Collagene idrolizzato: cos'è, come funziona, benefici e controindicazioni

Di collagene idrolizzato non si fa che parlare in virtù dei benefici che gli si attribuiscono per curare disturbi come l'artrosi, ma anche per contrastare l'invecchiamento cutaneo. Ma cos'è il collagene idrolizzato, quali benefici realmente si possono ottenere dal suo utilizzo e quali controindicazioni possiede? Vediamo assieme!

collagene idrolizzato ottimo per la pelle e cartilagini

Cos'è il collagene idrolizzato?

Il collagene idrolizzato, o idrolizzato di collagene, è una molecola proteica ottenuta mediante un processo di idrolisi che trova la sua origine nel collageno puro, il quale viene lavorato sino ad essere ridotto in piccoli frammenti, con un peso molecolare talmente ridotto da poter essere assimilabile dall'uomo. L'idrolizzazione del collagene avviene a partire dal collagene di tipo I estratto dalle ossa e dalla pelle di animali come i cavalli, i conigli, i bovini, anche se ultimamente si predilige il collagene ottenuto dalla cartilagine di squalo oppure il collagene vegetale. La necessità di produrre collagene idrolizzato è divenuta prioritaria quando gli studi hanno dimostrato l'importanza del collagene sia per le ossa che per la pelle umana; esso, a sua volta, si divide in 4 categorie:

  • Collagene di tipo I è il 90% del totale, alla base di tendini, ossa, pelle e cornea.
  • Collagene di tipo II o del tessuto cartilagineo
  • Collagene di tipo III, tipico delle pareti e dei vasi sanguigni, ma presente anche nel derma
  • Collagene di tipo IV reperibile all'interno della membrana basale

Il collageno di tipo I, sottoposto ai processi di idrolisi, è ridotto in polvere ed è utilizzato per uso topico, quindi spalmabile sulla pelle, o per uso alimentare, quindi ingeribile come fosse un comune integratore.

Come funziona il collagene idrolizzato all'interno del corpo umano?

Le ricerche condotte negli ultimi anni, soprattutto quelle che si sono concentrate durante il millennio in corso, hanno evidenziato come l'utilizzo del collagene idrolizzato possa essere la soluzione ai disturbi dell'osteoartrite. L'idrolizzato di collagene, infatti, può essere considerato un integratore proteico incompleto, vista l'assenza di amminoacidi essenziali quali l'isoleucina, il triptofano, e la mietonina; di contro, contiene quelli necessari ad attivare la sintesi del collagene all'interno dell'organismo, in particolar modo idrossiprolina e prolina. Questi due amminoacidi sono deputati alla creazione del collagene all'interno dell'organismo, e ingerendoli attraverso il collagene idrolizzato riescono a raggiungere il sangue, e da qui le ossa, le cartilagini, i tendini, le articolazioni che ne hanno bisogno per tornare in forma. Introdotto nell’organismo umano, il collagene idrolizzato riesce ad essere digerito, e soprattutto ad attraversare le pareti intestinali: ciò gli consente di essere biodisponibile ed assorbito dalle cartilagini e dalle strutture muscolo-scheletriche che ne sono carenti. Oltre a fungere da riserva immediatamente disponibile, questo integratore funziona da attivatore dei processi produttivi di collageno nuovo; è quindi in grado di agevolare l'organismo a ripristinarne la produzione.

Quali benefici possono essere ottenuti utilizzando l'idrolizzato di collagene?

L'idrolizzato di collagene avvantaggia chi soffre di patologie come l'artrosi o l'osteoartrite, previene e contrasta le rughe, ed ha effetti positivi sia in chi intende seguire una dieta ipocalorica, che una dieta specifica per sportivi. Scopriamo quindi tutti i benefici che l'idrolizzato di collagene conduce, valutando caso per caso.

Leggi anche: I benefici del collagene marino

L'idrolizzato di collagene e le ossa

Il collagene idrolizzato è divenuto uno dei punti di riferimento per chi vuole prevenire o contrastare i disturbi articolari, come l'osteoartrite, perché favorisce la mobilità e la resistenza dei legamenti . La patologia di cui sopra insorge a seguito della rottura della cartilagine e del tessuto osseo adiacente, quindi è un disturbo che colpisce maggiormente gli anziani. Anziché affrontare il dolore e la perdita di mobilità attraverso gli antidolorifici, si consiglia l'uso di collagene idrolizzato perché esso è in grado di rigenerare la cartilagine danneggiata e favorire la sintetizzazione naturale di nuovo collagene.

