Carte revolving

Le carte revolving sono tra le principali tipologie di carte di credito. Queste prevedono infatti, una linea di credito che parte dai 1500 euro e raggiunge al massimo i 3000 mila euro.

Una volta utilizzato il plafond, invece di restituire l’intera somma il mese successivo (come succede con la normale carta di credito), si provvedere a rimpinguare il plafond utilizzato con delle rate mensili.

La carta revolving permette dunque di ottenere un “prestito” che poi dev’essere restituito a rate. Una volta che si è restituito l’intero plafond impiegato, si può accedere nuovamente all’intera somma, infatti queste carte si ricaricano in automatico ogni qual volta si paga una rata.

Una carta revolving può essere utilizzata per fare acquisti in negozi fisici, per lo shopping online, per prelevare allo sportello. La somma presente sulla carta di credito revolving può essere utilizzata sino al raggiungimento del limite massimo messo a disposizione dalla banca al creditore. L’entità del plafond, dipende solitamente dall’affidabilità creditizia del titolare della carta.

Come richiedere una carta revolving

Le carte revolving possono essere richieste alle banche o agli istituti finanziari. In entrambi i casi queste vengono concesse solo se il richiedente ha una storia creditizia senza macchie. Cosa vuol dire? In poche parole, le carte revolving non vengono date ai cattivi pagatori, a chi ha subito un pignoramento, ai disoccupati, e a chi non ha un reddito dimostrabile.

Quando chiedi una carta revolving a una banca o istituto finanziario è necessario presentare: ultima busta paga, dichiarazione dei redditi (730 o Unico), codice fiscale e carta di identità. Inoltre, le carte revolving sono collegate a un conto bancario, quindi anche se la si richiede a una società finanziaria esterna alla banca, dovrai comunque impostare l’addebito mensile della rata sul tuo conto in banca.

Quali sono le migliori carte revolving

Le migliori carte revolving sono quelle offerte dal circuito Visa, Mastercard o American Express. Queste aziende lavorano in associazione con innumerevoli istituti bancari, società finanziarie e con il circuito postale.

Per scegliere la migliore a seconda delle tue esigenze, ti consiglio di controllare e optare per la società che ti offre una carta revolving con le spese mensili più basse, e con un tasso di interesse minore al momento del calcolo della rata mensile.

Le carte revolving sono uno strumento molto utile per chi ha la necessità di una somma in breve tempo e non vuole richiedere un prestito personale o finalizzato.

Recensioni e guide sulle Carte Revolving

Carta revolving senza reddito dimostrabile

Avere una carta revolving in sostanza significa in sostanza avere un prestito che si rinnova automaticamente. La domanda quindi è: si può avere una carta revolving anche se non si ha alcun reddito? Scopriamolo!

Carta Attiva Plus la revolving di Agos Ducato

Carta Attiva Plus è una carta revolving di Agos Ducato. Permette di prelevare contanti e rateizzare tutti gli acquisti effettuati. È un credito "rotativo" concesso a tempo indeterminato. Scopri come funziona: leggi la recensione.

Carta revolving Pass Carrefour Banca

La carta Pass Carreforur è una revolving rotativa richiedibile direttamente online. Può richiederla chi ha un reddito dimostrabile ed è residente in Italia. Scopri di più, leggi l'articolo.

Carte di credito senza busta paga

Vorresti una carta di credito ma non hai una busta paga? Come fare per averne una ed eventualmente quali sono le alternative possibili? Scoprilo adesso, leggi l'articolo.

Carta revolving Valea

Con zero commissioni su tante operazioni, la carta Valea è tra le revolving più economiche. Scopri i dettagli nella recensione.

Carta BancoPosta Più: recensione ed opinioni

In sostanza è una carta Revolving la BancoPosta Più. Consente quindi di avere un credito rotativo che si ricarica man mano che si pagano le rate sugli acquisti fatti in precedenza. Tutti i dettagli nella recensione.