carta di credito prepagata postepay

Quali carte di credito senza conto corrente sono in circolazione? Come funzionano? E quale è la migliore opzione per le proprie esigenze? Una mini-guida alle carte di credito per scoprire i dettagli delle carte dedicate a chi non possiede un conto.

Carte di credito senza conto corrente: cosa sono

Se è vero che le carte di credito sono nate come prodotti finanziari associati a conti correnti bancari, è anche vero che ormai sul mercato sono presenti carte di credito che non richiedono la presenza di alcun conto corrente per essere rilasciate. Nella categoria delle carte di credito senza conto corrente compaiono le carte prepagate, ovvero dei prodotti finanziari inizialmente destinati ai giovani, ai quali si è voluto concedere uno strumento comodo e rapido, da ricaricare o farsi ricaricare, per avere a disposizione denaro da spendere.

La carta prepagata è un portafoglio virtuale nel quale può essere aggiunto denaro da utilizzare per qualsiasi necessità. A differenza delle carte di credito a saldo, le prepagate non consentono di andare "sotto" budget, ma solo di utilizzare il denaro che si possiede sul conto: in questo modo non si incorre nel versamento di interessi e spese accessorie che caratterizzano le carte a saldo legate ad un conto.

Tipologie di carte disponibili

Come si è visto, le carte di credito senza conto corrente sono carte prepagate. In effetti, sino a qualche anno fa, nella categoria delle carte senza conto erano incluse anche le carte revolving, che a differenza delle prepagate si configurano come dei veri e propri mini-finanziamenti non finalizzati.

Queste carte contengono un credito che è finanziato dalla banca erogatrice, credito che deve poi essere restituito a piccole rate. Dopo pochi anni dalla sua immissione sul mercato il rilascio di una carta revolving senza conto corrente è stato eliminato, probabilmente perché, in assenza di garanzie e magari anche di lavoro, era più difficile per la banca farsi restituire il dovuto. Per questa ragione, oggi le carte revolving, fanno solo parte dei prestiti non finalizzati, destinati ai privati che posseggono un conto corrente bancario.

Le carte di credito senza conto corrente prepagate si distinguono in carte ricaricabili, carte con IBAN e carte usa e getta.

  • Le ricaricabili sono carte che possono essere ricaricate dall'utilizzatore con il credito di cui ha bisogno. Le ricariche possono essere effettuate online, oppure versando l'importo stabilito, presso lo sportello dell'istituto che ha rilasciato la carta. In alcuni casi è possibile effettuare le ricariche anche presso le agenzie Sisal e Lottomatica abilitate.
  • Le carte prepagate con IBAN sono assimilabili, per le funzioni che posseggono ad un vero conto corrente. Sono dotate di codice IBAN pertanto attraverso di esse è possibile farsi accreditare lo stipendio, riceve ed inviare bonifici, domiciliare le bollette di luce, gas o telefono. A queste funzioni si aggiungono quelle che caratterizzano le prepagate standard quindi effettuare prelievi dagli sportelli automatici, fare ricariche telefoniche e fare acquisti presso i negozi o sul web.
  • Le carte "Usa e getta", invece, sono delle carte di credito prepagate che hanno al loro interno un importo, già saldato all'atto dell'acquisto, terminato il quale la carta non può più essere utilizzata ma deve essere gettata.

Chi può richiedere la carta di credito senza conto corrente?

Le carte di credito senza conto corrente (in sostanza carte prepagate) sono i prodotti finanziari più utilizzati perché sono versatili, ma anche perché possono essere richieste da chiunque, anche da coloro che difficilmente avrebbero accesso ad altre forme di credito, come i lavoratori atipici, le casalinghe o i giovani. A richiederle, in alcuni casi, possono essere anche i minorenni, purché i genitori facciano da garanti.

