Primo piano del cane di San Berbardo

Il Cane di San Bernardo, nome originale St. Bernhardshund (Bernhardiner) è una razza canina appartenente alla famiglia dei Molossoidi e dei cani da montagna. Dotato di grande attaccamento al padrone e di un carattere equilibrato, il Cane di San Bernardo è un amico forte, coraggioso e instancabile, con un grande intuito nella prevenzione dei pericoli.

E' una cane da lavoro, pesante ma dinamico e armonioso. Una razza funzionale che si esprime bene nel soccorso alpino, ma anche nella Pet Therapy. Vediamo di conoscere meglio questo gigante delle Alpi.

 

Le origini

Bandiera della Svizzera

Nazionalità: Svizzera

Classificazione F.C.I.: 61 - Gruppo 2 Sezione: molossoidi e cani da montagna (Sottosezione 2 tipo da montagna, varietà pelo lungo tipo A - pelo coero tipo B).

Il Cane San Bernardo è per definizione una razza di nazionalità svizzera, ma ciò non toglie che abbia un passato romano alle spalle. Secondo alcune ricerche storiche infatti all'epoca dell'Impero Romano, per controllare le principali vie di comunicazione, insieme alle truppe venivano usati anche mastini di grosse dimensioni. In particolare nei cantoni svizzeri questi avrebbero fornito la base per l'evoluzione della razza San Bernardo.

Nonostante questa storia affascinante, le vere origini sarebbero in Asia in quanto il San Bernardo è un discendente dei Molossi asiatici, il cui più vicino genealogicamente è il Mastino tibetano, razza considerata oggi in via di estinzione. Un corredo genetico basato su forza, grandezza e potenza quello dei molossi, che è sopravvissuto al tempo e si riscontra ancora oggi nei cani San Bernardo.

Lo sviluppo della razza però come la conosciamo sarebbe opera dei monaci dell'Ospizio del Gran San Bernardo che dopo il 1650 lo hanno utilizzato come valido aiuto nella vita in montagna, selezionandone le caratteristiche migliori per il soccorso sulla neve, il trasporto di viveri e la resistenza al freddo. La razza fu presentata per la prima volta a Birmingham nel 1862, anche se ufficialmente la prima stesura degli standard risale al 1887.

Durante la Seconda Guerra Mondiale questo cane ha rischiato l'estinzione. Alcuni allevamenti fra cui quello del veterinario italiano esperto in cani Antonio Morsiani si sono impegnati per recuperare la razza ed evitarne la scomparsa. 

Il carattere del San Bernardo e le attitudini

san bernardo a riposo

Conosciamo ora meglio il carattere del San Bernardo e scopriamo perché è un cane che non lascia proprio indifferenti.

Dolce e protettivo. E' riconosciuto da tutti per la sua calma e la sua dolcezza, tanto da essere considerato un "baby-sitter" per i bambini.

Altruista e sempre attento. Ha un istinto innato nel prevedere i pericoli e se vede qualcuno in difficoltà si getta a capofitto in aiuto, soprattutto fra le neve ad alta quota dove esprime al meglio il suo temperamento.

Territoriale. Non è un cane aggressivo, ma la territorialità lo rende perfetto anche per compiti come badare alla casa e fare la guardia.

Paziente e instancabile. Nonostante la mole possa incutere timore a qualcuno, la sua dote è proprio la pazienza. Ecco perché può essere tranquillamente impiegato nella Pet Therapy. Grazie alla sua intelligenza è facilmente addestrabile e molto motivato. 

Ama e difende il padrone. Il padrone è il suo amico fidato. Con lui sarà sempre un cucciolo e rimarrà buono con tutte le persone della famiglia, inclusi gli amici. Di sicuro però è in grado di difendere il padrone se dovesse trovarsi in una situazione di pericolo.

Poderoso ed equilibrato. E' un cane calmo, gentile, con una personalità forte e ben delineata. Con il giusto addestramento, può ancora oggi compiere con successo i lavori per i quali è stato selezionato, come il soccorso sulle piste da sci e il ritrovamento dei dispersi in caso di valanghe.

