Antinfiammatori naturali: piante e alimenti contro il dolore

Grazie agli antinfiammatori naturali non è necessario ricorrere sempre all'utilizzo di farmaci. Con l'aiuto di piante, alimenti e tisane, si possono ridurre i disturbi infiammatori agendo direttamente sul meccanismo che li provoca, senza però incorrere negli effetti collaterali che spesso seguono l'assunzione di antinfiammatori farmacologici, cioè di natura chimica. Vediamo quindi cos'è un'infiammazione e quali sono i rimedi naturali per contrastarle.

Antinfiammatori naturali

Cos'è un processo infiammatorio

I processi infiammatori sono dei meccanismi naturali di difesa biologica che il nostro corpo mette in atto per difendersi, appunto, dall'azione di diversi agenti, che siano chimici, tossici o traumatici e che, senza questo meccanismo, potrebbero infliggere seri danni all'organismo. Solitamente tali processi si manifestano con sensazioni dolorose, anche acute, arrossamenti e gonfiori sulla parte interessata, se si tratta di traumi, oppure senza nessun segno visibile.

Antinfiammatori naturali: l'aiuto delle piante officinali

Il dolore causato da un processo flogistico spesso può assumere connotati importanti. Dal classico mal di schiena al comune mal di gola, l'infiammazione può diventare davvero difficile da tollerare rendendo impossibile il normale svolgimento delle azioni quotidiane. Se però preferiamo non assumere farmaci, possiamo trovare in natura dei potenti alleati. Sono tante le piante con poteri antinfiammatori che possono aiutarci a contenere il disturbo, utilizzate fin dall'antichità, ma che ancora oggi trovano largo impiego.

  • Artiglio del diavolo. Questo è considerato un potente antinfiammatorio naturale. Le radici contengono, tra i principi attivi, fitosteroli e flavonoidi. Utile per combattere mal di schiena, dolori cervicali, tendiniti, artrite reumatoide e contusioni. Si può utilizzare localmente sotto forma di pomata o unguento o per via orale sotto forma di capsule, pasticche, tintura madre.
  • Malva, ottima per infiammazioni intestinali.
  • Spirea. Questa pianta lenisce il dolore grazie alla sintesi delle prostaglandine. Utile contro dolori articolari, mal di denti, artrite e artrosi.
  • Tisana al tè verde, ricca di flavonoidi che combattono i processi infiamatori.
  • Tisana allo zenzero, ottenuta mediante l'infusione delle radici sminuzzate.

Alimenti antinfiammatori da inserire nella dieta

Esistono anche numerosi alimenti con un buon potere antinfiammatorio e che dovrebbero essere inseriti in una dieta mirata. Di contro, sarebbe opportuno evitare gli alimenti irritanti e che potrebbero scatenare delle infiammazioni, tra questi, lo zucchero bianco e tutte le pietanze a base di proteine animali che sono per lo più ricche di acido arachidonico per mezzo del quale vengono sintetizzate le prostaglandine.

Tra gli alimenti antinfiammatori troviamo il riso integrale che contiene la tricine, una sostanza che contrasta l'infiammazione. Ottimi anche l'olio evo, da utilizzare a crudo, così come quello di riso. I semi di lino, da mangiare appena tostati o con i quali condire un'insalata. Ottimi anche i cavoli, sconsigliati se si soffre di pirosi, cicoria, ravanello, cipolla rossa, ricca di antiossidanti, zucche, rape, erbe selvatiche. Frutta quali mele, pere e ananas, ma quest'ultima meglio sotto forma di tisana.

Sono tanti gli antinfiammatori naturali, con un'azione sinergica di alcuni elementi, il processo antinfiammatorio può facilmente essere tenuto sotto controllo senza dover ricorrere ai farmaci.

Potrebbe interessarti anche

Argomenti più ricercati

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.