Il costo delle carte prepagate varia a seconda dell'istituto che le ha erogate. Di norma la prassi è versare un importo per l'attivazione della carta ed eseguire, contestualmente, una prima ricarica di un importo stabilito dalla banca stessa. Inoltre, spesso esistono delle commissioni da versare all'atto della ricarica e delle spese che vengono addebitate per prelievi da sportelli diversi da quelli dell'istituto che ha erogato il servizio.

La situazione è diversa per le carte di credito senza conto corrente usa e getta, che solitamente hanno un costo di rilascio che differisce da istituto a istituto, mentre il saldo in esse contenuto è compreso solitamente fra 50 e 500€. Se con esse possono essere effettuati acquisti sia online che presso esercizi commerciali, alcune non prevedono la possibilità di prelevare presso gli sportelli bancomat.

Carte di pagamento senza conto corrente

La prima carta prepagata immessa sul mercato italiano e quella che continua ad essere la più utilizzata da tutti i consumatori, è indubbiamente Postepay di Poste Italiane. Dopo Postepay, negli anni, sono stati inseriti diversi prodotti finanziari con caratteristiche simili a Postepay ma appartenenti a istituti di credito diversi. Oggi, sul mercato finanziario circolano decine di carte prepagate, vediamo quindi nel dettaglio quelle commercializzate dai principali istituti di credito.

Carta Postepay

Postepay è una delle carte di credito senza conto corrente più utilizzate in Italia. Questa carta prepagata può essere richiesta da qualsiasi genere d'utente che abbia almeno 14 anni d'età; in quest'ultimo caso, ovviamente, il minore dovrà essere accompagnato da un genitore o un tutore che garantirà per la sottoscrizione di Postepay Junior.

La richiesta avviene all'interno dell'ufficio postale, presso il quale sarà necessario fornire un documento d'identità valido ed il codice fiscale. Il plafond massimo è di 3.000€ mentre la carta può accogliere in un anno un massimo di 50.000€. Il prelievo giornaliero da qualsiasi ATM, sia postale che bancario, è di 250€. Il circuito su cui opera Postepay è quello di VISA/ Electron.

Costi: Per il rilascio della carta è necessario versare 10€, 5 per l'apertura e 5 di ricarica. Ogni ricarica effettuata costerà 1€ che salgono a 2€ se si sceglie di effettuare una ricarica da ricevitoria Sisal

Enjoy di Ubi - Banca Popolare di Bergamo

Enjoy è la carta di credito senza conto corrente ricaricabile con codice IBAN che può essere richiesta recandosi personalmente presso una filiale di Ubi Banca. La carta è molto conveniente ed è destinata a tutti i maggiorenni.

Per ottenerla è necessario presentare un documento d'identità valido ed il codice fiscale. Sulla carta devono essere sempre presenti minimo 25€ ed il tetto massimo è di 50.000€.

Tutti i prelievi sono gratuiti: si possono prelevare 250€ al giorno e 3.500€ al mese, mentre se il denaro si spende con pagamenti in negozi o sul web la soglia giornaliera sale a 1.500€ al giorno. Enjoy fa parte del circuito Mastercard.

Costi: All'apertura si dovranno versare 2€ con una prima ricarica di 25€. Per ricaricare la carta si spende da 0,5€ a 3€, a seconda che si decida di effettuare la ricarica recandosi presso lo sportello di UBI, da ATM o dal web.

Kristal Best a Chip di Monte dei Paschi di Siena

Kristal Best Chip è la carta di credito senza conto corrente prepagata ricaricabile di Monte dei Paschi di Siena. Per l'emissione della carta è necessario recarsi in filiale presentando i propri documenti d'identità in corso di validità.

I prelievi sono gratuiti solo se effettuati dagli sportelli automatici di MPS, mentre, prelevando da altre banche il costo è di 2,1€ che sale a 4€ quando si esce dalla comunità Europea.

Al giorno si può prelevare al massimo 250€ per singola operazione con un tetto di 1.000€. La capacità massima della carta è di 10.000€. La carta può essere rilasciata ai minorenni, previa autorizzazione e sottoscrizione dei genitori o dei tutori. Kristal Best a Chip viaggia su circuito Visa/Mastercard.

