mirabilis-jalapa

La Bella di notte è conosciuta per il suo fiorire solo all'imbrunire. Questa sua caratteristica viene riportata nel linguaggio dei fiori come a rappresentare la timidezza. Il significato della Bella di Notte non indica solo questo, ma è anche un fiore speciale che si regala alle persone che si reputano uniche e speciali, o ad una persona che da sostegno a sogni e idee. Perché fiorendo di notte attrae le lucciole, quindi è considerata come: un faro nella nota.

La Bella di Notte o Mirabilis Jalapa è una pianta erbacea tuberosa, originaria del Perù, appartiene alla famiglia delle Nyctaginaceae. Nata nelle vicinanze della città di Jalapa, Città del Messico, oggi il fiore è diffuso in tutto il mondo e grazie alle sue caratteristiche si adatta bene al clima italiano ed europeo.

Bella di notte caratteristiche

Fiore Bella di notte - mirabilis jalapa

La Bella di Notte è una pianta erbacea che può raggiungere gli 80 centimetri di altezza. I fusti sono spessi e pieni con foglie opposte, inoltre questi presentano diversi radicanti e ramificazioni. Per questo motivo spesso sono utilizzate per creare delle siepi.

I suoi fiori si presentano con cinque petali e senza calice, all'interno invece si presenta la corolla che può essere di varie tonalità che vanno dal giallo, al rosso, rosa e bianco. I fiori si schiudono dopo il tramonto hanno un profumo intenso che richiama farfalle, lucciole e falene.

I fiori sono disponibili in varie colorazioni come: bianco, porpora, rosa, rosso, giallo, porpora o bicolore. La pianta può produrre anche naturalmente fiori di colori diversi tra loro.

Coltivazione e riproduzione

Coltivazione fiore bella di notte - mirabilis alapa

La bella di notte si riproduce per semina. I semi una volta acquistati vanno immessi nel terreno verso la fine dell'inverno, tra febbraio e marzo. Questi possono essere distribuiti in vaso o direttamente nel terriccio. Dopo posti sul terreno, bisogna ricoprire i semi con un terriccio misto a sabbia. La fioritura, invece avviene da luglio sino ad ottobre.

La Bella di notte ama i luoghi caldi, soleggiati e luminosi, il terreno dev'essere ben drenato ma non ha bisogno di importanti innaffiature in inverno, primavere e autunno basta l'acqua piovana. D'estate invece bisogna innaffiarla regolarmente.

Propagazione

Alla fine della fioritura, noterai che al posto del fiore ci sono dei piccoli semi sferici uniti tra loro e di colore nero, ricoperti da un guscio. La raccolta di questi dev'essere fatta tra settembre e ottobre alla fine della fioritura, dopo bisogna conservarli in sacchetti chiusi e poi utilizzati per la semina tra febbraio e marzo.

L'innesto può avvenire anche attraverso i bulbi. In questo caso, bisogna estrarre la pianta dal terreno e tagliare con un taglierino da giardino i bulbi della pianta. Dopo averli rimossi, tra settembre e ottobre, si devono pulire, separare e far asciugare. Poi dovrete conservarli in un luogo asciutto e utilizzarli tra febbraio e marzo, per poi impiantarli nel terreno.

Proprietà ed usi

Le proprietà della Bella di Notte sono diverse e di solito se coltivata nel terreno può essere ancora più ricca di sali minerali e vitamine. Secondo la medicina naturale, la bella di notte ha diversi vantaggi, ad esempio viene impiegata per combatter i sintomi della tonsillite, per alleviare il prurito, le scottature e l'orticaria. Inoltre si utilizza anche per alleviare i problemi di febbre o dissenteria, estraendo il succo delle sue radici.

La Bella di Notte è un ingrediente usato in erboristeria per la creazione di creme per la pelle e contro le scottature. Infine, i suoi fiori danno un colorante rosso che viene impiegato per uso alimentare. Infine, il fiore è usato principalmente come ornamento per creare siepi e piccoli cespugli.

Malattie

La Bella di notte è una pianta molto resistente, però anche questa può essere intaccata da alcuni parassiti. Tra gli attacchi più frequenti ci sono quelli degli afidi verdi, delle lumache che mangiano le piantine, oppure le foglie potrebbero contrarre la ruggine. Per contrastare le malattie puoi usare degli antiparassitari naturali, senza sostanze nocive.