Aspetto e caratteristiche fisiche

san bernardo aspetto

Il San Bernardo è un cane di taglia grande, poderoso, instancabile, resistente al freddo e alla neve. Viene definito un atleta pesante in quanto a dispetto della mole è agile, atletico ed elegante, mai goffo. Quello che colpisce è la figura imponente e muscolosa.
Anche la testa è massiccia e larga, fra le più grandi al mondo per quanto riguarda le specie canine. Il muso è moderatamente corto e sempre quadrato, mai appuntito, con labbra inferiori ben sostenute. Sulla fronte le tipiche pieghe marcate della pelle confluiscono verso il centro. Le orecchie sono pendenti, gli arti lunghi e non passa inosservata la coda piuttosto lunga e pesante.

Colore cane di San Bernardo
Il colore di questo cane secondo gli standard di razza è bianco e rosso, oppure rosso e bianco. Non sono previste colorazioni uniformi o manti in assenza di bianco. Sono tipicamente presenti ombreggiature scure sul muso e le orecchie.

Pelo
Esistono due varietà di cane di San Bernardo: la prima è a pelo corto e la seconda è a pelo lungo. Nella prima il pelo è di un bel colore lucido, corto, molto folto e aderente. Nella seconda invece il pelo è di media lunghezza e si presenta più liscio in alcune zone e un po' ondulato in altre. 

Occhi
Gli occhi sono di grandezza media, con la tipica forma a rombo della razza. Il colore è marrone scuro e l'espressione sempre amichevole.

Taglia
Le dimensioni del San Bernardo sono imponenti tanto che nello standard di razza è previsto un limite di 70 cm per l'altezza minima al garrese, ma non un limite massimo. I maschi, più possenti delle femmine, possono raggiungere un'altezza di 80/90 centimetri. Vi sono molti esemplari che superano il metro di altezza. Le femmine sono più minute ma arrivano facilmente a 75 cm e oltre.

Peso
Come ben sappiamo le dimensioni sono importanti per gli esemplari di San Bernardo: i maschi possono pesare 100 kg e oltre, mentre le femmine generalmente si fermano sugli 85-90 kg.

Vita, salute, alimentazione, consigli

san bernardo seduto su una panchina

E vediamo ora alcuni aspetti da conoscere per una convivenza felice con un cane di San Bernardo.   

Dove vive meglio
Anche se il cane di San Bernardo adora stare in casa ai piedi del suo padrone, viste le dimensioni ha bisogno di molto spazio e di potersi muovere. Meglio quindi una casa con giardino con un riparo per l'estate perché ha la tendenza a soffrire un po' il caldo.

Alimentazione
Non si può negare il fatto che, sempre a causa della mole, questo cane in età adulta mangi molto, ma non ha particolari esigenze alimentari. Nelle fasi di cucciolo e di cucciolone però la dieta deve essere perfettamente bilanciata perciò è consigliabile seguire i suggerimenti nutrizionali del veterinario per garantirgli tutto quello di cui ha bisogno. In ogni fase è consigliabile non esagerare con il cibo perché questo cane rischia l'obesità.

Longevità
Il gigante delle Alpi ha una vita media intorno agli 8-10 anni.

Salute
Il cane di San Bernardo è una razza canina robusta. Il suo punto debole però sono gli occhi che vanno accuratamente controllati in caso di lacrimazione eccessiva. Può anche sviluppare una malattia oculare (entropion) che vede il bordo delle palpebre rovesciarsi all'interno causando grande infiammazione. Fra le altre patologie diffuse troviamo problemi dermatologici e al cuore, la sindrome di Wobbler (una compressione del midollo spinale nella zona cervicale) e la displasia dell’anca.

Consigli
È importante educare il cane di San Bernardo fin dalle prime fasi di vita, in modo coerente e insegnandogli a mantenere la calma in tutte le situazioni. La sua pazienza è messa alla prova dal caldo e dagli spazi stretti e, in questi casi, un cane non educato e socializzato potrebbe avere reazioni avventate e diventare aggressivo con gli sconosciuti.
Inoltre è importante non trascurarlo e non lasciarlo mai da solo per non vederlo triste.

Prezzo cuccioli di San Bernardo

Quando si decide di acquistare un cane di razza è sempre consigliabile rivolgersi ad un allevamento conosciuto e di fiducia, in modo da assicurarsi che tutto sia documentato e controllato. Per i cuccioli di Cane di San Bernardo il prezzo è di circa 1600-2000 euro. Alle volte si trovano anche a prezzi leggermente inferiori.