Immagine di un melone affettato

Hai mai pensato di poter coltivare il melone sul tuo balcone? Grande, decisamente grande, il melone è tra quei frutti (più esattamente una verdura in quanto appartenente alla famiglia delle cucurbitacee) che difficilmente si immaginano crescere in un vaso e, per di più, su un balcone. Ti sorprenderà scoprire, che invece anche questo è possibile, ti basterà seguire qualche piccolo consiglio.

Impianto o Semina

Il melone, come tutti i frutti a noi più noti, nasce da un piccolo e innocente semino. Si semina a marzo nei semenzai per poi trapiantare le piantine dopo circa un mese, quando comparirà la quarta foglia. In alternativa è possibile mettere a dimora le piantine direttamente ad aprile in vasi con queste caratteristiche:

  • profondi circa 45 cm
  • dotati di graticcio alto almeno 1,5 m su cui si possano arrampicare

E' anche possibile ricorrere alle piantine già pronte che andranno semplicemente trapiantate.

Clima ideale

Il melone adora il clima temperato-caldo. Questo non esclude la coltivazione anche nelle zone più settentrionali ma, ovviamente, con le dovute accortezze come:

  • al riparo dal freddo
  • posizionato in zone che garantiscano il pieno sole

Coltivazione

Il terriccio ideale per coltivare il melone sul balcone o sul terrazzo deve essere:

  • di medio impasto
  • ben drenato
  • arricchito con un concime ternario ad alto titolo di potassio

Esiste, poi, un piccolo trucchetto per aumentare la grandezza dei frutti: quando raggiungono la grandezza di una biglia è possibile recidere i fusti che si trovano due foglie sopra dell'ultimo melone impedendo, così, l'ulteriore crescita della parte verde della pianta, per la serie "vediamo chi comanda".

Potrebbe interessarti anche: Come coltivare i lamponi sul balcone

Raccolta

I meloni estivi possono essere raccolti nel periodo di piena estate, appunto, a partire dal mese di luglio. Si capisce che sono pronti e maturi al punto giusto dall'intenso profumo che emanano e dalla scorza che prende il colore tipico della varietà a cui appartengono e, infine, la pelle della cicatrice fiorale cede alla pressione leggera delle dita.

Per raccogliere fisicamente i nostri frutti, si procede tagliando il peduncolo a 4-5 cm dall'inserzione con il frutto.

Per i meloni invernali, invece, la maturazione comincia a partire dal mese di settembre e possono essere conservati, appendendoli in un luogo fresco e ben areato, anche fino al periodo natalizio.

Guida alla scelta

Le varietà di meloni sono essenzialmente tre:

  • i "cantalupi": tondi e dalla buccia liscia di colore giallo e striata di verde con la polpa arancione ("Cantalupo Charantais" o "Prescott")
  • i "retinati": tondi e con la buccia reticolata e la polpa leggermente più chiara("Orus" o "Hale's Best Jumbo")
  • i meloni invernali dalla forma tonda o allungata e con la buccia verde o gialla e la polpa bianca ("Napoletano verde", "Napoletano giallo", "Gelato d'inverno").

Da evidenziare, poi, una varietà di pianta ata 60-80 cm e con i frutti grandi quanto una mela conosciuto con il nome di "Pepino"(Solanum muricatum)

Ecco che anche coltivare il melone sul balcone è possibile, non c'è grandezza che tenga quando si ha un pò di spazio all'aria aperta e qualche vaso a disposizione.