Accumulo fotovoltaico: batterie, prezzi e tecnologie a confronto

Cos'è l'accumulo fotovoltaico? Sono sempre più le famiglie che, per l'approvvigionamento energetico domestico, scelgono una fonte rinnovabile come il fotovoltaico. Una scelta sostenibile, etica di rispetto per l'ambiente e di risparmio sul budget familiare. Efficienza energetica domestica significa saper coniugare la risorsa rinnovabile dell'energia fotovoltaica con il maggior risparmio possibile, quindi saper scegliere il miglior sistema per accumulare l'energia elettrica prodotta dal proprio impianto fotovoltaico.

Rappresentazione di un impianto fotovoltaico con accumulo

Che cos'è l'accumulo fotovoltaico

L'accumulo fotovoltaico è un sistema di approvvigionamento dell'energia fotovoltaica che mira a perseguire l'obiettivo dell'indipendenza energetica domestica o commerciale. E' un sistema che si avvale di diverse tecnologie che si pone l'obiettivo di portare a una significativa riduzione dei costi e in generale a una gestione energetica intelligente dell'energia solare auto-prodotta. Non esiste un'unica soluzione tecnologica, ma più soluzioni che si caratterizzano per versatilità, praticità, per tecnologia, sicurezza.

Principali tipologie di accumulatori commercializzati

Il sistema di accumulo fotovoltaico avviene per mezzo di batterie che immagazzinano l'energia prodotta, per poi averla a disposizione quando serve. In questo senso si esprime l'efficienza del sistema che immagazzina l'energia e la sfrutta quando serve. Il sistema di accumulo viene collegato all'impianto fotovoltaico ed è proporzionato alla potenza dell'impianto, agli accumulatori ed alla richiesta domestica di risorsa energetica.

Accumulatori più economici

Quando si parla di accumulo fotovoltaico, la batteria più economica è la più tradizionale, quella che abbiamo avuto modo di conoscere per le automobili e in generale i veicoli a motore. Proprio per questo sono le più usate. La batteria al piombo - acido trattiene il 50% di energia prodotta per effetto del sistema "carica - scarica" e pertanto se si devono accumulare 5 kw di energia , allora dobbiamo dotarci di un accumulo pari al doppio e cioè da 10 kw. Inoltre, le batterie al piombo - acido durano circa 3/4 anni, poi devono essere sostituite. Sono le più economiche ma sono pesanti e ingombranti.

Accumulo fotovoltaico: batterie agli Ioni di litio (li-ion)

Per gli impianti fotovoltaici le batterie agli ioni di litio spesso vengono prese poco in considerazione per i costi piuttosto elevati. Queste tipologie di accumulatori però, sono abbastanza preformanti, senza dubbio di più rispetto agli accumulatori al piombo - acido. Durano anche di più rispetto alle precedenti, arrivando a durare anche 10/12 anni.

Accumulo fotovoltaico: batterie al Nichel- cadmio (NiCd)

Accumulo grosse quantità di energia anche se la percentuale di scarica è di poco inferiore alle batterie precedenti. Poichè  la loro possibilità di carica e funzionamento anche a basse temperature è significativa, sono particolarmente indicate dove il clima è rigido e le temperature invernali sono particolarmente basse.

Accumulo fotovoltaico: batterie Nichel metallo idruro (NiMH)

Le batterie NiMH sono un'evoluzione rispetto a quelle al nichel e cadmio e hanno migliori prestazioni anche ambientali avendo un ridotto impatto sull'inquinamento. Sono le batterie che comunemente troviamo nei veicoli elettrici, negli apparecchi elettromedicali portatili. L'auto-scarica è di molto ridotta e pertanto, nel novero delle batterie per accumulo fotovoltaico, si pongono in ottima posizione. Il costo, rispetto alle precedenti, è più elevato

Accumulatori al nichel cloruro di sodio es.  ZEBRA (Zero Emission Battery Research Activities)

Si tratta di batterie di ultima generazione che, per quanto presentano alcune limitazioni dovute al mantenimento dell'elevata temperatura di lavoro (250°C) sono particolarmente efficienti, hanno buone prestazioni in termini di cicli di carica e scarica (circa 1000) e soprattutto sono a impatto zero, perché sono prodotte con materiali non inquinanti. Al momento sono coperte da brevetto e ciò ne limita un po' la diffusione. Inoltre le batterie ZEBRA al momento sono commercializzate tra le imprese e quindi la diffusione domestica è ancora preclusa.

Prezzi e consumi a confronto

Una volta considerate le diverse tipologie di batterie per accumulo fotovoltaico e averne visto vantaggi e svantaggi, è utile soffermarsi su ulteriori aspetti che riguardano strettamente consumi e prezzi delle diverse tecnologie, considerando, dunque, il rapporto qualità/prezzo. In media si è stimato che il consumo di energia elettrica per una famiglia è di 3 kw e tale consumo è certamente una spesa non indifferente che grava sul bilancio familiare.

Dobbiamo quindi considerare l'accumulo di fotovoltaico in relazione ai consumi, ovvero bilanciare la potenzialità di carica delle batterie in relazione ai nostri consumi affinché quest'ultimi siano soddisfatti.

Potrebbe interessarti anche: Guida al risparmio energetico domestico

Prezzi medi delle batterie per un impianto domestico di 3 kw

Oggi i prezzi delle batterie per accumulo fotovoltaico sono diminuiti rispetto al passato per effetto della concorrenza e dell'evoluzione tecnologica. In altre parole, rispetto al passato le famiglie che si stanno dotando di impianto fotovoltaico sono molto incrementate e unitamente al fatto che la tecnologia ha prodotto nuove tipologie di accumulatori, i prezzi sono scesi. Oggi non è possibile con esattezza stabilire un prezzo per ogni tipologia di batteria, proprio per la velocità con cui il mercato cambia, ma orientativamente possiamo dare indicazioni con oscillazioni da > a:

  1. batterie piombo - acido: da 2500 - 4500 €
  2. batterie agli ioni di Litio: da 4000 - 6000 €
  3. batterie NiMh e al Nichel Cadmio: da 3000 - 5000 €

Se fino a non molto tempo fa, investire nel fotovoltaico risultava poco conveniente, oggi, grazie alla tecnologia - che aumenta l'efficienza energetica - e all'evoluzione della concorrenza - che diminuisce i costi -  l'investimento è molto più conveniente. Inoltre a ciò deve aggiungersi anche il fatto che la Legge di Stabilità del 2016 ha prorogato le detrazioni fiscali della Legge di Stabilità del 2015 e quindi risulta particolarmente favorevole la detrazione del 50%.

Risorse utili:

Le 5 migliori marche di Accumulatori

Panasonic, batterie long-life