Zenzero: magico rimedio naturale per molti disturbi

Per chi ama prendersi cura della propria salute utilizzando metodi naturali, lo zenzero è sicuramente un elemento da prendere in considerazione, non solo per le proprietà curative, ma anche per quelle legate all’ azione dimagrante che ne fa un alimento multi uso da tenere sempre in casa. Come ogni trattamento naturale però, è bene anche conoscere come utilizzare questo tubero, di origine orientale, senza incorrere in fastidiosi effetti collaterali. Scopriamo insieme come trarne i massimi benefici.

Zenzero tagliato

Conosciamo lo zenzero

Innanzitutto, impariamo a conoscere lo zenzero. Pianta erbacea che fa parte delle Zingiberaceae, come ad esempio il Cardamomo, lo zenzero giunge nelle nostre case dalle produzioni dell’Estremo Oriente, in particolar modo nella fascia tropicale. Molto utilizzato come ingrediente quotidiano nella cucina dei luoghi in cui viene coltivato, ad esempio nella preparazione di zuppe, da noi inizia a interessare la popolazione grazie al suo impiego, fondamentalmente, per scopi salutari.

E’ grazie alla diffusione su larga scala in Occidente della medicina Ayurvedica, che abbiamo imparato a inserire lo zenzero nelle nostre migliori pratiche salutistiche, ed effettivamente, possiamo dire a buona ragione che lo zenzero è una sorta di elisir in grado di risolvere diversi disturbi e anche, aiutarci a dare una spinta al metabolismo quando sentiamo la necessità di perdere qualche chilo di troppo.

Come si presenta lo zenzero?

  • Fresco – di colore beige chiaro e polpa bianca, lo zenzero fresco appare come un tubero nodoso. Viene venduto sia decorticato della pelle che intero. Si consiglia di acquistare il tipo intero, così da garantire una migliore e maggiore conservazione del prodotto. Si trova ormai in quasi tutti i supermercati nei reparti ortofrutticoli.
  • Essiccato – nelle erboristerie possibile acquistare lo zenzero essiccato, sia intero che in polvere. In questa formulazione, lo zenzero perde un poco del suo aroma, ma non la carica dei principi attivi.
  • Olio essenziale – anche questa forma, si trova nelle erboristerie e talvolta nei supermercati più forniti. L’olio essenziale conserva i principi attivi in forma concentrata.

Fresco, essiccato, olio essenziale: quale scegliere?

A seconda dell’uso che si intende fare, è preferibile acquistare lo zenzero in una delle formulazioni presenti nel mercato.

  • Lo zenzero fresco può essere utilizzato per preparazioni fresche, come i frullati, gli estratti di verdura, le insalate.
  • Lo zenzero essiccato, è preferibile quando si desidera innanzitutto di poterlo conservare a lungo e in secondo luogo per preparazioni diverse da quello fresco: vedremo più avanti gli utilizzi.
  • L’olio essenziale di zenzero è utilizzato in piccole quantità – è molto concentrato – e permette una conservazione medio-lunga.
  • Come si conserva lo zenzero fresco

Per conservarlo più a lungo, è bene ricordare di avvolgere il rizoma nella carta dei sacchetti in cui viene venduto il pane e poi inserirlo in una busta di plastica. Riporlo poi in frigorifero.

Alcuni preferiscono conservare lo zenzero fresco nei barattoli di vetro e ci sono persone che lo mantengono un po’ più a lungo, conservandolo in un barattolo ove sia stata preparata una salamoia di acqua, sale e aceto.

Altro metodo di conservazione dello zenzero fresco è quello di candirlo. Il procedimento è un po’ lungo, ma da ottimi risultati, anche a livello di gusto.

Zenzero: i costi nelle varie forme

Lo zenzero secco è quello più economico, si trova in erboristeria a circa due euro l’etto. Quello fresco è più caro: un solo rizoma del peso di circa 200gr. può arrivare a costare 10 euro e la conservazione è limitata. L’olio essenziale è quello che costa di più. Si trova in flaconcini dai 10 ai 250ml. Una boccetta da 10 ml si aggira intorno ai 5 euro, una da 250ml può arrivare a costare anche 80 euro e più.

Utilizzi dello zenzero

Incredibile il numero dei principi attivi contenuti nello zenzero. Sono oltre 300 fra antiossidanti, pectine, mucillagini, fenoli e olii essenziali. Ognuno di essi, svolge la sua azione benefica sull’organismo, anche se – proprio a causa delle tante componenti attive – ancor oggi il mondo scientifico studia le tantissime peculiarità dello zenzero. La millenaria tradizione medica indiana, chiamata medicina Ayurvedica, da tempo immemore conferma le tante e incredibili proprietà benefiche dello zenzero: scopriamole insieme.

