossia una valuta digitale basata su un specifico codice crittografico che identifica i vari coin della moneta.
  2. Questa valuta digitale non è sottoposta a nessuna autorità statale, il loro funzionamento e la registrazione delle transazioni che avvengono con questa moneta sono regolamentate dalla blockchain.
  3. La blockchain è un registro formato da blocchi informatici, in ognuno dei quali vengono salvate le transazioni e i codici crittografici relativi alle monete. Questo registro è anonimo, quindi non salva il nome di coloro che svolgono una transazione, ma utilizza dei specifici codici alfanumerici in rappresentazione di questa.
  4. I BTC non essendo sottoposti al controllo di una Banca centrale, non vengono coniati in modo tradizionale. Per coniare una moneta è necessario infatti eseguire un'operazione di mining sulla rete Bitcoin. Quest'azione avviene mediante complesse operazioni di calcolo effettuare da PC e software, che riescono a estrapolare i codici volti a raffigurare una o più unità della moneta. 
  5. La produzione e il conio della valuta si fermerà a 21 milioni. Oltre questa cifra non sarà più possibile coniare nuove monete, ma si potranno utilizzare solo quelle già in circolazione.
  6. I Bitcoin possono essere utilizzati per acquistare beni e servizi sia online sia offline, negli e-commerce o negozi che li accettano come metodo di pagamento.
  7. I BTC non servono solo a fare acquisti, questi possono essere utilizzati anche per gli investimenti e per guadagnare mediante le operazioni di Trading CDF online. 
  8. Il valore dei BTC oscilla in modo costante, questo non è mai fisso. All'incirca il suo valore, al momento, oscilla tra i 5000 mila e i 7500 euro.
  9. Ogni moneta Bitcoin può essere convertita in valute tradizionali. Per effettuare la conversione è necessario affidarsi alle piattaforme di crypto exchange che permettono l'acquisto o la vendita dei bitcoin.
  10. In Italia, sono nati dei bancomat per criptovalute, che permettono la conversione diretta dei bitcoin in euro e il ritiro della somma relativa in contanti. Il primo bancomat con questa funzione è stato istituito a Milano.

Se vuoi scoprire di più sui Bitcoin, ti invito a continuare a leggere il nostro approfondimento!

Come funzionano i Bitcoin

Il successo dei Bitcoin è stato decretato dalla possibilità di fare acquisti e transazioni in modo sicuro e anonimo. Infatti, quando acquisti un bitcoin, sul registro relativo (blockchain) non viene salvato il nome dell’acquirente, ma viene registrato il codice alfanumerico che rappresenta la specifica transazione.

Un altro vantaggio che ha portato i Bitcoin e le criptovalute a ritagliarsi uno spazio nel mercato finanziario è il loro essere non soggette a un organo di controllo statale.

I Bitcoin quindi non sono controllati da una banca centrale o dalle politiche monetarie di un paese. Il controllo su questa moneta avviene attraverso la Blockchain che registra tutte le transazioni avvenute tra i diversi possessori della moneta.

I BTC si differenziano dall’euro, il dollaro o da qualunque altra moneta tradizionale anche per modalità di emissione. È bene sottolineare, che questa moneta non viene coniata dalle banche ma è emessa attraverso la rete bitcoin la quale crea un blocco casuale di monete, ognuna delle quali per essere validata e immessa sul mercato deve venire estrapolata con potenti strumenti informatici attraverso il mining.

Il miner è colui che “conia” i Bitcoin, ossia compie quell’azione complessa di estrapolare i codici dai sistemi informatici per poi inserirli nella relativa blockchain, coniando un nuovo codice crittografico volto a rappresentare la moneta.

Coniare i Bitcoin è molto difficile, per questo motivo se desideri possederne uno o più, puoi scegliere di acquistarli direttamente sulle piattaforme preposte.

La rete bitcoin infine, non conierà mai un numero illimitato di monete, ma la produzione di questa valuta si fermerà a 21 milioni. Raggiunto questo numero non si potranno più minare e quindi crearli, ma si potrà semplicemente acquistarli e rivenderli, o utilizzarli per pagamenti e investimenti.

Quanto vale un Bitcoin e perché? (Grafico finanziario in tempo reale)

Il valore di un Bitcoin oscilla nel tempo, non è mai fisso. Questo cosa vuol dire? In parole semplici, puoi scegliere di acquistare 1 bitcoin oggi e pagarlo 7500 euro. Domani il suo valore potrebbe però essere 7800 euro o 7200 a seconda della legge della domanda e dell’offerta che regola il suo andamento, come avviene per i beni materiali e immateriali tradizionali. L’oscillazione di questa valuta digitale è una delle principali differenze con il possedimento delle valute FIAT.

Per conoscere il valore dei Bitcoin in un determinato momento, bisogna leggere i giornali finanziari o seguire i siti che né riportano la quotazione e le eventuali variazioni nel corso della giornata.

COMPRA BITCOIN VENDI BITCOIN

Bitcoin grafico finanziario in tempo reale

Attenzione: se dallo smartphone non visualizzi il grafico puoi "scrollare" con le dita agendo sul bordo destro o sinistro.

I Bitcoin possono essere cambiati in valute tradizionali?

In genere, il valore del Bitcoin viene identificato sempre con una conversione in dollari, euro o in altre valute statali. Ciò avviene perché il nostro sistema economico, anche con l’ingresso delle valute digitali, è ancora basato sulle monete tradizionali.

Il mercato, compreso quello delle criptovalute, converte sempre il valore dei beni materiali e immateriali in soldi reali.

Proprio la tacita accettazione della possibilità di conversione dei Bitcoin e delle criptovalute in valute reali, permette a chi le possiede di fare acquisti e condurre transazioni.

Quindi i Bitcoin possono essere utilizzati come moneta di scambio con valute tradizionali ma anche con beni e servizi. In Italia, al momento è possibile scegliere di vendere i Bitcoin e ottenere denaro reale mediante alcune piattaforme online come Coinbase.

Ultimamente alcuni istituti bancari hanno messo a disposizione degli utenti sportelli bancomat da dove è possibile prelevare denaro contante dal proprio wallet Bitcoin. Il primo di questi bancomat è stato istituito a Milano.

Selezionati per te