cilindretti di legno pressato pellets

Le stufe a pellet in breve tempo hanno avuto un’enorme diffusione grazie alla quale i produttori di pellet (il combustibile) si sono moltiplicati immettendone così sul mercato moltissimi tipi.

Come scegliere il miglior pellet in commercio

L’etichetta sulla confezione ci fornirà le informazioni necessarie a fare la scelta giusta:

  • Tipo di legna, provenienza e anno di produzione
  • Dimensione
  • Potere calorifico
  • Residui di cenere e altre sostanze
  • Percentuale di umidità

Sacco di pellets

Il Faggio e Abete sono i legni migliori per produrre pellet, il colore può variare e non determina la qualità del prodotto mentre la presenza di eccessiva polvere nel sacco è indice di bassa qualità in quanto indice di sgretolamento del prodotto che se non ben compresso brucerà troppo velocemente.

Una volta scelto il tipo di legno occorrerà guardare la percentuale di residuo fisso che più e basso migliore è la combustione, dato che lo stesso è indice di purezza del prodotto, il valore non dovrebbe superare 1%.

Tabella valori medi pellet

L’umidità e anch’esso un dato importante in quanto maggiore è la stessa, minore sarà la resa calorica in quanto parte della combustione servirà a farla evaporare. Il valore quando inferiore al 10% sarà un buon segnale di qualità.

L’elevata presenza di inquinanti come cadmio, mercurio, arsenico, piombo, colla, plastica indicano che il prodotto non è puro e la qualità potrebbe esserne compromessa. Ricordate che i prodotti migliori sono quelli composti da legni vergini!

Il potere calorifero di un buon pellet oscilla da 4,7 a 5,5 kWh/kg, valori inferiori sono indice di bassa resa che andrebbe a rendere vano un eventuale acquisto basato solo sul prezzo.

In conclusione: l’acquisto di un buon prodotto è dato dai valori medi sopra riportati diffidate da prezzi troppo bassi che potrebbero invogliare all’acquisto ma rivelarsi alla fine dei conti più costosi in quanto la resa calorica sarà inferiore, inoltre si corre il rischio di aumentare la manutenzione straordinaria della stufa che effettuata da tecnici specializzati avrà un costo notevole che ovviamente vorremmo evitare.

Vi sono ulteriori informazioni che potrebbero aiutarci a scegliere ma come titolato questa è una miniguida al corretto acquisto del pellet e le informazioni in essa contenuta sono sufficienti per mettere in condizione l’utente medio ad operare un corretto acquisto e godersi così la propria stufa coscienti di aver acquistato il prodotto ottimale per i nostri bisogni e le nostre tasche!