Pavimento in parquet

Da sempre il legno è stato usato come materiale da costruzione su innumerevoli contesti. Il parquet è il pavimento che tutti o quasi desideriamo avere in casa, essendo in legno esso dona calore e rende accogliente gli ambienti che ne vengono arricchiti di pregio ed eleganza. Le qualità del parquet sono per sua natura strettamente collegate tra loro ed in effetti esso è un ottimo isolante termico, acustico, resistente ma allo stesso tempo elastico, di grande resistenza e longevità.

Come pulire il parquet: materiale necessario

  • Aspirapolvere / panno antistatico;
  • Un secchiello e relativo mop;
  • Acqua ed alcool;
  • Panno asciutto Cera.

Come procedere

  1. Togliere la polvere
  2. Lavaggio
  3. Lucidatura

Tolta la polvere possiamo procedere al lavaggio con acqua e alcuni cucchiaini di alcool, il mop o straccio sarà ben strizzato assolutamente non gocciolante (il parquet teme l’acqua ed i liquidi in generale). Il passaggio del mop sarà in direzione della posa del parquet (la parte lunga del listello) in modo da rendere meno abrasiva questa operazione.

Effettuato il lavaggio possiamo passare alla lucidatura la quale sarà effettuata con prodotti adatti al tipo di finitura che è stata applicata dal produttore che possono essere ad olio, cera o vernice. La finitura a vernice è molto lucida per cui la distinguerete da quella a cera o ad olio.

Con il panno asciutto ;(o come suggerito dal produttore della cera) possiamo procedere alla lucidatura senza eccedere nell’uso dei prodotti in quanto gli stessi lasciano una sottile patina e abbondare non porterebbe nessun giovamento al risultato finale, anzi renderebbe il pavimento più scivoloso aumentando i rischi di infortuni entro le mura domestiche.

Potrebbe interessarti anche leggere: Parquet prefinito - un super-pavimento!

Parquet

Raccomandazioni: cosa fare e cosa non fare

Evitare di riversare liquidi direttamente sul parquet in quanto lo stesso teme fortemente l’umidità. Nel caso in cui involontariamente vi fosse riversato del liquido, avere cura di rimuoverlo quanto prima e aerare la stanza per facilitare l’asciugatura del pavimento.

Ricordarsi sempre che il parquet è legno e come tale soggetto ad accumulare umidità, se avete problemi di condensa o umidità negli ambienti risolveteli quanto prima, pena il rigonfiamento del parquet!

Non utilizzare macchine a vapore per la pulizia in quanto possono danneggiare il pavimento.

Non usare assolutamente candeggina o detergenti schiumosi o peggio ancora paste abrasive.

Non abusate dell’alcool per lavarlo e non versatelo mai direttamente sul pavimento, pochi cucchiaini saranno sufficienti la sua pulizia, se non siete certi del tipo di parquet avete chiedete informazioni al costruttore.

Il parquet trattato ad olio necessita una o due volte l’anno di essere rinnovato con l’applicazione di olio adatto allo scopo.

Pattine ai piedi, feltrini sotto le sedie, non mancheranno mai in casa. Indispensabile inoltre posizionare un buon zerbino all’ingresso in modo da evitare quanto più possibile il depositarsi di polvere e detriti sul pavimento evitando così graffi accidentali.