Lo zenzero e i benefici per il tratto gastrointestinale

Molteplici sono gli usi per il tratto gastrointestinale: lo zenzero viene utilizzato nei casi di anoressia, per stimolare l’appetito, grazie al fatto che stimola la produzione dei succhi gastrici, ma anche per velocizzare i processi digestivi.

Utilissimo per combattere la flatulenza e il meteorismo, lo zenzero – ottimo carminativo – aiuta a ripristinare il giusto equilibrio di acidità del tratto intestinale.

Antisettico naturale, lo zenzero è eccellente – nella forma fresca preferibilmente – per combattere i bruciori di stomaco, grazie alle sue proprietà antisettiche e cicatrizzanti naturali.

Utilissimo anche per scongiurare gli effetti dell’Helicobacter, batterio responsabile di molti disturbi digestivi fra i quali il reflusso gastrico e la gastrite, aggiunto grattugiato fresco sulle pietanze, diventa un elemento essenziale per il buon funzionamento del sistema gastrointestinale.

Lo zenzero ha proprietà antidolorifiche

Dolori reumatici, muscolari e articolari, possono trovare beneficio dagli impacchi caldi a base di zenzero fresco, che aiuta anche a contrastare la formazione di gonfiori, magari dopo una brutta caduta.

Come preparare un impacco caldo? E’ presto detto. Vi serviranno:

  • 1 pentola per cottura a vapore
  • Pezzuole di cotone
  • Zenzero fresco

Si prende una pezzuola e vi si inserisce lo zenzero fresco, circa 30 gr. Affettato, avendo cura di chiuderlo a pacchetto. Si pone la pezzuola sulla griglia della pentola a vapore, in cui avremo scaldato l’acqua. Si copre col coperchio, lasciando che i principi attivi vengano come catturati dal cotone, per circa 10 minuti. Porre quindi la pezzuola calda sulla zona colpita da dolore.

Zenzero antinevralgico

Mal di denti o mal di testa? Niente paura! Anche in questo caso lo zenzero giunge in nostro soccorso! Si può assumere sotto forma di decotto, oppure, con l’antico metodo dei cataplasmi. Ecco come prepararli. Occorrono:

  • 250cl di acqua
  • 10 gr di radice fresca di zenzero

Mettere l’acqua – fredda - in un pentolino, immergetevi lo zenzero, e fate bollire per circa 10 minuti. Lasciare intiepidire. Questo preparato può essere utilizzato sia immergendovi una pezzuola di cotone, da porre sulla zona dolorante, sia assumendolo come bevanda, magari addolcita con un poco di miele.

Lo zenzero per curare le affezioni delle vie respiratorie

Quando si hanno problemi di stagione, come quelli invernali, costituiti da mal di gola e laringite, oppure quando le vie respiratorie sono congestionate a causa di un raffreddore, sarà utile assumere una bella tisana a base di zenzero. Prepararla è molto semplice: fate bollire 250cl di acqua, spegnete il fioco, aggiungete due o tre cucchiaini di zenzero secco in polvere, secco o fresco (grattugiato) e unite qualche fogliolina di basilico. Tenete in infusione dai 5 agli 8 minuti e filtrate. Aggiungete del miele e bevete, meglio se a stomaco vuoto. Se avete la febbre, assumete due volte al giorno: lo zenzero ha anche proprietà leggermente antipiretiche.

A dieta? Lo zenzero ci aiuta a perdere peso

Fra le sue tante proprietà, lo zenzero è un ottimo drenante e depurativo. Oltre ciò, ha un buon effetto termogenico: significa che aiuta l’organismo a bruciare le calorie.

Per ottenerne i benefici “dimagranti”, prendete l’abitudine di masticare – due o tre volte al giorno – dei pezzetti di zenzero, oltre ad assumerlo attraverso tisane preparate seguendo i suggerimenti descritti prima.

A chi è sconsigliato

Pur essendo un elemento ricchissimo di proprietà terapeutiche, lo zenzero in certi casi va evitato.

No alle donne in gravidanza, a causa del suo contenuto in gingerolo, che ha anche proprietà abortive. Alcune persone poi, potrebbero essere allergiche allo zenzero, e scoprirlo solo dopo avlo assunto, mentre coloro che sono affetti a patologie cardiovascolari, faranno bene a consultarsi col proprio medico prima di assumerlo.

Conclusioni

A ben vedere, questo prodotto così prodigioso è un grande toccasana per la salute. Poche controindicazioni, tante proprietà positive. Zenzero: mai più senza!