Costi: L'emissione della carta ha un costo di 12€. Solo la prima ricarica è gratuita, mentre tutte le altre hanno un costo variabile da 0 a 2,5€ a seconda dalla modalità che si sceglie per ricaricare la carta.

Carta Prepagata di BNL-Paribas

BNL-Paribas offre diverse carte prepagate, in modo che ciascun consumatore possa trovare la soluzione migliore per soddisfare le sue esigenze. BNL propone infatti una soluzione Standard, una Personalizzata, una per Minore, una Aziendale ed infine la versione Telethon.

La differenza fra queste carte riguardano i soggetti che possono utilizzarle, le modalità d'utilizzo e le finalità. La carta Minore è destinata ai minori che abbiano compiuto 14 anni d'età che hanno soglie di prelievo e di pagamento più basse rispetto alle altre carte destinate agli adulti, ovvero 250€.

La carta standard può essere utilizzata da ogni tipo di consumatore che potrà prelevare 500€ al giorno; la carta si trasforma in Personalizzata quando si vuole che sulla carta compaia il proprio nome ed un'immagine a propria scelta.

La carta Aziendale, oltre ad avere un plafond più alto, pari a 6.000€, importi massimi di prelievo e ricarica più consistenti, rispettivamente 500 e 600€, forniscono la possibilità di ricevere ricariche da aziende e possessori di partita IVA. Le prepagate BNL operano su circuito MasterCard.

Costi: l'emissione della carta costa 5€, tranne che per la carta personalizzata, per la quale il costo sale a 10€. Le spese di ricarica sono sempre di 1€.

riCarige e riCarige con IBAN

Per richiedere la carta riCarige, emessa dal Gruppo Carige, è necessario recarsi direttamente in filiale. La carta riCarige viene proposta sia con formula standard che con IBAN, quindi è in grado di soddisfare qualsiasi necessità.

Entrambe le carte prevedono un canone mensile pari ad 1€ che non è dovuto se si hanno meno di 29 anni, o se si effettua una ricarica o si riceve un accredito di almeno 250€ nell'arco del mese. Attualmente il canone non è dovuto da nessun nuovo cliente per via di una promo che durerà sei mesi.

A cambiare, fra le due carte, oltre alle diverse possibilità d'utilizzo, anche i limiti degli importi che possono essere contenuti nella carta: la carta standard ha un tetto massimo di 3.000€ al mese, con una spesa massima di pari importo, mentre con la carta con IBAN la soglia sale a 10.000€ con soglia di spesa sempre di 10.000€ al mese.

I prelievi hanno un costo che varia a seconda della modalità che si sceglie d'utilizzare: i prelievi dagli ATM del gruppo sono gratuiti; quelli effettuati da altre banche costano 2€, che salgono a 3 se si effettua un prelievo da altre filiali della Banca e a 4€ nel caso si debba prelevare da stati extra-euro. riCarige opera su circuito Visa/Electron.

E' inoltre disponibile una versione Junior, sottoscrivibile da ragazzini di età compresa fra gli 11 e i 17 anni.

Costi: per l'emissione, in entrambe i casi, si devono versare 5€. Le ricariche hanno un costo pari a 0,5€ se effettuate dal web, di 1€ se eseguite da bancomat della stessa banca, di 2,5€ se effettuata con addebito o contanti presso le agenzie della Banca.

I vantaggi di possedere una carta prepagata

Per fare acquisti online oggi è sempre più necessario dotarsi di una carta di credito: operazioni come prenotare un volo, un traghetto o il treno, ad esempio necessitano per il pagamento della presenza di una carta di credito e chi non ne è dotato ha molta difficoltà a fare acquisti. Oltre ad essere utilizzate online, le carte prepagate garantiscono di avere sempre del denaro con sé senza dover portare il contanti, una soluzione molto più pratica e soprattutto sicura.

Selezionati per te