Cartilagine di squalo: cos'è, a cosa serve, posologia, controindicazioni, prezzi

La cartilagine di squalo, dalla quale viene ricavata una polvere utilizzata in ambito medico, si ricava dallo scheletro cartilagineo di squali che vivono nelle regioni oceaniche australi (i quali vengono pescati in modo contingentato per non creare danni all'ambiente e all'ecosistema).

Cartilagine di Squalo

Cos'è la cartilagine di squalo

Disponibile sotto forma di polvere o di compresse, la cartilagine di squalo è un prodotto medicinale, impiegato anche come integratore alimentare, che viene adoperato per contrastare le infiammazioni.

Privo, in genere, di effetti collaterali, la cartilagine di squalo contiene diversi componenti, tra i quali i più importanti sono il condroitin solfato e la glucosamina, che si trovano anche nel Condral, nel Dona o in altre specialità medicinali. La glucosamina, nello specifico, è una sostanza naturale che è già presente nel corpo umano, e in particolar modo nei tendini, nel derma e nei tessuti connettivi, quali sono - appunto - il tessuto cartilagineo e il tessuto osseo.

Tale sostanza è importante in quanto costituisce il precursore dei glicosaminoglicani, che sono i più importanti componenti strutturali dei connettivi. La carenza di glucosamina si riscontra in tutti i tessuti che provocano dolori articolari o che sono colpiti da artrosi. Essa, infatti, interviene sulla salute dei tessuti connettivi, con effetti sia a breve che a lungo termine. La sua proprietà più significativa va individuata nella sua azione antinfiammatoria. Ciò non vuol dire che si tratti di un antinfiammatorio in senso stretto, in quanto non interviene sui meccanismi di flogosi in maniera diretta: più semplicemente, grazie alla sua attività analgesica la glucosamina viene adoperata nel trattamento del dolore, in quanto inibisce indirettamente un enzima che è coinvolto nella sintesi di molecole che mediano l'infiammazione e l'ossido nitrico, che a sua volta media l'infiammazione.

Sono presenti, inoltre, diverse proteine di supporto ed elastiche, che esercitano sui tessuti delle articolazioni e dei tendini un'attività trofica. La cartilagine di squalo proviene dalla pesca di animali controllati, ed è quindi autorizzata, non avendo nulla a che fare con specie in via di estinzione.

A cosa serve

La cartilagine di squalo viene utilizzata per favorire la rigenerazione delle cartilagini umane, ma anche per agevolare la riabilitazione di persone colpite da artrite (spesso al ginocchio, alle articolazioni) e di attenuare i dolori. Nel complesso, la cartilagine di squalo ha il pregio di essere molto più efficace rispetto ai componenti singoli proposti nelle specialità medicinali, e per di più ha il pregio di poter essere tollerata senza problemi anche per periodi di tempo molto lunghi.

Leggi anche...

Antinfiammatori naturali

In qualunque caso si possono notare dei miglioramenti, e anche nelle condizioni più gravi si può notare, grazie alla cartilagine di squalo, una stabilizzazione della patologia: il che vuol dire che il processo degenerativo viene interrotto. In sostanza, la cartilagine di squalo non ha, in sé, un potere rigenerante, ma semplicemente va a sostituire la cartilagine atrofica, mancante o comunque degenerata per i motivi più vari (in genere, per l'età).

Affinché si possano ottenere risultati degni di nota, però, è essenziale che la qualità del prodotto sia elevata: è importante, quindi, fare affidamento su farmacie che collaborano con fornitori di provata professionalità.

Posologia

Il dosaggio medio per la cartilagine di squalo è di non meno di 1 grammo e mezzo e non più di 2 grammi ogni giorno (nel caso di capsule di cartilagine di squalo, ciò corrisponde a 3 capsule, che possono essere assunte in qualsiasi momento della giornata, anche contemporaneamente). Va sottolineato che i periodi di trattamento sono prolungati, poiché gli effetti benefici non si palesano in maniera istantanea, a differenza di quel che succede con i farmaci allopatici.

Controindicazioni - possibili effetti collaterali

La cartilagine di squalo non presenta controindicazioni né effetti collaterali nei soggetti in salute. Non deve essere utilizzata, però, dalle donne in gravidanza, dai bambini e da qualsiasi persona che abbia subìto una frattura o che, comunque, si trovi in una condizione per cui debba riparare i propri tessuti.

Prezzi medi

I prezzi della cartilagine di squalo sono variabili: si possono trovare confezioni da 60 capsule a 12 euro o confezioni da 90 capsule a 35 euro, a seconda delle marche.

Conclusioni

La cartilagine di squalo, in conclusione, è un prodotto molto particolare che garantisce risultati in qualsiasi caso, favorendo il miglioramento delle condizioni dei tessuti ossei e cartilaginei in persone che hanno problemi in questo ambito.