pesco in vaso

Coltivare il pesco sul terrazzo / balcone è una soddisfazione di cui non bisognerebbe privarsi se si dispone di un piccolo spazio da dedicare a questo buonissimo frutto. In commercio si trovano varietà che bene si prestano ad essere tenute in vaso, scopriamole insieme!

Impianto

In generale le piante con radice nuda sono trapiantabili in inverno, quando la pianta è nella fase del riposo vegetativo. Nel caso che la pianta sia in vaso si può procedere al trapianto anche nel mese di febbraio.

Clima ideale per il pesco

Essendo una pianta resistente al freddo, il pesco vive bene soprattutto in luoghi dove in inverno il clima è piuttosto rigido e resiste anche fino a temperature di -15°, ciò non toglie che lo si può coltivare anche in luoghi dove il clima è più mite. In Italia il pesco trova il maggior picco di produzione in regioni come Emilia Romagna, Campania, Veneto e Lazio.

Coltivazione in vaso

Con un terreno di medio impasto privo di ristagni d'acqua e di calcare il pesco trova il suo supporto ideale per crescere bene.

Molto importante è la questione dei ristagni d'acqua che non devono assolutamente avere luogo.

Concimato verso la fine dell'inverno con prodotti ricchi di azoto organico e potassio, questa pianta ha bisogno di essere irrigata regolarmente durante la stagione calda.

Raccolta

Il periodo in cui si raccolgono questi buonissimi frutti va da giugno a fine agosto per le piante comuni, mentre le nettarine sono pronte al raccolto per il mesi di luglio e agosto.

Guida alla scelta del pesco nano coltivabile in vaso

Come per il cliliegio nanoe l'albicocco nano, anche in questo caso abbiamo alcune varietà selezionate per crescere bene in vaso.

Possiamo scegliere la varietà Bonanza, un pesco alto poco più di un metro, la sua fioritura è un vero spettacolo, oppure la varietà Garden Beauty dai frutti con polpa gialla ed infine ma non certo per inferiorità possiamo optare per la Nectarella la nettarina dal forte profumo che ne anticipa la bontà.