L'idrolizzato di collagene e l'artrosi

A livello articolare, l'artrosi è forse uno dei disturbi più frequenti e diffusi, che colpisce uomini e donne a partire dai 50-60 anni d'età. Le cause alla base dell'insorgere dell'artrosi riguardano il logoramento delle cartilagini, che provocano dolori insopportabili. Le zone del corpo più colpite dall'artrosi sono le ginocchia e le mani, ovvero quelle parti del corpo che più spesso vengono usate, e che quindi, più velocemente mostrano i segni di cedimento. Integrare la propria alimentazione con l'idrolizzato di collagene, è utile non solo a rigenerare e ripristinare i corretti livelli di cartilagine fra le singole ossa , ma anche a spingere il proprio corpo a ricominciare a produrre il collageno puro autonomamente.

Collagene idrolizzato e muscoli

A seguito dell’avanzare dell'età il tono muscolare comincia a cedere e ci si sente più affaticati e stanchi; il fenomeno della stanchezza muscolare, tipico della terza età, è definito sarcopenia, ed è dovuto ad una serie di fattori, tra cui la cui il logorio delle cartilagini, l'assenza di esercizio fisico e una cattiva alimentazione. Infatti, non fornendo al proprio corpo la giusta quantità di nutrienti, ed in particolar modo la giusta dose di proteine, si cominciano a vedere i propri muscoli deperire e divenire sempre meno tonici ed in forma. In questo caso l'uso dell'idrolizzato di collagene è indispensabile per restituire al corpo la dose di amminoacidi necessaria a mantenere i muscoli forti e robusti. La robustezza e la tonicità dei muscoli è indispensabile anche per coloro i quali hanno subito traumi muscolari, ai quali il collagene idrolizzato potrà portare benefici in termini di ripresa più rapida e resistenza.

Collagene idrolizzato e pelle

Di collagene ed invecchiamento si parla spesso: l'assenza di questa fibroproteina organica è infatti, una delle principale cause che determinano la comparsa delle rughe sul volto. Da diversi studi, statunitensi ed europei, è stato dimostrato come l'utilizzo costante di collagene idrolizzato porta dei benefici tangibili non solo alla struttura muscolo scheletrica umana, ma anche alla sua epidermide, rendendola più fresca e giovane. Oggi, le rughe, non sono solo un problema di chi è in avanti con l'età, ma anche di un popolo molto giovane, che subendo lo smog e l'inquinamento atmosferico, subisce il cosiddetto processo di invecchiamento precoce. Per contrastarlo, l'idrolizzato di collagene si è dimostrato efficace perché non solo favorisce la sintesi di nuovo collageno, ma stimola la sintesi di fibre proteiche a livello dei tessuti. Ciò significa che, l'utilizzo periodico di tale integratore può prevenire e moderare l'azione dell'invecchiamento, sostenendo l'organismo a ritornare a livelli di produzione di collageno puro, ottimali. Inoltre, è stato appurato come l'assunzione di questa fibroproteina sia utile al benessere dei capelli e delle unghie, oltre a migliorare l'elasticità del tessuto connettivo dell'epidermide.

Utilizzare idrolizzato di collagene per lo sport o per perdere peso

Le proteine, i mattoni di muscoli, ossa, articolazioni e legamenti, sono alla base dell'alimentazione di un’atleta, o di chiunque segua un programma regolare di attività fisica. Infatti, per coloro che vivono giornalmente lo sport, l'alimentazione svolge un ruolo chiave: utilizzare l'idrolizzato di collagene può aiutare a ripristinare i corretti livelli di proteine, migliorando al contempo la salute di legamenti ed articolazioni.

Chi invece intende perdere peso, può trovare nel collageno idrolizzato un alleato discreto, grazie alla sua capacità di indurre nell'individuo quel senso di sazietà tipico di tutti gli integratori proteici . Il suo essere incolore ed insapore lo rende perfetto se mescolato a preparati, come ad esempio yogurt e frullati, che potranno essere più sazianti del solito.

