Cessione del Quinto Agos

Cerchi un prestito personale veloce e facile da ottenere? Se sei un lavoratore dipendente o un pensionato, la cessione del quinto Agos potrebbe essere la soluzione giusta per te.

Si tratta di un prestito facile da ottenere, se hai una busta paga o se percepisci una pensione, non ti serviranno ulteriori garanzie e quindi, anche se non possiedi bene immobili e non hai un garante, non c'è comunque alcun problema il prestito ti viene concesso comunque.

Interessante vero? Vediamo i dettagli...

Caratteristiche della cessione del quinto Agos

La cessione del quinto Agos è un finanziamento non finalizzato, nel senso che per richiederlo non è necessario fornire una giustificazione connessa con l'acquisto di uno specifico servizio o di un determinato bene.

La durata massima è di 120 mesi: chi vuole conoscere il Tan e il Taeg può soddisfare tale esigenza nel momento in cui richiede il prestito, questo perché i tassi variano anche n funzione delle somme richieste e dei tempi di rimborso.

Come funziona la cessione del quinto

Come per tutte le cessioni del quinto, chi richiede il finanziamento autorizza, per la restituzione della somma di denaro che ha ottenuto, Agos a richiedere una quota dello stipendio (o della pensione) direttamente al datore di lavoro (o all'Inps).

Per ottenere la cessione del quinto Agos non c'è bisogno di un coobligato; la trattenuta dalla busta paga (o dalla pensione) è, ovviamente, non superiore al 20% dell'importo, ma può essere anche inferiore, ed è direttamente a carico del datore di lavoro o dell'Inps.

Obbligatoria è la stipula, che viene effettuata direttamente da Agos, di una polizza assicurativa rischio vita e rischio impiego (è Agos a pagare il premio relativo).

Uno dei vantaggi offerti da questo tipo di finanziamento è che può essere concesso - previa una accurata valutazione - anche a soggetti che in passato hanno avuto difficoltà relative all'accesso al credito.

Cessione del quinto per i dipendenti

La cessione del quinto Agos per i dipendenti non vincola chi la richiede alla sottiscrizione di una assicurazione che garantisca il credito né alla stipula di altri contratti per eventuali servizi accessori.

Il rimborso delle rate spetta direttamente al datore di lavoro. Ciò non toglie che il contratto preveda che, in caso di pagamenti in ritardo, al consumatore possano essere addebitati degli interessi di mora a un tasso del 10% annuo in relazione alla somma dovuta e in più:

  • le spese per i solleciti spediti in formato cartaceo, pari a un costo di non più di 5 euro per ciascun sollecito;
  • le spese per il recupero telefonico, pari a un costo di non più di 20 euro per ciascun recupero;
  • le spese di esazione, pari a un costo di non più del 30% della somma che è stata incassata;
  • le spese legali e stragiudiziali che dovessero essere eventualmente sostenute.

La cessione del quinto Agos per i dipendenti concede, a chi ha richiesto il prestito, il diritto di rimborsare il credito in maniera anticipata, in parte o in tutto, prima che il contratto scada.

In questo caso, è dovuto - però - un indennizzo che corrisponde all'1% del capitale rimanente nel caso in cui manchi più di un anno alla scadenza del contratto o allo 0.5% del capitale rimanente nel caso in cui manchi un anno o meno alla scadenza dello stesso, tenendo come riferimento la data della prima rata che scade dopo che è stata presentata la richiesta di rimborso anticipato.

In qualunque caso l'importo degli interessi che il consumatore avrebbe dovuto pagare per il resto del contratto è il limite oltre il quale l'indennizzo non può andare.

Cassioni del quinto per i pensionati

La cessione del quinto Agos per i pensionati prevede le stesse condizioni viste per i dipendenti. Nell'ambito di questa forma di finanziamnto, il cliente cede, con effetto immediato, pro solvendo il proprio credito verso l'ente previdenziale ad Agos: credito che è costituito, appunto, dal quinto della pensione.

Occorre ricordare che il quinto non può andare a intaccare la pensione minima: se così fosse, deve essere ridotto (per esempio, può essere il 15% e non il 20% della pensione mensile), affinché la minima venga salvaguardata.

L'ente previdenziale si occupa di pagare direttamente le rate mensili, con trattenute alla fonte sulla pensione: nel caso in cui l'ente previdenziale sia inadempiente, il cliente è tenuto a pagare la rata mancante entro i dieci giorni successivi alla scadenza della stessa.

Per quel che riguarda le condizioni di prelievo, al netto di eventuali anticipazioni il finanziamento viene erogato nel momento in cui Agos riceve dall'ente previdenziale il benestare, vale a dire la dichiarazione scritta che include l'impegno a trattenere le quote cedute dalla pensione del soggetto che ha richiesto il prestito.

Il contratto di credito può essere modificato, da parte di Agos, nel caso in cui l'ente finanziatore ritenga che vi sia un motivo giustificato per farlo: in questo caso invia al pensionato una proposta di modifica unilaterale, sotto forma di documento cartaceo, senza costi per il cliente, con un preavviso minimo di almeno due mesi, in modo che il cliente possa decidere se recedere dal contratto. Nel caso di recessione, ovviamente, non sono previste spese di alcun tipo.

Cosa succede se la pensione viene sospesa o ridotta?

Può capitare che, per qualsiasi motivo, l'entita della prestazione pensionistica vari: in tale circostanza, anche la cessione del quinto Agos viene modificata, ridotta o sospesa a seconda delle circostanze.

Spetta al cliente, a quel punto, versare la differenza tra la rata mensile stabilita dal contratto e la somma che viene effettivamente versata dall'ente pensionistico, secondo modalità che provvederà Agos a comunicare direttamente.

Tale differenza dovrà essere erogata per tutti i mesi per cui la modifica, la riduzione o la sospensione sono state previste. Non solo: è contemplata anche una maggiorazione dovuta agli interessi di mora.

Per il rimborso, il cliente dà all'ente pensionistico l'autorizzazione a trattenere dalla pensione che gli spetta gli importi che ancora mancano alla conclusione del piano di ammortamento previsto inizialmente, per un periodo che non può superare i 18 mesi.

Conclusioni

In conclusione, la cessione del quinto Agos sia per i lavoratori dipendenti che per i pensionati costituisce una interessante opportunità di finanziamento che si rivela sicura per l'ente finanziatore, ma al tempo stesso comoda e pratica per chi richiede il prestito, visto che il rimborso della rata mensile non presuppone alcun compito da svolgere e alcuna scadenza da ricordare da parte sua.