Gruppo rubinetto con miscelatore

Problemi con il miscelatore della cucina o della vasca de bagno? Niente paura! Sostituire un miscelatore è un lavoro tutto sommato abbastanza semplice, rientra tra quelle attività di manutenzione che sicuramente con un poco di buona volontà anche tu puoi fare. Adesso ti spiego come si fa.

I gruppi miscelatori - tipi

I gruppi miscelatori sono di due categorie, quelli montati a parete che solitamente sono della vasca da bagno o cucina, e quelli montati direttamente sulle ceramiche, solitamente lavandini e bidè. Entrambi hanno una borchia a copertura estetica collocata tra la base del miscelatore e la superficie di appoggio. I miscelatori da cucina e vasca da bagno (quelli di cui parliamo in questo articolo), sono collegati alla rete idrica tramite due giunti a compressione con relativi dadi per il serraggio. Per smontarli e rimontarli occorre che i dadi siano avvitati / svitati alternativamente per mantenere il gruppo in asse.

OCCORRENTE

  • Nastro in teflon
  • Spray disincrostante
  • Chiave inglese
  • Spazzola in ferro

Fase uno: lo smontaggio del gruppo miscelatore

Prima si sostituire il miscelatore, la prima cosa da fare è chiudere l'acqua in tutta la casa, possiamo farlo tramite il rubinetto generale posto in bagno o in cucina, se non lo trovate chiudete quello vicino il contatore (il risultato non cambia). Ora muniti di una chiave inglese, potete procedere a smontare il vecchio miscelatore avendo cura di allentare i dadi alternativamente onde evitare un che il gruppo vada fuori squadro (rischiando di rovinare la filettatura).

Smontato il vecchio miscelatore possiamo pulire le filettature dei tubi d'uscita dell'acqua e procedere alla seconda fase. Se vi sono incrostazioni particolari sulle tubature, per toglierle utilizzate la spazzola di acciaio o uno spray disincrostante.

Fase due: applicare il teflon

Per chi non è pratico, il teflon altro non è che una striscia fatta di un materiale molto sottile e duttile che serve per creare spessore sulla filettatura in modo da prevenire perdite di acqua. Lo stesso va applicato nel senso opposto di come si avvita il dado (lo scopo è quello di non farlo togliere mentre si avvita il dado), quindi se avvitate in senso orario il teflon va messo in senso antiorario.

Possiamo ora procedere ora ad applicare il teflon seguendo le indicazioni appena fornite.

Fase tre: montaggio del nuovo miscelatore

Avvicinate le imboccature del nuovo miscelatore ai tubi che avete prima rivestito di teflon e cominciate a stringere i dadi alternando prima l'uno poi l'altro, in modo che il gruppo miscelatore proceda a squadro verso la parete. Ora dopo aver serrato bene i dadi, controllato che il rubinetto sia chiuso, potete riaprire il generale e provare quindi il vostro nuovo miscelatore.