Modalità d'uso

Gli studi condotti sulle modalità d'uso del collagene idrolizzato consigliano l'assunzione di 7 - 10 grammi di prodotto al giorno per un periodo di tempo che va da 1 a 3 mesi. Questo dosaggio si riferisce a chi soffre di problemi articolari o artrosici. Sebbene l'utilità dell'idrolizzato di collagene sia accertata, spesso il suo uso non porta i benefici sperati, e nella maggior parte dei casi ciò avviene perché si decide di introdurre nella propria dieta quest'integratore senza che vi sia una reale carenza proteica. Essendo costituito da catene di amminoacidi, il collagene idrolizzato, infatti, è utile laddove sussistono delle carenze, in caso contrario, gli amminoacidi ingeriti in eccesso verranno utilizzati per costruire altre proteine oppure per divenire delle riserve energetiche in caso di necessità, ma non verranno utilizzate per la ri-sintesi di collageno puro.

Più che utilizzare dosi eccessive di collagene è opportuno assumerlo assieme ad altre sostanze che ne favoriscono l'assimilazione o impediscono la sua degradazione. Quindi, affinché possano essere ottenuti dei benefici tangibili è meglio acquistare degli integratori in cui il collagene, sottoposto a processo di idrolisi, è mixato ad altri componenti. Nello specifico:

  • Per ottenere un effetto anti-aging: l'idrolizzato di collageno è mescolato ad estratto di Centella Asiatica o Vitamina C, così come ad altri elementi capaci di evitare la degradazione del collagene nell'epidermide, quindi dalle proprietà antiossidanti;
  • Per ripristinare la sintesi di collagene nell'organismo: è necessario che nel composto siano presenti idrossiprolina, arginina o ornitina, perché ne favoriscono l’assimilazione;
  • Per problemi articolari: devono essere presenti i peptidi condroitina e glucosammina, perché aiutano la sintesi.

Per conoscere cosa si sta acquistando e se nel prodotto prescelto sono presenti i componenti giusti necessari a risolvere il proprio problema, basterà leggere fra gli ingredienti riportati sulla confezione.

Controindicazioni

Di per sé il collagene idrolizzato non dovrebbe avere controindicazioni. In realtà, la bontà dei collageni idrolizzati di origine animale è stata messa in dubbio, perché ingerendoli c'è la possibilità di essere colpiti da una delle malattie più comuni fra i bovini, ovvero il morbo della mucca pazza. Anche se molti, sostengono che i processi di purificazione ed alcalinizzazione cui vengono sottoposti i resti degli animali, scongiurano la possibilità che i batteri dell'encefalite spongiforme (mucca pazza) possano sopravvivere. La realtà è diversa, e la possibilità d'ammalarsi è tangibile. Per questa ragione, e per la paura di contrarre tale malattia,i consumatori più attenti preferiscono acquistare il collagene derivato da cartilagine di squalo, mentre i vegetariani ed i vegani, preferiscono quello di origine vegetale, entrambi privi di controindicazioni di sorta.

Quanto costa?

Il collageno può essere acquistato sia nei centri specializzati per gli atleti e gli sportivi, che nelle farmacie o nelle parafarmacie, ed ovviamente è venduto sul web. Scegliendo di acquistare un chilo di idrolizzato di collagene puro si potranno spendere circa 40/50€. Chi invece vuole acquistare prodotti più complessi, che oltre al collagene contengano altri amminoacidi o principi attivi, necessari al corretto espletamento di tutte le funzioni del prodotto, spenderà un po' di più. L'integratore può essere acquistato in capsule, in polvere, o in crema, a seconda dell'uso, ed i prezzi sono compresi in una forbice molto ampia che parte dai 12€ sino a raggiungere i 60€ e più.

Collagene marino idrolizzato

Conclusioni

L'utilizzo di collagene sottoposto ad idrolisi, se assunto sotto controllo e a seguito di consiglio medico è certamente efficace. Il nostro parere è di acquistare sempre prodotti complessi e ricchi, oltre che di idrolizzato di collagene, anche di altre sostanze utili ad agire efficacemente sull'organismo. Magari, evitare il collageno derivato da idrolisi di pelle ed ossa animali: non si può mai sapere.

Articoli utili da Wikipedia: Collagene